Scienzapertutti

marie curie

Lezioni di Marie Curie

La fisica elementare per tutti

di Isabelle Chavannes

 

 

In questo bellissima raccolta di lezioni tenute dal premio Nobel Marie Curie c'è tutto lo spirito del grande scienziato. Lezioni molto particolari in quanto dedicate ai bambini dei conoscenti che, una volta alla settimana avevano la fortuna di partecipare a dei veri e propri laboratori della scienza con illustrissimi insegnanti, molti dei quali insigniti del premio Nobel. Si tratta di un esperimento sociale oltre che scientifico con un metodo di insegnamento estremamente moderno basato sulla discussione e sull'esempio piuttosto che sull'enunciazione dei concetti di fisica di base. Ancora oggi, seppure sono passati più di cento anni, non tutti i giovani studenti che per la prima volta sono venuti in contatto con i concetti di pressione, densità e peso, hanno avuto la fortuna di capirli profondamente a seguito di una discussione con i propri maestri. La curiosità ed il divertimento come elemento fondamentale per interessare le giovani menti e trasmettere il sapere. Ecco così che Madame Curie mostra ai suoi giovani allievi che l'aria pesa e dimostra come si possa costruire un barometro a mercurio che ne misura il peso. E così avanti per mostrare perché le barche galleggiano e dimostrare il principio di Archimede. Sempre con esempi pratici, sempre seguendo un ragionamento che viene, passo dopo passo, confermato dalla pratica, scartando le ipotesi e le intuizioni che ci porterebbero ad un risultato non consistente con la realtà: il metodo scientifico spiegato ai bambini. Oltre ad una delle menti più brillanti del '900, Marie è stata anche un'appassionata partecipe dei fermenti sociali che hanno caratterizzato il secolo scorso, convinta che la scienza, oltre a soddisfare l'intelletto, deve avere un valore sociale per il miglioramento delle condizioni di tutti gli uomini. Un grande scienziato ed anche una grande donna, un esempio che tutti i moderni ricercatori dovrebbero seguire.

(Dicembre 2016: SxT-libroalmese) // Marco Battaglieri