Un libro al mese

libro_fine_scienza
Agnoli Paolo
HIROSHIMA E IL NOSTRO SENSO MORALE
ANALISI DI UNA DECISIONE DRAMMATICA
 

La mattina del 6 Agosto 1945 un bombardiere americano sganciò una bomba atomica sulla città giapponese di Hiroshima. […] Una nuova epoca della storia dell’umanità era iniziata.
Inizia così, in maniera diretta, senza fronzoli, il saggio di Paolo Agnoli; così come possiamo pensare sia esploso, con il suo enorme sordo bagliore, l’ordigno nucleare su Hiroshima. Un evento questo che non ha rappresentato solo un tragico momento della seconda guerra mondiale, ma è stato anche uno di quei pochi momenti della storia dell’uomo che segna un punto di svolta, una pietra miliare ed un drammatico dilemma sul quale si continua, giustamente, a scrivere e discutere dopo 70 anni. I piani sui quali affrontare il problema sono trasversali e vanno dall’aspetto fisico-scientifico, a quello etico-filosofico e politico-militare.
Il libro in discussione è un saggio storico che chiarisce il contesto nel quale si sono mossi tutti gli attori del dramma: dagli scienziati riuniti a Los Alamos, ai militari americani, ai giapponesi, fino agli incubi del presidente Truman che si è trovato di fronte alla necessità di autorizzare il lancio. Abbiamo la fortuna di trovarci di fronte ad un libro scritto da un fisico di formazione, ma anche con una laurea in filosofia e che sa fondere bene i due aspetti con la realtà storica che domina le 260 pagine. Il libro inizia introducendoci al concetto di scelta morale e chiarendo la relazione tra etica e scienza per poi proseguire sul piano scientifico discutendo cosa vuol dire costruire una bomba atomica con tutta la serie di scoperte scientifiche, innovazioni tecnologiche, scelte morali, dubbi e crisi di coscienza che questo ha comportato. Che ruolo ebbero Fermi, Einstein, Oppenheimer, Szilard o gli scienziati tedeschi rimasti in patria a lavorare sul progetto atomico? La Germania, partita avvantaggiata negli studi della fissione atomica, era vicina alla produzione della bomba?
Il nazismo era oramai caduto, ma la situazione militare nel Pacifico faceva contare molte migliaia di vittime ogni giorno, la maggior parte costituita da civili giapponesi. Nonostante tutto il Giappone era pronto a sacrificare milioni di suoi figli per l’onore del popolo e dell’imperatore, senza contare i crimini continui in Cina e Corea. Le informazioni che però vengono date alla popolazione sono solo sommarie e frammentarie, degne di un regime totalitario in mano ai militari.
L’utilizzo delle bombe su Hiroshima e Nagasaki rimane tra le azioni più controverse della storia contemporanea, ma l’autore riesce a costruire intorno al lettore un quadro storico molto preciso e inevitabilmente, alla fine di questo importante e interessante saggio, saremo portati a chiederci quanto l’ordigno atomico sia stato solo un’atroce arma di distruzione o anche uno dei più’ potenti strumenti di pace capace di far finire la guerra, certamente in un modo terribile, ma anche il meno terribile tra tutti quelli possibili.
Importante sottolineare che ogni dichiarazione o fatto storico riportato da Agnoli è ampiamente supportato da note a piè di pagina, referenze e link web coi i quali si può approfondire uno qualsiasi degli aspetti che ci interessano maggiormente.
Prima di esprimere qualsiasi giudizio morale, semmai preconfezionato, invito le persone interessate a costruire un giudizio attento e meditato e a leggere tale saggio per non esperti che si pone tra i più completi da un punto di vista storico, filosofico e scientifico. Alla fine, immedesimandosi per un istante nel presidente degli Stati Uniti d’America del 1945, H.Truman, chiediamoci: cosa avrei fatto io se avessi dovuto decidere sull’utilizzo della prima bomba atomica?

(Gennaio 2016: SxT-libroalmese)/Pasquale Di Nezza

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.