Un libro al mese

libro_fine_scienzaUgo Amaldi
SEMPRE PIU' VELOCI
Perché i fisici accelerano le particelle: la vera storia del bosone di Higgs

I fisici delle particelle, fino a qualche anno fa, non avrebbero mai immaginato, che una scoperta di fisica – per quanto decisiva e importante - potesse divenire popolare come una rockstar. Nemmeno di dover fare i conti con i milioni di persone, raggiunte dalla notizia che la grande macchina del CERN LHC ha catturato la particella di Dio, come molto impropriamente è stato ribattezzato il bosone di Higgs. Per un attimo un pubblico vastissimo si è così affacciato al mondo affascinante e complesso della fisica contemporanea. A chi tra questi non bastasse lo sguardo necessariamente superficiale e volatile dei media, Ugo Amaldi, racconta “la vera storia del bosone di Higgs” e spiega “perché i fisici accelerano le particelle”. Recita così il sottotitolo del suo libro “Sempre più veloci”, scritto con la collaborazione di Adele La Rana ed edito da Zanichelli. Amaldi è uno dei protagonisti della fisica europea degli ultimi cinquant’anni e non casualmente mette al centro del suo racconto i ‘personaggi’ solitamente più trascurati: gli acceleratori di particelle e gli scienziati che li hanno immaginati, progettati e realizzati. Da quasi un secolo queste macchine ingegnose e potenti sono lo strumento privilegiato della sfida dei fisici per svelare la struttura e i misteri del Cosmo, ma non solo. Agli albori della fisica atomica infatti la scoperta dei raggi X fornì un utile strumento di diagnosi medica. Da allora la strada della ricerca che punta alle conoscenze fondamentali e quella di tecnologie utili alla nostra vita, hanno camminato quasi parallele e ‘sempre più veloci’, giovandosi dei traguardi della scienza degli acceleratori: dai primi ciclotroni e sincrotroni, ai collisori di materia e antimateria fino ai grandi acceleratori del CERN ed LHC. La fisica è bella e utile, ci insegna Ugo Amaldi, beautiful and useful. E la sua storia, raccontata da chi ne ha vissuto in prima persona (e proprio al CERN) alcune tappe cruciali, è – anche umanamente - avvincente e ci conduce quasi senza fatica a porci le domande più difficili e affascinanti tanto per il pubblico che per gli stessi fisici. Quali sono i costituenti ultimi della materia? Possiamo davvero ricostruire cosa accadde negli istanti iniziali dell’Universo? E ancora: cosa sono i quark e perché i fisici si sono inventati la supersimmetria? Amaldi ci offre le risposte – almeno quelle che conosciamo - con la naturalezza e l’esperienza di chi cura da anni il manuale di fisica più diffuso nelle scuole italiane. E infine riporta alla luce e racconta un’altra storia –molto spesso dimenticata - quella delle macchine di fisica, costruite per la diagnosi e la cura delle malattie e che offrono oggi una terapia innovativa - ma ancora non abbastanza praticata - per la cura dei tumori tramite il bombardamento di protoni o ioni pesanti: l’adroterapia. La fisica è bella e utile. Raccontarla in modo chiaro e avvincente altrettanto.

(MAGGIO 2013: SxT-libroalmese)/Vincenzo Napolano

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.