Rubrica biografie

Coulomb Charles Augustin

Biografia estratta da: http://ppp.unipv.it

Nasce nel 1736. Quando la sua famiglia si trasferisce da Angoulème a Parigi, il giovane Charles Augustin segue le lezioni al Collège Mazarin e al Collège de France. Nel 1757 entra nella Società delle Scienze di Montpellier come membro aggiunto e scrive diversi testi di astronomia e matematica. Torna poi a Parigi, e nel 1760 viene ammesso alla Scuola del Genio di Mezières, dove entra in contatto con Bossut. Nel 1761 si diploma con il rango di "lieutenant en premier" del corpo del genio; dal 1764 al 1772 è di stanza in Martinica, dove dirige i lavori di costruzione del Fort Bourbon; questa esperienza sarà fondamentale per alcuni dei suoi lavori di meccanica. Ritornato in Francia, nel 1773 scrive un'importante memoria di meccanica sull'influenza dell'attrito e della coesione in alcuni problemi di statica: questo lavoro viene però trascurato dagli ingegneri. L'anno seguente inizia a lavorare ad una memoria sugli aghi magnetici, che gli varrà il primo premio nella competizione dell'Accademia di Parigi per il 1777 e, su richiesta dell'allora ministro della guerra, partecipa al piano di riorganizzazione del Genio. Nel 1778 pubblica una memoria in cui affronta il problema del rendimento del lavoro umano . Dal 1779 si dedica a esperimenti e ricerche sull'attrito con tali risultati da ottenere nuovamente il primo premio all'Accademia di Parigi nel 1781 con una memoria che gli ha dà grande successo. Coulomb si inserisce a pieno titolo tra i precursori della meccanica applicata alle macchine: studia l'effetto di una macchina libera da urti e da attrito (concludendo che esso è continuamente proporzionale alla quantità di forza viva che sia stata ceduta dall'agente che ha provocato l'effetto) e il rapporto tra lavoro utile e affaticamento nell'opera svolta dagli animali e dagli uomini, cercando le condizioni per massimizzare l'effetto utile; propone anche una unità di misura per la "quantità d'azione". L'ammissione all'Accademia del 1781 permette a Coulomb di risiedere a Parigi, dove si sposa, e dove può dedicarsi alle sue ricerche fisiche. I maggiori contributi innovativi di Coulomb sono quelli relativi all'elettricità.

Tra il 1781 e il 1806 pubblica 15 memorie presso l'Accademia e presso l'Institut de France, che, dopo la rivoluzione, prende il posto della prima. La torsione, l'elettricità ed il magnetismo sono gli argomenti principali di queste memorie. Nel 1784 pubblica la memoria più importante sulla torsione, in cui presenta una bilancia basata sulla forza di torsione e sull'elasticità dei fili di metallo che permette la misura precisa di forze di piccolissima intensità. Questo strumento gli permette di affrontare in maniera nuova lo studio dell'elettricità e del magnetismo. Coulomb ha indubbiamente un approccio molto diverso da quello degli altri scienziati del settore, anche dei francesi Du Fay e Nollet: in una serie di sette memorie presentate all'Accademia tra il 1785 ed il 1791 Coulomb estende il paradigma newtoniano dell'azione istantanea a distanza ai due nuovi domini dell'elettricità e del magnetismo. Coulomb pur mostrando sperimentalmente la validità della legge dell'inverso del quadrato non prova mai la proporzionalità con il prodotto delle cariche elettriche o delle intensità dei poli magnetici. Nella legge, in pratica, egli trova il denominatore ma non il numeratore. Non definisce mai, inoltre, l'unità di carica elettrica o di intensità di polo magnetico.

Le sue indagini lo portano ad individuare due tipi di sostanze: i conduttori e i dielettrici; a mostrare come la distribuzione di carica dipenda unicamente dalla mutua repulsione di cariche del medesimo segno e dalla geometria e posizione dei corpi; a stabilire che le cariche statiche si distribuiscono solo sulla superficie dei corpi conduttori qualunque sia la geometria e il materiale costituente i corpi medesimi; egli mostra inoltre che il modello ad uno e quello a due fluidi sono da un punto di vista matematico del tutto equivalenti. Nel 1791, in seguito ad alcune riforme apportate dall'Assemblea Nazionale al corpo del Genio, Coulomb lascia il suo incarico con il grado di "lieutenent colonel", ma continua a lavorare nel comitato per la standardizzazione dei pesi e delle misure e all'Accademia fino alla sua abolizione 1'8 agosto del 1793. Nel dicembre del medesimo anno viene "purgato" e si ritira in una sua proprietà, La Justinière. Nel 1795 torna però a Parigi dove viene eletto all'Institut de France, come membro per la Fisica sprimentale. Nel 1802 diventa ispettore generale per l'istruzione pubblica, e si occupa soprattutto dei "lycées". Nel 1806 una malattia contratta in gioventù in Martinica si aggrava e lo porta alla morte.

 

Tags:

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.