Rubrica biografie

Alvarez Luis - ing

 

scienzapertutti_luis_alvarez

Biografia estratta da Nobel Lectures, Physics 1963-1970.

nobelprize1968 Premio Nobel per la Fisica

The Nobel Prize in Physics Luis W. Alvarez was born in San Francisco, Calif., on June 13, 1911. He received his B.Sc. from the University of Chicago in 1932, a M.Sc. in 1934, and his Ph.D. in 1936. Dr. Alvarez joined the Radiation Laboratory of the University of California, where he is now a professor, as a research fellow in 1936. He was on leave at the Radiation Laboratory of the Massachusetts Institute of Technology from 1940 to 1943, at the Metallurgical Laboratory of the University of Chicago in 1943-1944, and at the Los Alamos Laboratory of the Manhattan District from 1944 to 1945. Early in his scientific career, Dr. Alvarez worked concurrently in the fields of optics and cosmic rays. He is co-discoverer of the "East-West effect" in cosmic rays. For several years he concentrated his work in the field of nuclear physics. In 1937 he gave the first experimental demonstration of the existence of the phenomenon of K-electron capture by nuclei. Another early development was a method for producing beams of very slow neutrons. This method subsequently led to a fundamental investigation of neutron scattering in ortho- and para-hydrogen, with Pitzer, and to the first measurement, with Bloch, of the magnetic moment of the neutron. With Wiens, he was responsible for the production of the first 198Hg lamp; this device was developed by the Bureau of Standards into its present form as the universal standard of length. Just before the war, Alvarez and Cornog discovered the radioactivity of 3H (tritium) and showed that 3He was a stable constituent of ordinary helium. (Tritium is best known as a source of thermonuclear energy, and 3He has become of importance in low temperature research.) During the war (at M.I.T.) he was responsible for three important radar systems - the microwave early warning system, the Eagle high altitude bombing system, and a blind landing system of civilian as well as military value (GCA, or Ground-Controlled Approach). While at the Los Alamos Laboratory, Professor Alvarez developed the detonators for setting off the plutonium bomb. He flew as a scientific observer at both the Almagordo and Hiroshima explosions. Dr. Alvarez is responsible for the design and construction of the Berkeley 40-foot proton linear accelerator, which was completed in 1947. In 1951 he published the first suggestion for charge exchange acceleration that quickly led to the development of the "Tandem Van de Graaf accelerator". Since that time, he has engaged in high-energy physics, using the 6 billion electron volt Bevatron at the University of California Radiation Laboratory. His main efforts have been concentrated on the development and use of large liquid hydrogen bubble chambers, and on the development of high-speed devices to measure and analyze the millions of photographs produced each year by the bubble-chamber complex.

The net result of this work has been the discovery by Dr. Alvarez' research group, of a large number of previously unknown efundamental particle resonances.. Since 1967 Dr. Alvarez has devoted most of this time to the study of cosmic rays, using balloons and superconducting magnets. Professor Alvarez is a member of the following societies: National Academy of Sciences, American Philosophical Society, American Physical Society (President 1969), American Academy of Arts and Sciences, and National Academy of Engineering. In 1946 he was awarded the Collier Trophy by the National Aeronautical Association for the development of Ground - Controlled Approach. In 1953 he was awarded the John Scott Medaland Prize, by the city of Philadelphia, for the same work. In 1947 he was awarded the Medal for Merit. In 1960 he was named "California Scientist of the Year" for his research work on high-energy physics. In 1961 he was awarded the Einstein Medal for his contribution to the physical sciences. In 1963 he was awarded the Pioneer Award of the AIEEE; in 1964 he was awarded the National Medal of Science for contributions to high-energy physics, and in 1965 he received the Michelson Award. He has received the following honorary de grees: Sc.D., University of Chicago, 1967; Sc.D., Carnegie-Mellon University, 1968; Sc.D., Kenyon College, 1969. From Nobel Lectures. Physics 1963-1970, Elsevier Publishing Company, Amsterdam, 1972 This autobiography/biography was written at the time of the award and later published in the book series Les Prix Nobel/Nobel Lectures. The information is sometimes updated with an addendum submitted by the Laureate. To cite this document, always state the source as shown above.

Luis Alvarez died on September 1, 1988.

Tags:

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.