Rubrica biografie

Segrè Emilio

scienzapertutti_emile_segre

 Biografia estratta da Nobel Lectures, Physics 1942-1962. 

nobelprize1959 Premio Nobel per la Fisica

(1905-1989) Emilio Segrè nacque a Tivoli, Roma, il 1 Febbraio 1905, figlio dell’industriale Giuseppe e di Amelia Treves. Frequentò le scuole a Tivoli e a Roma ed entrò nell’Università di Roma come studente di ingegneria nel 1922. Nel 1927 cambiò il corso di studi da ingegneria a fisica dove si laureò nel 1928 sotto la supervisione di Enrico Fermi. Dopo aver prestato servizio militare nel 1928 e 1929, entrò nell'Università di Roma come assistente del Professor Corbino. Nel 1930 vinse una borsa di studio della Rockefeller Foundation e lavorò con il Prof. Otto Stern ad Amburgo, in Germania ed il Prof. Pieter Zeeman ad Amsterdam in Olanda. Nel 1932 ritornò in Italia e fu nominato Direttore del Laboatorio di Fisica dell’Università di Palermo, dove rimase fino al 1938. In quell’anno il Prof. Segrè andò a Berkeley in California, prima come ricercatore associato presso il Radiation Laboratory e poi come lettore presso il dipartimento di fisica. Dal 1943 al 1946 fu capogruppo presso il Los Alamos Laboratory durante il Progetto Manhattan. Nel 1946 ritornò all’Università della California, a Berkeley, come Professore di Fisica. Il lavoro del Prof.Segrè fu principalmente indirizzato verso la fisica atomica e nucleare. Nel primo campo lavorò nella spettroscopia atomica, contribuendo alla spettroscopia dei livelli non permessi ed allo studio dell’effetto Zeeman. Ad eccezione di una breve interruzione verso i fasci molecolari, fino al 1934 tutto il suo lavoro riguardò la spettroscopia atomica.

Nel 1934 iniziò a lavorare nel campo della fisica nucleare collaborando con il Prof. Fermi sulla fisica dei neutroni. Partecipò alla scoperta dei neutroni lenti e nei lavori pionieristici sulle interazioni di neutroni condotte a Roma nel 1934-35. Più tardi si interessò alla radio-chimica e, insieme con il Prof. Perrier, scoprì l’elemento chimico tecnezio, insieme con Corson e Mackenzie l’elemento Astato e, insieme a Kennedy, Seaborg e Wahl, il plutonio-239 e le sue proprietà fissili. Altre sue ricerche in fisica nucleare coprirono molti altri soggetti, p.es. l’isomerismo o la fissione spontanea. Nella fisica delle alte energie, insieme con i suoi associati e studenti, diede un notevole contributo allo studio della interazione tra nucleoni e i relativi fenomeni di polarizzazione.

Nel 1955, insieme a Chamberlain, Wiegand e Ypsilantis, scoprì l’antiprotone. Lo studio degli antinucleoni divenne il suo principale argomento di ricerca. Segrè ricoprì numerose cattedre universitarie temporanee come ad esempio alla Columbia University, New York, alla University of Illinois, alla University of Rio de Janeiro. Fu membro della National Academy of Sciences (USA), della Academy of Sciences in Heidelberg (Germania), della Accademia Nazionale dei Lincei in Italia. Ha ricevuto la Medaglia Hofmann della Società Tedesca di Chimica e la Medaglia Cannizzaro dell’Accademia Nazionale dei Lincei. E’ stato professore onorario della San Marcos University in Peru ed è stato insignito della laurea honoris causa presso l’Università di Palermo. Sposato con Elfriede Spiro ha avuto un figlio, Claudio, e due figlie, Amelia e Fausta.

 

Emilio Segrè morì in California nel 1989.

 

Tags:

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.