Rubrica biografie

Spitzer, Lyman, Jr.

Lyman Spitzer Jr. nasce il 26 giugno 1914

Biografia della rubrica “Vita da genio” a cura di Chiara Oppedisano

 

figura0 Spitzer Tutti noi abbiamo sicuramente avuto modo di meravigliarci davanti a una delle spettacolari immagini dell’Universo scattate dal telescopio Hubble in orbita intorno alla terra dal 1990. Ebbene, Hubble è il frutto della visione di uno scienziato che ha guidato e ispirato la ricerca in campo astrofisico a partire dagli anni ’40 del secolo scorso. I suoi contemporanei, amici, colleghi e studenti, lo definivano un uomo gentile e disciplinato, brillante e rigoroso sul lavoro, un insegnante eccezionale; sicuramente fu un impavido precursore dei tempi e seppe comprendere quali direzioni fosse opportuno intraprendere per progredire nella ricerca in campo astrofisico.

figura1 Spitzer

Lyman Spitzer era un appassionato sciatore e scalatore.
Alle cene con gli studenti era solito mostrare foto e raccontare le sue avventure.

Lyman Spitzer Jr. nacque il 26 giugno 1914 a Toledo, cittadina dell’Ohio sulle rive del lago Erie. Studiò fisica a Yale dove si laureò nel 1935. In seguito passò un anno a Cambridge, in Gran Bretagna, sotto la guida di Sir Arthur Eddington, qui conobbe Subrahmanyan Chandrasekhar che esercitò su di lui un grande fascino, accrescendo in Spitzer passione e curiosità per l’astrofisica.
Nel 1936 tornò negli Stati Uniti, a Princeton, dove nel 1938 conseguì il dottorato di ricerca lavorando con il famoso astronomo Henry Norris Russell. Dopodiché si spostò ad Harvard per un anno di post-doc, iniziando a collaborare con Martin Schwarzschild, con il quale stabilì da subito un rapporto di collaborazione nella ricerca e di profonda amicizia. Dal 1939 al 1942 tornò a Yale a insegnare.
Durante la seconda guerra mondiale collaborò con la Columbia University di New York, nella ricerca in ambito di trasmissioni del suono sott’acqua per ottimizzare l’impiego del sonar. Nel 1946 tornò a Yale come professore. Nel 1947, in seguito al pensionamento del suo mentore, H.N. Russel, Spitzer si candidò per il posto rimasto vacante di direttore del Dipartimento di Scienze Astrofisiche a Princeton. La candidatura venne accolta e a 33 anni Spitzer divenne direttore del Dipartimento e dell’Osservatorio di Princeton. Una delle sue prime mosse fu quella di assumere Schwarzschild, il brillante collega e amico, dando così a Princeton un ruolo centrale nel campo dell’astrofisica per gli anni a venire.


figura2 SpitzerMartin Schwarzschild (a sinistra) e Lyman Spitzer Jr.

Spitzer iniziò a studiare il mezzo interstellare, l’insieme di polveri e gas rarefatto e caldo che si trova tra le stelle all’interno delle galassie. Fu colpito dall’osservazione che le galassie ellittiche contenessero stelle vecchie e poco gas interstellare mentre nelle galassie a spirale si trovavano grandi quantità di gas interstellare e stelle molto più giovani; Spitzer suggerì allora che le stelle si formassero proprio nel mezzo interstellare e fu tra i primi a sottolineare l’importanza dei campi magnetici e dei granuli di polvere nei processi di formazione stellare. Spitzer si dedicò con passione a studi pionieristici sulle proprietà dei plasmi, i gas ionizzati presenti all’interno delle stelle. Si narra che fu durante una gita sulle nevi di Aspen nel marzo del 1951 che Spitzer concepì il progetto per studiare in laboratorio la fusione nucleare, ovvero il processo attraverso il quale due nuclei leggeri vengono fusi in un nucleo pesante liberando energia. Queste sono proprio le reazioni nucleari che avvengono all’interno delle stelle e trasformano idrogeno in elio e via via in atomi sempre più pesanti fino al ferro. Il progetto di Spitzer era quello di confinare un plasma caldo in un apparato a forma di 8 grazie all’impiego di campi magnetici. Spitzer convinse la Commissione per l’Energia Atomica statunitense a finanziare il suo apparato, chiamato “stellarator”, nel tentativo di studiare e cercare di sfruttare la fusione termonucleare per la produzione di energia. Il primo stellarator venne messo in funzione in una sala sperimentale chiamata “Matterhorn S”. Nel 1961 il progetto Matterhorn diede vita al “Princeton Plasma Physics Laboratory” (PPPL), di cui Spitzer fu fondatore nonché direttore fino al 1967, un centro ancora oggi all’avanguardia nell’ambito della fisica dei plasmi e della ricerca sulla fusione termonucleare controllata.


figura3 SpitzerSpitzer con un primo modello, il cosiddetto “modello A”, dello stellarator.

Spitzer studiò l’evoluzione dinamica dei sistemi stellari, dimostrò l’infondatezza dell’ipotesi che il sistema solare fosse formato da materiale strappato dal Sole per effetto del passaggio di un’altra stella nelle vicinanze, provò l’esistenza dell’esosfera, lo strato più esterno dell’atmosfera caratterizzato da temperature intorno a 2000 °C, ragionando sul fatto che l’atmosfera avrebbe dovuto contenere maggiori quantità di gas leggeri se non avesse avuto uno strato esterno molto caldo che permettesse la fuga degli atomi più leggeri.
Ma il suo contributo più importante è certamente legato all’articolo che pubblicò nel 1946, intitolato “Vantaggi astronomici di un laboratorio extra-terrestre”: in un periodo in cui le osservazioni astronomiche erano legate a osservatori a terra o a palloni areostatici inviati ad alta quota, Spitzer ebbe la visione che rivoluzionò e spalancó nuove prospettive in campo astrofisico. Spitzer propose infatti di inviare in orbita intorno alla terra un telescopio con grande risoluzione spaziale, argomentando la proposta con due fondamentali vantaggi: rivelare le radiazioni impossibili da captare a terra a causa dell’assorbimento dell’atmosfera terrestre ed evitare le distorsioni causate dall’attraversamento degli strati atmosferici. Nel 1965 fu messo a capo di una commissione dell’Accademia Nazionale Scientifica degli Stati Uniti che aveva il compito di definire gli obiettivi scientifici per la realizzazione di un “Large Space Telescope” (un grande telescopio spaziale). Spitzer lavorerà quasi 50 anni per tramutare in realtà la sua visione, spendendosi per convincere sia la comunità scientifica delle enormi potenzialità (alcuni colleghi erano infatti preoccupati che la realizzazione di telescopi spaziali avrebbe provocato il taglio dei fondi per le osservazioni a terra) che il mondo politico dell’importanza di stanziare fondi per la realizzazione del progetto.
Nel 1977 il Congresso approverà il finanziamento del telescopio Hubble, lanciato in orbita dallo Shuttle nel 1990, 44 anni dopo l’articolo visionario di Spitzer e, soprattutto, grazie alla sua entusiasta e instancabile guida scientifica, tecnica e politica attraverso tutte le fasi, dalla progettazione alla realizzazione del telescopio Hubble che ancor oggi continua a scrutare l’Universo più lontano e a inviarci immagini meravigliose.
Nel 1972 la NASA aveva lanciato in orbita l’osservatorio orbitante Copernicus, con a bordo un telescopio per lo studio della radiazione ultravioletta costruito a Princeton. Copernicus fornì una prima stima dell’abbondanza cosmologica del deuterio oltre a mappare nell’ultravioletto oltre 500 sorgenti astronomiche nei suoi 9 anni di osservazione. Ma soprattutto Copernicus svelò, attraverso la rivelazione della radiazione ultravioletta (impossibile da rivelare a terra a causa dell’assorbimento atmosferico) la presenza di stelle giovani in nubi dense di gas interstellare proprio come Spitzer aveva ipotizzato, dimostrando così che le osservazioni dallo spazio potevano aprire nuove frontiere e rivoluzionare le conoscenze.
Spitzer ricoprì numerosi incarichi prestigiosi e ricevette molti premi e onorificenze, tra i quali ricordiamo nel 1973 la medaglia Bruce della Società di Astronomia statunitense, nel 1975 il premio Maxwell dall’Accademia Reale di Svezia, nel 1979 la medaglia nazionale delle Scienze consegnata dal presidente Jimmy Carter e nel 1985 il premio Crafoord dall’Accademia Reale di Svezia, premio prestigioso in campo astrofisico come il Nobel «per i suoi studi pionieristici su praticamente ogni aspetto del mezzo interstellare, culminati con i risultati ottenuti con il telescopio Copernicus».


figura4 Spitzer

Spitzer nel suo ufficio.

Spitzer andò ufficialmente in pensione nel 1982, continuando però ad andare in ufficio quasi tutti i giorni e a lavorare, analizzando i dati del telescopio Hubble, discutendo con i colleghi e continuando a pubblicare risultati su riviste scientifiche. Fu proprio quel che fece, prima di rientrare a casa, anche il 31 marzo del 1997, giorno in cui morì improvvisamente per un attacco cardiaco.
Nell’agosto del 2003 la NASA lanciò in orbita un telescopio per lo studio della radiazione infrarossa che fu battezzato Spitzer per onorare i suoi contributi e la sua visione pionieristica. Il telescopio Spitzer è stato il primo strumento in grado di rivelare direttamente un esopianeta e si è dimostrato un potente strumento proprio per la caratterizzazione degli esopianeti.
Attualmente in orbita attorno alla terra si trovano 3 potenti strumenti per la rivelazione della radiazione elettromagnetica proveniente dal cosmo: Hubble che rivela la luce visibile, strumento ideato e fortemente voluto da Spitzer, Chandra che rivela la radiazione X, dedicato a Subrahmanyan Chandrasekhar che influì sulla scelta di Spitzer di perseguire la ricerca in campo astrofisico e Spitzer che studia la radiazione infrarossa.


figura5 SpitzerImmagini della galassia M101 prese dai telescopi Spitzer, Hubble e Chandra rispettivamente nell’infrarosso,
nel visibile e nella banda X. Combinando le informazioni provenienti dalle 3 regioni dello spettro elettromagnetico
si ottiene l’immagine d’insieme riportata a lato.


Per vedere dove si trova attualmente il telescopio Spitzer:

http://www.spitzer.caltech.edu/mission/where_is_spitzer?

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.