Rubrica biografie

Wilson, Robert Woodrow

Robert Woodrow Wilson nasce il 10 gennaio 1936

  Biografia a cura di Chiara Oppedisano

wilsonrw

Succede talvolta che una scoperta scientifica rivoluzionaria avvenga per caso, come all’inizio del 1900 per la penicillina e come accadde per la scoperta della radiazione cosmica di fondo che vide protagonisti Robert Woodrow Wilson e Arno Penzias nel 1964. Wilson e Penzias lavoravano ai Laboratori della Bell e stavano sperimentando un’antenna radio per comunicazioni satellitari che avrebbe dovuto captare i segnali del satellite ECHO I, il primo satellite artificiale per telecomunicazioni, lanciato in orbita dalla NASA nel 1960. Data la debolezza dei segnali che si dovevano captare, non solo l’antenna doveva essere molto sensibile, ma tutte le possibili sorgenti di “rumore” andavano soppresse. I due ricercatori lavorarono dunque per rimuovere gli effetti di radar e comunicazioni radio terrestri, raffreddando il ricevitore con elio liquido a 4 K (-269 °C). Ciò nonostante Wilson e Penzias, puntando l’antenna verso il cielo sopra il New Jersey, continuavano a rivelare un rumore persistente, presente sia di giorno che di notte e proveniente da tutte le direzioni che Wilson definì in seguito come «il fischio di una vecchia radio FM quando si cambia canale». Anche dopo la rimozione di un un paio di nidi di piccione dall’interno dell’antenna, questo rumore era ancora presente. Wilson e Penzias continuavano a essere perplessi sulla possibile origine di questo segnale, finché Penzias non incontrò Bernard Burke, radioastronomo al Dipartimento di fisica del MIT, che consigliò loro di parlare con Robert Dicke di Princeton. Dicke e il suo gruppo stavano infatti lavorando per cercare di rivelare la radiazione cosmica di fondo che avrebbe definitivamente provato la validità della teoria del Big Bang rispetto all’ipotesi di Universo statico. Si narra che Dicke dopo la telefonata nella quale Penzias gli raccontò del segnale disse ai suoi colleghi: «Ragazzi, ci hanno bruciato!». La scoperta di Wilson e Penzias fu pubblicata nel mese di giugno del 1965 sulla rivista internazionale Astrophysical Journal Letters, insieme a un articolo del gruppo di Dicke che supportava l’interpretazione della scoperta come radiazione cosmica di fondo.

 antenna

Bob Wilson (sinistra) e Arno Penzias (destra) e l’antenna dei laboratori della Bell
con la quale captarono l’eco del Big Bang nel 1964.

La radiazione cosmica di fondo (CMB dall’inglese “Cosmic Microwave Background”) è un mare di radiazione nella regione delle microonde che pervade tutto l’Universo ed è l’eco residuo del Big Bang che a 13,8 miliardi di anni dalla nascita dell’Universo ha iniziato (e continua tuttora) a fornire informazioni sulle origini, l’età, la composizione e l’espansione dell’Universo. Era stata prevista nel 1948 dai fisici teorici Gamow, Alpher e Herman e la sua scoperta è stata la conferma sperimentale della teoria del Big Bang. A Wilson e Penzias fu assegnato il premio Nobel per la scoperta della radiazione cosmica di fondo a microonde nel 1978.

Robert Woodrow Wilson era nato a Houston il 10 gennaio del 1936, il padre era un ingegnere chimico e lavorava per una compagnia petrolifera. Wilson frequentò le scuole pubbliche a Houston, dove eccelleva solamente in matematica e scienze. Studiava pianoforte e suonava il trombone nella banda della scuola. Amava il pattinaggio su ghiaccio e lo sci. Ereditò dal padre la passione per l’elettronica e il fai da te, riparava radio e televisioni e aiutava gli amici a costruire e riparare apparecchi radiotrasmittenti. Fu ammesso alla Rice University e in seguito si spostò a Caltech per il dottorato, scegliendo la radioastronomia come ambito di ricerca poiché coniugava il suo interesse per la fisica e la sua passione per l’elettronica. Dopo il conseguimento del dottorato iniziò a collaborare con i laboratori della Bell dove fu assunto nel 1963, iniziando a lavorare al centro di ricerca sulle comunicazioni radio, utilizzando, insieme a un altro radioastronomo, Arno Penzias, un’antenna per la rivelazione di onde nella regione delle microonde (caratterizzate da lunghezze d’onda di circa 10-2-10-4 m e frequenze comprese tra 1010-1012 Hz).

In seguito a una riduzione di fondi, nel 1965 la Bell decise di ridurre a una sola persona la ricerca in radioastronomia; Wilson e Penzias decisero di comune accordo che avrebbero continuato a lavorare insieme, dedicando metà del loro tempo a continuare le loro ricerche in radioastronomia e l’altra metà del tempo l’avrebbero entrambi dedicata ad altri progetti. Nel 1970 rivelando radiazioni a microonde provenienti dai dintorni della nebulosa di Orione, scoprirono la presenza di monossido di carbonio nella nubi interstellari. Dal 1994 Bob Wilson è membro dell’Osservatorio astrofisico Smithsonian di Harvard, Cambridge, Massachusetts.

A circa 50 anni di distanza da quella scoperta che rivoluzionò le conoscenze sull’Universo, Robert Wilson ha dichiarato in un’intervista che lui avrebbe decisamente preferito un Universo statico, perché gli dispiace molto pensare che tutto quello che esiste possa andare distrutto. Nel frattempo, gli scienziati continuano a studiare l’eco del Big Bang con telescopi che hanno risoluzioni sempre più elevate, per studiare le anomalie e le fluttuazioni che potrebbero spiegarci i misteri di questo Universo che ancora non sappiamo spiegare.

 

radiazione cosmica2

La mappa della radiazione cosmica di fondo misurata con 3 telescopi: COBE (Cosmic Background Explorer) lanciato dalla NASA nel 1989, WMAP (Wilkinson Microwave Anisotropy Probe) lanciato in orbita dalla NASA nel 2001 e Planck, progetto principalmente dell’Agenzia Spaziale Europea. Scopo delle missioni è rivelare, con sempre maggiore precisione, le fluttuazioni e le anisotropie nella radiazione primordiale per comprendere i segreti dell’Universo.

Approfondimenti ScienzaPerTutti, La luce fossile del Big Bang

Approfondimenti ScienzaPerTutti, Le teorie sulla Materia Oscura

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.