Rubrica biografie

Maria Goeppert-Mayer nasce il 28 giugno 1906

goeppert mayer 1

Biografia della rubrica “Vita da genio” a cura di Chiara Oppedisano

Il 28 Giugno del 1906 a Katowice (allora in Germania) nasce Maria Goeppert-Mayer, figlia unica di un professore di pediatria e di un’insegnante. Con il papà di Maria la famiglia Goeppert era giunta alla sesta generazione di professori universitari. Ai suoi tempi per una donna era complicato ricevere un’educazione di alto livello, ciononostante a 17 anni Maria superò l’esame di ammissione all’Università di Göttingen, dove si iscrisse a matematica.
Dopo aver assistito ad un seminario di Max Born sulla meccanica quantistica, si appassionò alla fisica. Nel 1930 discusse la sua tesi di dottorato di fronte ad una commissione della quale facevano parte ben 3 premi Nobel: Born e Frank, premi Nobel per la fisica, e Windaus per la chimica.
A Göttingen conobbe Joseph Edward Mayer, uno studente americano venuto in Germania per lavorare con James Frank, che sposò nel 1930. Si trasferirono negli Stati Uniti poiché al marito fu offerta una posizione alla Johns Hopkins University di Baltimora. Maria fu costretta a continuare lavorare su base volontaria a causa delle leggi contro il nepotismo che impedivano di assumere parenti. Riuscì comunque a continuare le sue ricerche sull’applicazione della meccanica quantistica in ambito chimico.
 La storia si ripeté nel 1939 quando il marito fu assunto dalla Columbia University e a lei fu offerto un ufficio ma non uno stipendio. Continuò a lavorare e si dedicò alla separazione degli isotopi dell’uranio con metodo fotochimico, che fu presto abbandonato perché non efficiente.

goeppert mayer francobollo

Nel 1946 si trasferirono a Chicago e per la prima volta Maria ottenne un lavoro vero e proprio, collaborando con il dipartimento di fisica dell’istituto per studi nucleari e con l’Argonne National Laboratory. Maria non aveva grande esperienza nella fisica nucleare, ma iniziò a collaborare con Edward Teller e discuteva spesso con Enrico Fermi, arricchendo in fretta le sue conoscenze in materia. Il suo lavoro riguardava anche lo studio delle abbondanze degli isotopi, ovvero atomi con stesso numero di protoni (Z) ma differente numero di neutroni e quindi diverso numero di massa (A). Proprio durante questi studi la scienziata iniziò a notare che i nuclei con un preciso numero (2,8,20,28,50,82, 126) di protoni o neutroni erano particolarmente stabili. Questi numeri, detti “numeri magici”, la portarono ed elaborare un modello a shell (strati) per i nucleoni nei nuclei, simile a quello per la struttura delle shell di elettroni negli atomi. In questo modello i nuclei con uno strato esterno completo erano più stabili, come osservato sperimentalmente. Un modello di questo tipo non era stato considerato fino ad allora, nonostante le evidenze sperimentali, poiché il modello a goccia che descriveva il nucleo come un insieme omogeneo di nucleoni spiegava in maniera soddisfacente la fissione nucleare. Nel modello a shell invece i nucleoni sono trattati come indipendenti e Maria fu sicuramente aiutata nell'elaborazione del modello dalla sua formazione senza preconcetti in fisica nucleare.
Continuò a raccogliere evidenze sperimentali a supporto del modello, che non riusciva però a spiegare tutti i numeri magici; almeno finché in una discussione Enrico Fermi non le suggerì una possibile causa degli effetti osservati.  
Nel 1948, mentre si apprestava a inviare un articolo con le sue scoperte alla rivista Physical Review, venne a conoscenza del fatto che un gruppo di fisici in Europa, guidato da Hans Jensen, stava giungendo indipendentemente alle stesse conclusioni. Chiese alla rivista di attendere a pubblicare il suo articolo per aspettare i risultati dei colleghi europei. Nel 1950 incontrò Jensen, con il quale iniziò a collaborare, arrivando a scrivere con lui un libro sul modello a shell del nucleo. Nel 1963 condivisero metà premio Nobel icona_linkesterno per le loro scoperte (l’altra metà fu assegnata a Eugene Wigner).goeppert mayer nobel
Nel 1960 divenne professore ordinario di fisica all’Università della California, San Diego, dove proseguì le sue ricerche in fisica nucleare, nonostante un ictus che la colpí poco dopo il suo arrivo a San Diego limitandone le attività, fino alla sua morte nel 1972.
Maria Goeppert-Mayer è stata l’unica donna, oltre a Marie Curie, ad aver ricevuto il premio Nobel in fisica…finora.

 

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.