Rubrica biografie

Rossi Bruno

scienzapertutti_Bruno_rossi

Biografia estratta da http://www.torinoscienza.it   a cura di Piero Bianucci

(1905-1993) Ho avuto la fortuna di conoscere abbastanza bene Bruno Rossi, questo fisico sperimentale che, minuto e di piccola statura, per tutta la vita ha indagato l'immensità del cosmo. Gli americani lo apprezzavano, tra l'altro, perché sapeva trafficare con cavi e cacciaviti come un bricoleur. E poco importava che parlasse, almeno nei primi tempi, un inglese approssimativo, che suscitava l'ironia dei colleghi d'oltre Atlantico. Il lavoro a cui Bruno Rossi rimaneva più affezionato era un contatore di raggi cosmici basato sul circuito a coincidenza.

Un apparecchio, diceva con modestia, più da elettricista che da astrofisico. Ma si deve a quello strumento se oggi sappiamo tante cose sulla pioggia di particelle nucleari che ci arriva dallo spazio e ci parla di fenomeni violentissimi in stelle e galassie lontane. Nato a Venezia nel 1905, ebreo sposato con una donna ebrea - Nora Lombroso, nipote del notissimo antropologo - Rossi aveva incominciato le sue ricerche all'Osservatorio di Arcetri a Firenze. Le leggi razziali lo costrinsero a cercare rifugio prima a Copenaghen, ospite di Niels Bohr, poi in Inghilterra e infine negli Stati Uniti. Fermi lo chiamò a collaborare al Progetto Manhattan, sviluppato a Los Alamos in gran segreto e approdato alla prima bomba atomica. Ci pensò su tre mesi e alla fine accettò. "Perché - mi disse - temevo che i nazisti facessero la stessa cosa e speravo che i militari si sarebbero accontentati di un test dimostrativo, davanti al quale tedeschi e giapponesi si sarebbero arresi". Si sa che le cose andarono diversamente. Hiroshima e Nagasaki hanno pesato sulla coscienza di Rossi fino all'ultimo giorno.

La sua ferma contrarietà allo "scudo spaziale" di Reagan fu una specie di espiazione. All'atomica Rossi diede due contributi essenziali. Un ordigno nucleare esplode quando si forma una massa compatta di uranio 235 di circa 5 chili (nel linguaggio dei fisici, la "massa critica"). Bisognava trovare il modo di tenere l'uranio separato in pezzi più piccoli e poi di avvicinarli in una frazione di secondo al momento giusto per innescare la reazione a catena. Rossi risolse il problema studiando il modo di far implodere piccoli blocchi di uranio sotto l'azione di un esplosivo convenzionale. Il secondo contributo fu uno strumento per misurare la potenza del primo test nucleare. L'energia dell'ordigno si libera in gran parte sotto forma di raggi gamma nei primi centesimi di milionesimi di secondo dopo il raggiungimento della massa critica. Bisognava valutare quanti raggi gamma venivano emessi in quel tempo brevissimo: problema tutt'altro che semplice, ma che Rossi seppe risolvere grazie alla sua geniale praticaccia di laboratorio. Dopo la guerra tornò al suo campo preferito: l'astrofisica.

Fu lui a progettare il primo esperimento per misurare da un razzo i raggi X emessi da sorgenti cosmiche. Si aprì così una nuova straordinaria finestra sull'universo, paragonabile per importanza alla finestra ottica inaugurata da Galileo con il suo cannocchiale e alla finestra radio scoperta casualmente da Jansky all'inizio degli anni 1930. Maestro di varie generazioni di fisici al MIT, l'eredità di Rossi fu raccolta da quel Riccardo Giacconi che per primo ha esplorato a fondo il cielo nei raggi X con il satellite "Uhuru" e poi con il satellite "Einstein". Bruno Rossi è morto il21 Novembre 1993.

copyright-sxt

Tags:

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.