Touschek Bruno

scienzapertutti_bruno_touschek

 Biografia a cura della redazione di ScienzaPerTutti 

(1921 – 1978) Bruno Touschek possedeva una mente brillante ed una spiccata personalità. Nacque a Vienna il 3 febbraio 1921 da Franz Xaver e Camilla Weltman, frequentò la scuola nella città natale fino al 1937, anno in cui non gli fu permesso di proseguire la Scuola Superiore a causa delle origini ebraiche di sua madre; fu costretto quindi a lasciare la scuola e sostenere l'esame finale come privatista presso un altro Istituto. Iniziò il corso di laurea in Fisica e Matematica presso l'Università di Vienna, ma dovette nuovamente sospendere gli studi a causa delle persecuzioni razziali. Grazie ad alcuni amici potè riprendere gli studi ad Amburgo, dove nessuno conosceva le sue origini. Per sopravvivere il giovane austriaco dovette intraprendere contemporaneamente diversi lavori. Per un lungo periodo lavorò presso lo Studiengellschaft für Elektronengeräte, una compagnia affiliata alla ditta Dutch Philips, dove venivano prodotte apparecchiature per impianti di potenza a radiofrequenza.

scienzapertutti_bruno_touschek

Nel 1943 fu invitato da Rolf Wideröe per collaborare con lui alla costruzione del betatrone.

Quando Touschek fu arrestato dalla gestapo, Wideröe andò a trovarlo in prigione e durante una di queste visite parlarono del betatrone e, ancora in prigione, concepì l'idea e sviluppò la teoria del "radiation damping" per gli elettroni circolanti nel betatrone.

Dopo la prigionia e la fuga dal campo di concentramento, nel 1946 si laureò all'Università di Göttinger ed iniziò a lavorare per il Max Planck Institut.

Dal febbraio 1947 lavorò a Glasgow con una borsa di studio del dipartimento della Ricerca Scientifica ed Industriale e successivamente come "Official Lecturer in Natural Philosophy" all'Università di Glasgow, posizione che mantenne fino alla sua partenza per Roma nel 1952. Giunto a Roma decise di restarvi e divenne ricercatore presso l'INFN. Tre anni dopo tornò a Glasgow e sposò Elspeth Yonge, figlia di un famoso professore di zoologia dell'Università di Glasgow e con lei ebbe due figli.

Il 7 marzo 1960 Touschek tenne un seminario presso i Laboratori Nazionali di Frascati, mostrando sia l'importanza di uno studio sistematico delle collisioni tra elettroni e positroni (e+e-) e sia come ottenerle, con la costruzione di un singolo anello magnetico, nel quale un fascio di elettroni e positroni, circolando alla stessa energia E, ma in opposte direzioni, si scontrassero annichilendosi.

scienzapertutti_touschek_vignetta

Così con Carlo Bernardini, Gianfranco Corazza e Giorgio Ghigo iniziarono a lavorare ad un progetto per il primo Anello di Accumulazione (e+e-), creato essenzialmente come prototipo per provare la possibilità di acceleratori funzionanti, costruiti in base a quanto discusso in quel seminario.

Questa prima macchina per lo studio delle collisioni tra una particella e la sua antiparticella è conosciuta come ADA (Anello di Accumulazione e+e-).

Non è una coincidenza che questo fosse anche il nome della sua cara zia Ada;

Touschek fu impegnato lontano da lei la prima volta che venne a Roma, ma la visitò subito dopo, nella sua villa di Albano, sebbene lei lo riempisse di consigli ed attenzioni che lui non sempre sembrava gradire.

Il periodo sperimentale di Touschek culminò con gli esperimenti con ADA ad Orsay, che portarono alla scoperta e alla spiegazione dell' "intrabeam scattering".

Questo fenomeno, usualmente chiamato in suo onore "effetto Touschek", comporta il trasferimento di energia nella collisione tra le particelle dello stesso fascio, cosicchè alcune vengono eccessivamente rallentate o accelerate, e non potendo più viaggiare in sincronia con le altre si perdono rapidamente uscendo dal fascio.

Questo meccanismo di scambio di energia è più efficace per fasci densi e di bassa energia e in pratica ne determina la vita media utilizzabile (Touschek lifetime).

scienzapertutti_discussione_magnetica_vignetta

Dopo l'operazione su ADA ad Orsay, il periodo sperimentale di Touschek terminò, ma non l'interesse e la partecipazione allo sviluppo dei fasci e+e-; egli seguì con molto entusiasmo la fase del progetto e costruzione di ADONE (1965-67) condotto da Fernando Amman. Fin dal 1953 Touschek insegnò all'Università di Roma e successivamente anche a Pisa, ma a causa delle restrittive leggi italiane, la sua carriera universitaria fu lenta e divenne Professore Ordinario solo all'inizio del 1978. Poco dopo, il 25 maggio 1978, dopo una lunga malattia, Bruno Touschek morì nell'Ospedale dell'Università di Insbruck.

"Oltre che per il suo genio scientifico Bruno possedeva un'inusuale abilità nel riprodurre in caricatura quanto lo circondava ed i costumi locali, che disegnava con una penna sul primo pezo di carta che gli capitava tra le mani, durante le discussioni di tesi di laurea della Facoltà o durante i meetings delle commissioni o gruppi di lavoro in collaborazione con l'Istituto o i LNF". (E. Amaldi) "Fu l'iniziatore e l'elemento di continuità dei dieci anni d'oro dei Laboratori, la persona che ebbe una grande idea e permise che si materializzasse per gli altri. Le sue qualità scientifiche ed umane, ritengo furono decisive per il mantenimento delle connessioni essenziali per raggiungere il successo" (F. Amman) Così Bruno Touschek è ricordato come un uomo che "visse una vita intensa e piena, che con il suo esempio e la sua amicizia, aiutò agli altri ad ottenere maggiore felicità e consapevolezza nella propria vita" (I.P. Dee)

Ricordi di Bruno Touschek

scienzapertutti_lia_pancheri

Giulia Pancheri

scienzapertutti_salvini_filmato_touschek

G. Salvini (Filmato)

scienzapertutti_bernardini_filmato_touschek

C. Bernardini (Filmato)

 

copyright-sxt

Tags:

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.