0200. Il principio di esclusione di Pauli sottintende una nuova forza ancora sconociuta?

espertomini

I fisici sono alla ricerca della teoria del tutto: tutto spiegato da una singola formula. Eppure accettano senza discussione principi non spiegati ad esempio il principio di esclusione di Pauli. Da cosa deriva ? Perché alcune particelle lo subiscono ed altre no? Non dovrebbe esserci una forze repulsiva che lo giustifica ? Quale? In fondo il principio di esclusione di Pauli non fa il "pendant" con la "non separabilità" dei quark ? Per la non separabilità non si invoca un principio ma una forza. Perché non si fa altrettanto per il principio di Pauli e non si invoca una forza repulsiva? Mi si dirà che esistono oggetti matematici che seguono statistiche che inglobano il principio di esclusione. Ma ciò non vuole dire che tali oggetti matematici siamo oggetti "fisici" . Insomma perché per la massa vi comportate diversamente e invece di accettare che la massa sia qualcosa di intrinseco, un "principio" proprio di ogni particella, volete che ci sia una interazione (un bosone) a darne ragione? Perché non c'è un bosone a spiegare il principio di esclusione ? La fisica moderna è affascinante ma talvolta i fisici "sembrano" opportunisti e le cosiddette unificazioni appaiono "modi di dire" più che realtà. Almeno così appare a un “non esperto” che però..vorrebbe capire di più (Alessio Semprini)(2093)


sem_esperto_giallo

La domanda del nostro web-nauta è senz'altro stimolante e in effetti vari illustri fisici nel secolo appena finito, ad esempio Richard Feynman icona_minibiografia per menzionarne uno, si sono interrogati sul significato profondo del principio di Pauli icona_biografia. Il collegamento esistente tra lo spin portato da una particella e la statistica a cui essa obbedisce è uno dei punti cardine della meccanica quantistica. In quest'ultima un sistema di più particelle è descritto mediante una "funzione d'onda" che può essere simmetrica o antisimmetrica rispetto allo scambio di particelle. Nel caso di sistemi che descrivono particelle a spin semi-intero abbiamo funzioni d'onda antisimmetriche, mentre nel caso di particelle con spin intero la corrispondente funzione d'onda è simmetrica. Una comprensione più profonda della ragione di questa connessione spin-statistica si acquisisce quando si passa alla meccanica quantistica icona_glossario relativistica nella sua formulazione chiamata "teoria quantistica dei campi icona_glossario". Qui le particelle non sono più descritte da funzioni d'onda, ma sono dei campi quantizzati originati da cosiddetti "operatori di creazione" che agiscono sullo stato di vuoto ( assenza di particelle) della teoria. Ebbene, gli operatori di creazione relativi agli oggetti di spin icona_glossario semi-intero ( fermioni icona_glossario) devono obbedire a regole di anticommutazione per la loro quantizzazione, in quanto, nel caso si applichino invece le usuali regole di commutazione tra operatori tipiche della meccanica quantistica, si incorrerebbe in contraddizioni della teoria stessa (ad es. l'energia del sistema non sarebbe limitata inferiormente). Queste regole di anticommutazione nella quantizzazione di sistemi fermionici conducono poi alla statistica di Fermi e al conseguente principio di Pauli icona_glossario.

A questo punto, come il web-nauta menziona nella sua domanda un'obiezione potrebbe essere che tutto questo sembra dettato da una consistenza interna di carattere matematico, ma "fisicamente" quale è la forza che impedisce a due elettroni di stare nello stesso stato quantistico? La natura degli operatori di creazione dei fermioni è legata all'equazione che descrive la dinamica di questi oggetti, ovvero all'equazione di Dirac icona_glossario . Non si deve pensare tanto a due elettroni come due "singole particelle" o palline che interagiscono scambiandosi un un bosone intermedio icona_glossario, ma piuttosto nella descrizione quantistica di campo qui stiamo descrivendo dei campi che obbediscono ad un preciso tipo di statistica. Qualcuno, può parlare in senso figurato di una "interazione di scambio", ma ripeto questo è completamente diverso dallo scambio di un fotone tra due elettroni che interagiscono elettromagneticamente . Nel caso del principio di esclusione di Pauli non vi è una simmetria continua (di gauge icona_glossario) associata all'interazione e non vi è un conseguente bosone vettoriale intermedio che faccia da mediatore all'interazione. Il principio di esclusione scaturisce dalla dinamica nel senso che l'equazione di Dirac icona_biografia conduce alla costruzione di operatori di creazione di campi che obbediscono a regole di anticommutazione e conseguentemente la natura di questi campi conduce alla statistica fermionica e al conseguente principio di Pauli.

Di perché in perché, ci si potrebbe chiedere alla fine perché oggetti a spin 1/2 hanno una dinamica dettata da un'equazione alle derivate prime nello spazio e nel tempo quale è quella di Dirac, mentre oggetti a spin 0 ad es. seguono un'equazione dinamica di Klein-Gordon icona_glossario alle derivate seconde sia nel tempo che nello spazio e, di conseguenza, perché gli operatori di creazione in questi due casi seguono regole di commutazione o anticommutazione diverse. Qui arriviamo però a toccare il fondo del "mistero" del principio di Pauli o se vuole della conessione spin-statistica a cui lei fa riferimento nella sua lettera. E qui non sappiamo neppure se abbia senso porsi domande di tal genere o se siano dati di fatto del modo in cui la Natura stessa è costituita.

Antonio Masiero - Fisico


 

 

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.