0076. Il big bang ha scagliato la materia a velocità superiori a quelle della luce?

espertomini

Il big bang potrebbe aver scagliato la materia dell'universo ad una velocità maggiore di quella della luce essendo necessaria una velocità di fuga in grado di far esplodere tale massa?(Massimo di Lullo)



sem_esperto_verdeIl termine big-bang venne coniato da Fred Hoyle icona_biografia all'epoca uno dei principali oppositori alla teoria, per evidenziare la presunta assurdità di una tale ipotesi.

Questa definizione è rimasta ma può dar luogo a delle interpretazioni fuorvianti. In realtà, fin dai primi istanti, l'evoluzione dell'universo, più che come esplosione di materia, va intesa come un processo di espansione dello spazio che trascina la materia. Occorre precisare, comunque, che anche se non esattamente nei termini sollevati dal lettore, esiste il problema della velocità della luce. Ad esempio, il livello di omogeneità dell'universo che rileviamo non è compatibile con una evoluzione, nei primi istanti, in cui la velocità di trasmissione delle informazioni da un punto all'altro fosse inferiore alla velocità della luce. Il modello del big-bang descrive l'evoluzione dell'universo a partire "quasi" dai primi istanti. Le assunzioni principali che sono alla base di tale teoria sono le seguenti:

- Le leggi fisiche fondamentali (principalmente la teoria della relatività generale) non mutano nel tempo.

- L'universo era in origine composto di un intenso plasma di particelle elementari in espansione ed in equilibrio termico.

- L'universo è omogeneo su larga scala, cioè, per distanze intergalattiche. L' universo quindi non ha centro e non ha bordi e si espande da qualsiasi punto con la stessa velocità.

- Nel corso di tutta l'evoluzione, i cambiamenti che hanno subito sia la materia che la radiazione sono stati talmente lenti da non influenzare l'andamento termico globale. Partendo da una temperatura icona_glossario iniziale di miliardi e miliardi di gradi, l'universo si è raffreddato fino alla temperatura media attuale di circa 3 kelvin (-270 °C) sempre con un'alta regolarità, senza sbalzi.

In base a queste assunzioni che sono state verificate sperimentalmente durante il corso del secolo passato, ed in base alle nostre conoscenze delle leggi fisiche, siamo in grado di ricostruire la storia di circa 15 miliardi di anni (tale è la presunta età dell'universo). Purtroppo a questa ricostruzione manca un periodo. Uno solo. Un solo secondo. Il primo! Se ripercorriamo a ritroso la storia dell' universo come in una pellicola proiettata partendo dalla fine dobbiamo fermarci a qualche istante prima dell'inizio. In altri termini, se vogliamo spiegare i primissimi istanti dell' universo ci troviamo di fronte a degli insuperabili paradossi o violazioni delle leggi fisiche come quello (che ha sollevato il lettore) del superamento della velocità della luce. Durante gli anni '80 diversi studiosi, tra questi Alan Guth icona_biografia e Paul Steinhardt icona_quantibio, integrarono il modello formulando la teoria inflazionaria che risolve alcune delle difficoltà enunciate. Secondo questi studiosi dopo circa 10-35 secondi (si tratta di dividere un secondo in un miliardo di miliardi di miliardi di miliardi!) l'universo ha avuto un periodo breve di straordinaria rapida espansione - inflazione - accrescendo il proprio diametro di molti ordini di grandezza (miliardi di miliardi di volte) in una frazione infinitesimale di un secondo. "...Nel corso di questa crescita sorprendente tutta la materia e l'energia potrebbero essere state create virtualmente dal nulla...". Durante questa spinta, l' universo da una sferetta miliardi di volte più piccola di un protone è diventato grande circa come una palla da tennis.

La regione di spazio esistente prima di questa fase di inflazione non conteneva irregolarità. Per dimensioni così minuscole, non è necessario ipotizzare velocità superiori a quelle della luce per spiegare l'uniformità dell'universo. Un'alterazione in un punto, ad esempio nello stato di aggregazione della materia, sarebbe stato avvertito in breve in qualsiasi altra regione dello spazio. Finita l'epoca inflazionaria, per le dimensioni, per il tipo di forze esistenti (non esiste più la spinta anomala del vuoto), in generale, per lo stato di aggregazione raggiunto dalla materia, l'evoluzione dell'universo diventa un fenomeno spiegabile secondo le stesse leggi fisiche che ci governano adesso.

Giuseppina Modestino - fisico



 

© 2002 - 2019 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

PRIVACY POLICY

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.