0174. Perché la gravità è diretta verso il centro della Terra?

espertomini

Come si dimostra matematicamente che il campo gravitazionale terrestre produce una forza (gravità) diretta verso il centro della Terra? (Remo)(3034)

 

sem_esperto_verde

Esiste un teorema molto generale, che dice che il flusso totale di ciò che esce od entra attraverso una superficie chiusa è uguale alla somma algebrica delle sorgenti, positive e negative, al suo interno. E’ un teorema che vale per tutto: flusso di materia, di radiazione, di campi di forza. Se si considera una superficie chiusa dentro un fiume questo teorema risulterà evidente: tanta acqua entra quanta ne esce: non c’è accumulo di acqua all’interno ed il flusso totale è nullo.

Anche nel caso del campo elettrostatico E la validità del teorema è evidente: il suo flusso attraverso una superficie chiusa che racchiude una carica Q è proprio uguale al valore della carica racchiusa. In termini matematici: integrale di E x dS fatto su S = Q/?0 (con x prodotto scalare del vettore E con il versore della normale a dS, ed ?0 costante dielettrica nel vuoto). Lo stesso vale per il campo gravitazionale: il suo flusso attraverso una superficie chiusa che racchiude una massa M è uguale al valore della massa M. Se poi la superficie è sferica, e la massa M è al centro della sfera, il campo gravitazionale risulta perpendicolare alla superficie sferica e di identico valore in tutti i suoi punti.

Questo vale anche se la massa M è distribuita uniformemente su superfici concentriche: essa appare sulla superficie sferica ed al suo esterno come tutta concentrata al centro. Questo è in prima approssimazione il caso della Terra, non interessa se la sua densità via via aumenta avvicinandosi al suo centro, e basta considerare la massa totale della Terra come se fosse concentrata al centro. Di conseguenza il campo gravitazionale terrestre è, in prima approssimazione, identico in ogni punto della superficie sferica concentrica considerata, e diretto verso il suo centro della Terra. Tuttavia la forma della Terra non è perfettamente sferica: è schiacciata ai poli, la sua sezione all’equatore non è un cerchio perfetto ma una ellisse (schiacciamento equatoriale) ed ha inoltre notevoli variazioni locali sia per l’orografia che per le variazioni di densità nella crosta terrestre. Per quanto riguarda queste variazioni è ben noto che esse, tramite misure precise del campo gravitazionale locale, permettono di individuare riserve di gas o di petrolio nel sottosuolo. Lo schiacciamento ai poli è utilizzato per far variare il piano di rotazione dei satelliti artificiali, che altrimenti rimarrebbe fisso nello spazio in virtù della conservazione del momento della quantità di moto: c’è una inclinazione dell’orbita rispetto al piano equatoriale, circa 82° (ma dipende un pò anche dall’altezza del satellite), che fa sì che il piano su cui ruota il satellite ruoti dello stesso angolo della Terra attorno al Sole. Quindi il piano di rotazione rimane fisso rispetto al Sole, con tutti i vantaggi che ne derivano dovuti allo sfruttamento della costanza nel tempo dell’esposizione alla sua luce. Anche lo schiacciamento equatoriale è sfruttato dai satelliti artificiali. Esso permette di mantenere in posizione stabile quei satelliti che girano sul piano equatoriale con una velocità angolare uguale a quella della rotazione terrestre attorno al proprio asse.

Sono i noti satelliti geostazionari che stanno ad una altezza di circa sei raggi terrestri quasi fissi al disopra di un punto geografico, e sono quindi usati per le telecomunicazioni e il telerilevamento e alle longitudini corrispondenti all’asse minore dell’ellisse che descrive lo schiacciamento equatoriale, cioè alle longitudini dell’India (75°E) e della California (255°E), questi satelliti mantengono la loro posizione nominale entro pochi gradi, oscillando attorno ad essa, senza ricorrere a correzioni attive che comportano propulsori e carburante a bordo. Tutto quanto sopra illustrato può essere descritto con una funzione, il potenziale gravitazionale che dipende alla distanza r dal centro della Terra, dalla latitudine f e dalla longitudine L. Per utilizzarlo nei calcoli tale potenziale si sviluppa in una serie polinomiale, i cui coefficienti danno le correzioni da apportare alla approssimazione sferica. Sono stati finora determinati 70 coefficienti che tengono conto di moltissimi effetti, oltre quelli sopra menzionati.

Tuttavia per i satelliti per il controllo della posizione e dei movimenti di oggetti relativamente piccoli sulla superficie terrestre o nell’atmosfera, la cui posizione istantanea nello spazio richiede di essere conosciuta con la precisione di poche decine di cm, questo calcolo non basta, e sono perciò messi in orbita satelliti dedicati specificatamente alla misura molto precisa del campo gravitazionale terrestre per determinare i coefficienti di ordine ancora superiore.

Piero Spillantini - Fisico


 

 

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.