Onde Gravitazionali | Intervista a Marco Drago, il giovane ricercatore italiano che per primo ha visto il segnale delle onde gravitazionali

a cura di Laura Bandiera

drago2Marco Drago è un giovane ricercatore italiano (PostDoc in inglese) che per primo è stato testimone della prima osservazione diretta di onde gravitazionali. La scoperta, avvenuta nel mese di settembre 2015 da parte delle collaborazioni internazionali LIGO e VIRGO di cui l’INFN è parte, è stata annunciata pubblicamente l’11 febbraio 2016.

Caro Marco, ci puoi raccontare il momento della scoperta e come l’hai vissuto?

Quel giorno ero in ufficio al Max-Planck-Institut di Hannover a lavorare come al solito. L’algoritmo che abbiamo sviluppato in collaborazione con le Università della Florida, Padova e Trento manda una mail di allerta quando c’è un evento interessante rivelato da una delle antenne gravitazionali. Di falsi eventi è normale che ne capitino tanti, di solito una volta al giorno c’è un’allerta, quindi non ero sorpreso e ho subito dato un’occhiata come faccio solitamente.

Questa volta però era qualcosa di particolare, un segnale con un’energia almeno il doppio del solito ed era chiaramente visibile la tipica forma dovuta a due corpi che ruotano uno attorno all’altro e poi si fondono in un unico oggetto. Era chiaro che ci trovavamo di fronte a qualcosa di nuovo, rispetto al passato, ma il mio primo pensiero è stato che fossi di fronte ad una onda finta inserita all’interno dei dati come test. E’ una procedura che attuiamo all’interno della collaborazione: inseriamo dei segnali finti che simulano onde gravitazionali, in casi estremi ad insaputa della collaborazione, per testare l’infrastruttura completa. Penso che in molti, all’interno della collaborazione, abbiano pensato a questo non appena hanno visto il segnale, era così perfetto! Comunque sia, l’eccezionalità ci ha coinvolti subito, tutti quanti, fin dall’inizio.

Questi mesi, prima dell’annuncio della scoperta, come li hai vissuti?

Eravamo tutti molto impegnati a procedere con le dovute verifiche per dare una significanza all’evento stesso e poter proclamare con certezza di avere fatto la scoperta. Una scoperta epocale! Non è stato facile tenerla segreta, ma era necessario, volevamo essere certi di aver fatto tutti i controlli necessari per essere sicuri di aver raggiunto il risultato. E’ stato faticoso poichè i controlli hanno richiesto tempo ed energia, e non è stato facile convogliare i commenti ed i suggerimenti di oltre le 1000 persone che lavorano al progetto internazionale in un’unica pubblicazione. Alla fine posso dire che è stato un bel lavoro di squadra.

drago1

Puoi spiegarci cosa sono le onde gravitazionali e come LIGO è riuscito a misurale?

Einstein ha rivisitato la visione della gravità newtoniana immaginando che un oggetto deformi lo spazio (che in effetti è uno spazio-tempo), un po’ come una grande massa che deforma un piano elastico con il suo peso. Un qualsiasi oggetto che si muove su questo elastico tende a seguire la curvatura, e quindi se si avvicina troppo alla massa, può o caderci sopra oppure deviare la sua traiettoria. Ora se immaginiamo che questa massa si muova lungo il piano elastico, o ancora meglio due masse che ruotano una attorno all’altra, possiamo immaginare che producano delle onde sul piano elastico che si propagano anche lontano dalle masse stesse, un po’ come un sasso che cade nell’acqua. Quando le onde gravitazionali viaggiano, e lo fanno alla velocità della luce, deformano la struttura spazio-temporale e allungano-accorciano le distanze lungo due direzioni perpendicolari. L’esperimento LIGO usa un laser a cui fa percorrere due distanze uguali lungo due direzioni perpendicolari di 4 chilometri. Quando il laser ritorna alla posizione di partenza, produce una interferenza di luce distruttiva, per cui non si vede alcun segnale. Ma se il passaggio dell’onda ha alterato le distanze dei due bracci, allora i due fasci laser non si annullano più, l’interferenza non è più totalmente distruttiva e si produce un segnale. Questa variazione di distanza aspettata è molto piccola, un millesimo del diametro del protone! Capite la difficoltà della scoperta.

Quando è nata la tua passione per la fisica e in particolare per la ricerca delle onde gravitazionali?

Ho conosciuto la fisica al liceo e me ne sono appassionato. Ho sempre avuto una certa predilezione per la matematica, ma è veramente emozionante vedere come la realtà sia ben spiegata e studiata dalla fisica. Così ho deciso di iscrivermi all’università e intraprendere la strada della ricerca. L’incontro con le “onde gravitazionali” è stato quasi un caso: avevo saputo della possibilità di una tesi su di un’analisi dati riguardo questo tema, mi sono informato e non mi sono più staccato … questo campo di ricerca è entusiasmante.

Che cosa vorresti fare nel prossimo futuro e cosa consiglieresti ai ragazzi interessati a intraprendere la strada per diventare fisici?

Adesso che abbiamo visto un segnale e ci aspettiamo di vederne altri, la nuova fisica gravitazionale è solo all’inizio. E’ un momento veramente eccitante. Stiamo per aprire una nuova finestra nello studio dell’Universo. Se qualcuno vuole studiare fisica, si prepari a rimboccarsi le maniche, ma anche a stupirsi della bellezza della natura. Apritevi alla meraviglia e siate curiosi, non lasciate mai che altre persone fermino la vostra curiosità e il vostro desiderio di provare strade nuove. 

 

Marco ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Fisica presso l'Università di Padova nel 2010 con una tesi dal titolo "Ricerca di segnali di onde gravitazionali transitori con una forma d'onda note nella rete LIGO-VIRGO di rivelatori interferometrici utilizzando un algoritmo pienamente coerente". Marco è inoltre uno degli sviluppatori (in collaborazione con le Università della Florida, Padova e Trento) del programma di elaborazione dati che ha fornito la prima risposta quasi in tempo reale dei dati provenienti dai rivelatori della rete LIGO-VIRGO. Dopo il dottorato, fino al 2014, Marco ha lavorato come PostDoc presso l'Università di Trento. Mentre, a partire dal 2014 lavora come PostDoc presso il Max-Planck-Institut per la Fisica della Gravitazione ad Hannover, in Germania. 

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.