Strutture cosmiche

1. La scoperta della struttura a grande scala

Il percorso “Strutture cosmiche” parla della distribuzione spaziale della materia nel nostro Universo, che appare disomogenea. Per spiegare come le strutture presenti nell’universo si evolvono, dobbiamo introdurre il concetto di materia oscura e quello ancora piu` misterioso di energia oscura. Attraverso lo studio della struttura su grande scala dell’Universo si ottengono preziose informazioni sia per la Cosmologia che per la Fisica Fondamentale ed è possible verificare la validità della teoria della Relatività Generale. Questo tema e` di grande interesse nella comunita` Astrofisica e sara` oggetto della missione spaziale chiamata “Euclid”.

di Branchini

universo b nContrariamente a quanto asserisce il Principio Cosmologico su cui si basa il Modello Cosmologico Standard, il nostro Universo non è esattamente omogeneo ed isotropo. La distribuzione spaziale della materia visibile è infatti organizzata in strutture sia relativamente dense e compatte (galassie, ammassi di galassie) che diffuse ed estese (filamenti, vuoti cosmici). La Figura 1 fornisce un’impressione visuale di tali strutture. Essa mostra la distribuzione spaziale della materia ottenuta da una simulazione numerica di una regione tipica del nostro Universo il cui volume è pari a circa il 5% dell’Universo osservabile. La distribuzione spaziale della materia appare piuttosto disomogenea su scale di qualche decina di Megaparsec (1Mpc ~ 3.26 milioni di anni luce) .

Quale è l’origine di questa struttura? Come si è evoluta nel tempo? Quali informazioni contiene? Per rispondere a queste domande è opportuno contestualizzarle nella loro prospettiva storica. 

 L’idea che l’Universo potesse contenere delle strutture così estese ed organizzate è in effetti piuttosto recente. Ancora nel 1920 Harlow Shapley riteneva che l’Universo coincidesse con la nostra Galassia. Fu solo qualche anno dopo, nel 1923, che Edwin Hubble icona_minibiografia dimostrò che gli oggetti noti come nebulose erano in realtà strutture in tutto simili alla Via Lattea ma esterne ad essa. Ed è solo nel 1929 che lo stesso Hubble fu in grado di dimostrare che l’Universo si espande attraverso l’osservazione che le galassie si allontanano da noi con una velocità proporzionale alla loro distanza (ciò che noi chiamiamo “moto di recessione”). La legge di Hubble dice che le galassie si allontanano le une dalle altre con velocità proporzionale alla loro distanza relativa. Essa è preziosa anche perchè permette di determinare la distribuzione spaziale delle galassie. Infatti è sufficiente misurare la posizione angolare in cielo dell’oggetto, tipicamente una galassia, e la sua velocità di recessione attraverso la misura del redshift, ovvero dallo spostamento verso il rosso della radiazione emessa dall’oggetto stesso. Negli anni ’30 la tecnologia limitava la possibilità di misurare lo spettro delle galassie a pochi oggetti vicini alla nostra Galassia. Fu solo a partire degli anni ’70, grazie a telescopi e rivelatori di nuova concezione che fu possible misurare il redshift di un numero significativo di galassie a distanze sempre più grandi. La prima grande redshift survey di circa 1000 galassie fu condotta dallo Smithsonian Astrophysical Observatory . Contrariamente alle attese essa mostrò che la distribuzione spaziale delle galassie è fortemente disomogenea. Da allora, sono state condotte molte surveys per un numero sempre maggiore di galassie. Tutte hanno confermato la presenza di quella che oggi chiamiamo la struttura a grande scala, ovvero di un network di strutture cosmiche interconnesse tra loro e distribuite in modo spazialmente coerente.

 

materiaoscuraFig1  

Figura 1:
 Distribuzione spaziale della materia nell’Universo nella simulazione N-corpi “Millennium”. Le regioni piu’ chiare corrispondono a zone di alta densità, come ammassi e gruppi di galassie. Quelle più scure le regioni di bassa densità come i vuoti cosmici. Si noti la struttura a grande scala caratterizzata da un network di filamenti interconnessi. Nella figura è mostrata anche la scala fisica.

 

Figura 2
: Distribuzione spaziale delle galassie nella Sloan Digital Sky Survey. Nella figura è mostrata una frazione del circa milione di galassie effettivamente osservate. Nel diagramma l’osservatore è posto al centro. La coordinata radiale è proporzionale al redshift dell’oggetto. La coordinata circolare rappresenta una delle due coordinate celesti (Ascensione Retta) di ogni galassia. Le regioni in arancione corrispondono a zone con alta densità di galassie.


 

 

Per convincersene si confronti la Figura 1 con la Figura 2 che, contrariamente alla prima, mostra la distribuzione spaziale di galassie vere, e non simulate. Si tratta di una frazione dell’oltre milione di galassie nel catalogo SDSSicona_linkesterno . Nella figura l’osservatore è posto al vertice del cono.


© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.