Il volo per mezzo di un pallone aerostatico

 

Scheda estratta da http://utenti.lycos.it/mas_online/mongolfiera.htm

Si trova testimonianza dell'antica sfida a vincere l'accelerazione di gravità, cui ogni corpo è soggetto quando è immerso nel campo gravitazionale terrestre, già nell'antichità con il mito greco di Icaro. Secondo questo mito appunto, Icaro avrebbe tentato di fuggire dal labirinto di Minosse (signore di Creta) imitando il volo degli uccelli con ali fatte di cera, canne e penne. Secondo la leggenda le suddette ali non resistettero al calore del sole.

L'accelerazione gravitazionale di cui sopra, sulla superficie terrestre, ha un valore medio che può tranquillamente essere approssimato a g = 9,81 [m/s^2]

Un grosso passo avanti fu compiuto grazie all'ingegno di un grande matematico e fisico greco: Archimede  icona_minibiografia (Siracusa 287 a.C. - 212 a.C.). Egli è considerato l'iniziatore dell'idrostatica con il famoso

Principio di Archimede: "Ogni corpo immerso in un fluido è sottoposto a una spinta verticale diretta dal basso verso l'alto, uguale al peso del fluido che esso sposta, ed applicata al centro di gravità del fluido spostato, o centro di spinta".

Secondo la tradizione, il famoso principio che porta il suo nome sarebbe stato scoperto in questa circostanza: Gerone, re di Siracusa, sospettava che l'orefice che gli aveva fabbricato una corona d'oro vi avesse unito una certa quantità d'argento; chiese dunque ad Archimede che scoprisse e accertasse l'inganno, lasciando però intatta la corona. Archimede, mentre si accingeva a risolvere il problema, fu colpito dalla circostanza che, durante il bagno, il suo corpo immerso nell'acqua sembrava diminuire di peso e intuì che questa osservazione casuale gli avrebbe dischiuso la via da seguire per dare una risposta al quesito postogli dal re. Si dice che, nell'entusiasmo, egli si sia slanciato nudo per le vie, gridando: "Eureka! Eureka!" ("Ho trovato!").

Tradotto in termini aerostatici questo significa che è possibile trarre una spinta verticale utile (ascendente) impiegando un certo volume (Va) di un fluido A di densità rho.a, immerso in un altro fluido B (tipicamente l'aria di cui è costituita l'atmosfera) di densità rho.b:

P = Va * g * (rho.b - rho.a) scienzapertutti_principio_archimede

Affinchè la spinta risulti effettivamente ascendente è necessario che la densità del fluido B sia maggiore di quella del fluido A.

scienzapertutti_leonardo_da_vinci_volo

Bisogna attendere il Medioevo e Leonardo da Vinci icona_minibiografia (Vinci - Firenze 1452 - 1519) perchè vengano compiuti i primi seri e rigorosi studi sul volo degli uccelli. Nonostante ciò ogni tentativo di volo librato tentato con ali costruite a somiglianza di quelle degli uccelli finì male.

Per la prima volta la sfida fu vinta dai fratelli Joseph e Jacques Montgolfier (Vidalon-lès- Annonay, Vivarais 1740 - 1810 il primo, 1745 - 1799 il secondo).

La lettura di un trattato di Priestley sulle proprietà dell'aria gli suggerì l'idea di riempire un involucro con un gas più leggero dell'aria, in modo che potesse sollevarsi nell'atmosfera.

Dopo una prima esperienza riuscita (1782), fatta con un involucro di seta a forma di parallelepipedo aperto all'estremità inferiore e riempito d'aria calda ottenuta bruciando un miscuglio di lana e di paglia umida, i due fratelli riuscirono a far sollevare nell'aria un pallone di una ventina di m³.

Il 5 giugno 1783 ripeterono a Annonay il loro esperimento con un nuovo aerostato di 750 m³ che riuscì a sollevarsi a una quota di oltre 1.000 m.

scienzapertutti_mongolfiera_trattato_priestley

Chiamati a Parigi, il 19 settembre del medesimo anno fecero innalzare con successo a Versailles, alla presenza del re e di tutta la corte riunita, una delle loro mongolfiere ad aria calda, alla quale era sospesa una cesta di vimini contenente un montone, un gallo e un'anatra che sopportarono perfettamente il viaggio nell'aria. In seguito le loro esperienze si moltiplicarono e il 21 novembre 1783 con uno dei palloni da loro ideati effettuarono la prima ascensione umana J.-F. Pilâtre de Rozier e il marchese F. d'Arlandes. Lo stesso Joseph-M. Montgolfier, a bordo di un aerostato gigante, effettuò un'ascensione il 19 gennaio 1784 a Lione con altre sei persone.

Successivamente divenne uno dei tre direttori del conservatorio delle Arti e Mestieri. I due fratelli vennero anche nominati membri dell'Accademia delle scienze: Joseph- Michel nel 1807 e Jacques-Etienne nel 1786. L'impresa dei fratelli Montgolfier ispirò il Monti nell'ode Al signor di Montgolfier(1784) e l'Alfieri in un sonetto. Nel 1783 il francese Jacques Charles perfezionò l'idea dei fratelli Montgolfier sostituendo l'aria calda con un gas appena scoperto dall'inglese Cavendish, l'idrogeno.

In seguito fu utilizzato anche un altro gas, l'elio. Infatti questi gas (aria riscaldata, idrogeno ed elio) sono tutti meno densi dell'aria così come si trova liberamente in natura (per lo meno fino ad una certa quota - quota di tangenza): con delle ipotesi semplificative (aerostato omotermico e omobarico) si possono stimare i rapporti tra le densità

rho aria / rho idrogeno = 14,5

rho aria / rho elio = 7,2

scienzapertutti_mongolfiere

In seguito molti altri grandi obiettivi furono raggiunti e molte altre difficoltà furono vinte: 24/6/1802 - Humbolt e Bompland raggiungono quota 5878 m 24/8/1804 - Gay-Lussac  icona_minibiografia e J.B. Biot superano quota 7000 m 1862 - Glaisher e Coxwell raggiungono la ragguardevole quota di 8850 m.

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.