0304. Come avviene l'effetto stroboscopico?

espertomini

Mi incuriosisce molto l'effetto stroboscopico. Come avviene sia dal punto di vista ottico che da quello psico-fisiologico? Come si producono e come vengono percepiti dal complesso meccanismo della visione e nella percezione-intepretazione cerebrale? (Gianluca Arrighi) ( 2179)


sem_esperto_verde Effetto stroboscopico: si ottiene usando una lampada stroboscopica (che invia brevi lampi di luce a frequenze note) per illuminare un oggetto in rotazione. Se la frequenza di rotazione dell'oggetto e quella della lampada coincidono (un lampo ogni giro), l'oggetto verrà illuminato sempre nella stessa posizione e quindi apparirà fermo. Se invece la frequenza dei lampi è superiore alla velocità di rotazione, l'oggetto verrà illuminato da ogni lampo sempre in anticipo rispetto alla posizione del giro precedente; al contrario, se la frequenza dei lampi è inferiore alla velocità di rotazione, l'oggetto verrà illuminato da ogni lampo sempre in ritardo rispetto alla posizione del giro precedente. In entrambi i casi l'oggetto non apparirà più fermo, ma la sua posizione verrà vista cambiare nel tempo, in senso antiorario se la rotazione è più veloce dei lampi, in senso orario se la rotazione è più lenta. Il dispositivo quindi viene usato per misurare o regolare "a occhio" la velocità di rotazione di un oggetto.

ScienzaPerTutti_strobodiscoPrima osservazione: se l'oggetto è una ruota perfettamente omogenea in senso tangenziale (e cioè eventuali disomogeneità figurali o cromatiche siano individuabili solo in senso radiale Fig. 1) verrà sempre vista ferma con qualunque frequenza della luce. In questo caso verrà vista ferma anche con luce continua (è infatti pericoloso avvicinarvisi): si tratta di un caso in cui un movimento fisico non viene percepito anche se la velocità rientra nella sensibilità della visione umana (movimenti troppo lenti o troppo veloci non vengono percepiti perché fuori dell'intervallo per il quale siamo sensibili).

Una seconda osservazione: per certe combinazioni di velocità e frequenze di lampi l'oggetto non solo viene visto in posizioni diverse, ma sembra ruotare, più o meno lentamente: le ruote della diligenza, proiettate nell'occhio con la frequenza dei fotogrammi del cinema (o televisione), mostrano i loro raggi muoversi in avanti o indietro in funzione della differenza fra velocità di rotazione e frequenza delle immagini. Questo effetto strettamente parlando non è stroboscopico, ma una possibile conseguenza. Per rotazioni lente e frequenze di lampi basse, l'oggetto viene semplicemente visto in posizioni successivamente diverse, non necessariamente in movimento. La percezione di rotazione continua (non a salti) si ha quando sono soddisfatte alcune condizioni, quelle che caratterizzano il cosiddetto moto apparente come descritto da Max Wertheimer icona_minibiografia e altri studiosi della Psicologia della Gestalt icona_glossario icona_miniapprofondimento agli inizi del 900.

Una terza osservazione: la percezione del movimento è un fatto psicologico notevolmente complesso, non riducibile a semplici cambiamenti di stimolazione sulla retina. Infatti quando ci muoviamo in un ambiente completamente fermo, la stimolazione retinica varia continuamente: ciò nonostante continuiamo a percepire l'ambiente come fermo, e al contrario percepiamo noi come in movimento. Percepire quindi oggetti in movimento richiede che questi vengano visti muoversi rispetto ad uno schema di riferimento: tuttavia lo schema di riferimento può non essere unico, e a seconda di quali riferimenti caratterizzano un movimento, questo verrà percepito con una determinata direzione, velocità, accelerazione. Se osserviamo dalla stazione una persona su un treno in movimento che lascia cadere un oggetto, il movimento di questo oggetto verrà percepito verticale perché visto in riferimento al treno, ma contemporaneamente il treno verrà visto muoversi orizzontalmente. Se lo stesso oggetto venisse visto cadere seguendo la stessa traiettoria ma senza che si veda il treno, si vedrebbe un movimento completamente diverso, come se l'oggetto fosse lanciato in avanti verso il terreno. Si constata facilmente che un movimento in assenza di contesto è impossibile. Sempre rimanendo nell'esempio del treno, succede spesso che percepiamo noi stessi in movimento quando vediamo il treno vicino muoversi: non è un’illusione, ma conseguenza naturale del principio che il treno vicino viene visto come facente parte dell'ambiente esterno, e perciò stesso fermo. Un movimento percepito rispetto questo riferimento esterno comporta naturalmente che venga percepito muoversi l'osservatore stesso.

Concludendo. Sono caratteristiche soggettive (o imposte al sistema visivo dalla situazione esterna o scelte dall'osservatore) che determinano entro quale contesto viene di volta in volta percepito un movimento e quindi quali caratteristiche di direzione, velocità, accelerazione esso assuma. Tutto questo per dire che la percezione del movimento è un’ operazione del cervello e come tale obbedisce a leggi proprie: un movimento percepito è sempre apparente, per definizione, e la corrispondenza fra movimento percepito e movimento fisico viene determinata in base a leggi ancora poco note.

Osvaldo da Pos – Psicologo Sperimentale


 

 
Tags: , , ,

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.