|| Scienzapertutti Home |||| Torna indietro ||

0240. Qual è la differenza tra fari normali e fendinebbia?

espertomini

Mi piacerebbe sapere, su basi di elettronica o di fisica,che differenza c'è tra i comuni fari di un auto (abbaglianti e anabbaglianti) e i fari antinebbia? Come mai sono visibile da una distanza maggiore, le minuscole gocce non riflettono questo tipo di luce? (Michele) (2118)


sem_esperto_verdeLa differenza che intercorre tra i proiettori di posizione (abbaglianti e anabbaglianti) e i proiettori fendinebbia sta nella differente posizione in cui vengono istallati sul veicolo rispetto alla visuale del guidatore.

Le luci di posizione si trovano più in alto rispetto ai fendinebbia, ed il cono di luce che essi proiettano nella nebbia, crea una sorta di muro alla vista del conducente, una semplice prova si può fare accendendo una lampadina tascabile nella nebbia e cercare di illuminare un bersaglio che può essere una persona. Se la luce viene messa ad altezza occhi, e noi cerchiamo di illuminare la persona, ci accorgeremmo che la luce colpisce si il bersaglio, ma il riflesso creerà una sorta di muro bianco, mentre se abbassiamo la nostra lampadina ad altezza fendinebbia, illumineremo solo in parte il bersaglio, il riflesso creerà il nostro muro bianco nella parte più bassa, mentre il riflesso della persona arriverà ai nostri occhi in maniera più nitida.

I fendinebbia si trovano quasi ad altezza strada, e permettono all’automobilista di vedere prima eventuali ostacoli proprio perché l’angolo che si crea tra l’occhio umano e i fari è maggiore e il fenomeno della riflessione è minore! Un esempio di facile comprensione: i camionisti nella nebbia hanno una visuale migliore perché l’abitacolo è molto più alto sia dei proiettori anabbaglianti sia dei fendinebbia.

Oggi esistono diversi modelli di lampadine a luce bianca e a luce blu (azzurrata) che hanno delle temperature di colore (spettro del colore) icona_approfondimento maggiore a quelle fornite dalla casa costruttrice (3400 °K della casa contro i 4300-4500 °K delle nuove luci) e quindi ricreano in modo più efficiente la luce diurna!

Alessandro Russo – Tecnico Elettronico


 

 Domande e Risposte di SxT


© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - powered by mspweb