Tutte le risposte

0180. Possiamo creare e contenere in un solo involucro due forze separate di campi gravitazionali?

espertomini

Nella nostra galassia esistono varie forze o campi gravitazionali propri dei corpi celesti. Mi risulta che in laboratorio è stato possibile creare queste forze o (campi gravitazionali) se ciò è vero domando: possiamo creare e contenere in un solo involucro due forze separate di campi gravitazionali? (Alfonso) (2063)


sem_esperto_verdeLa gravità agisce su tutti i corpi dotati di massa esercitando una forza proporzionale al prodotto delle masse ed inversamente proporzionale al quadrato della loro distanza. La costante di proporzionalità, G, introdotta da Isaac Newton icona_biografia ha il valore di 6.6720 x 10-11 m-3 kg-1 s-2 . Una caratteristica peculiare della forza di gravità, consiste nell’essere puramente attrattiva. La forza elettromagnetica, invece, può essere sia attrattiva che repulsiva a seconda che siano in gioco “cariche” di segno opposto od uguale. Due cariche elettriche di segno opposto che si attraggono e si avvicinano , tendono alla fine a “neutralizzarsi” dando un effetto risultante “nullo". In questo senso è possibile parlare, nel caso delle forze elettromagnetiche, di “schermatura": è sufficiente realizzare un’opportuna configurazione di cariche opposte a quella da schermare (un esempio molto noto è quello della “Gabbia di Faraday icona_biografia ”). Al contrario, nel caso della forza gravitazionale è impossibile realizzare una schermatura proprio perchè non esistono “cariche gravitazionali” di segno opposto. Le masse in gioco si sommano sempre e mai andrebbero a sottrarsi a quella originale. Le forze gravitazionali non si creano: la gravità è generata, in senso Newtoniano, dalla presenza di massa. Se ci si riferisce invece alla possibilità di creare un ambiente a “gravità artificiale” ciò è possibile generando forze per mezzo di rotazioni. Queste forze sono dette “centripete” (come quelle avvertibili in caso di una brusca sterzata in automobile, o, ancor più, sulle “Montagne Russe”). Questo è un problema che scienziati ed ingegneri aerospaziali si stanno seriamente ponendo e stanno cercando di risolvere in vista di future missioni e/o permanenze nello spazio di lunga durata a bordo di astronavi o stazioni spaziali per alleviare i debilitanti effetti della microgravità icona_linkesterno. Anche nel caso del campo gravitazionale, si esprime il concetto di energia e di lavoro: una massa posta ad una certa altezza da terra acquista un’energia potenziale gravitazionale proporzionale all’altezza stessa. Il lavoro che compie la forza di gravità, dipende solo dalla posizione dell'oggetto, ovvero dalla sua altezza rispetto al piano di riferimento; non dipende dalla traiettoria seguita dall'oggetto per passare dalla posizione iniziale alla posizione finale. La forza di gravità è dunque un esempio di forza conservativa . I campi gravitazionali dei pianeti sono stati utilizzati in alcune missioni spaziali interplanetarie per sfruttare il cosiddetto “effetto fionda” o “gravity assist” (ideato dall’italiano Giuseppe Colombo) allo scopo di far guadagnare velocità ai veicoli spaziali. E’ un modo di sfruttare, praticamente in modo gratuito (con significativi risparmi di carburante), l’energia gravitazionale dei pianeti incontrati dalla sonda: quando la sonda si avvicina ad un pianeta, acquista una velocità aggiuntiva grazie al fatto che il pianeta sta orbitando intorno al Sole. Il pianeta la trascina verso di sé durante la sua orbita, fornendo alla sonda una spinta, proprio come nel caso di un sasso lanciato da una fionda accelerata in avanti dal movimento della mano. A titolo di esempio, il ruolo dell’effetto fionda è stato cruciale nella missione icona_linkesterno Cassini/Huygens icona_biografia icona_biografia che ha raggiunto Saturno: l’ha utilizzato per la prima volta nell’aprile 1998 con Venere, nel 1999 di nuovo con Venere in giugno e con la Terra nell'agosto dello stesso anno, e infine con Giove nel dicembre 2000.

ScienzaPerTutti_nasa_huygen

 La sonda Huygens abbandona Cassini per esplorare Titano

L’insieme di queste spinte ha consentito alla Cassini/Huygens di arrivare alla velocità di circa 80 mila km/h. La sonda Cassini il 25 dicembre 2004 ha liberato la sonda Huygens verso Titano icona_linkesterno, la più grande e misteriosa luna di Saturno, dove  è atterrata il 14 gennaio 2005.

Marco Ricci – Fisico


 

 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.