Tutte le risposte

0172. Tutte le forme di energia sono dovute al Sole?

espertomini

Ho letto che sulla Terra qualunque forma di energia, con le sole eccezioni dell’energia nucleare e dell’energia prodotta dal calore delle viscere della Terra, è dovuta al Sole. In altre parole? (Paolo ) (3037)

 

sem_esperto_verdeDire che qualunque forma di energia (eccettuata quella nucleare e geotermica) derivi da quella del Sole non è del tutto corretto quando, come è richiesto nella domanda, si considerano le varie forme di energia sulla Terra. Così dicendo, infatti, si trascurano almeno altre due forme primarie di energia, quella chimica e quella gravitazionale icona_esperto , che pure hanno un ruolo fondamentale nelle attività umane e che spesso intervengono accanto e indipendentemente da quella solare. L’energia radiante del Sole, dispensatrice di vita, è stata comunque determinante nell’evoluzione dell’ambiente terrestre, dalle prime forme di vita agli organismi viventi attuali. Basta ricordarsi che i primi esseri viventi sono stati organismi fotosintetici che utilizzavano direttamente la luce solare, donde il ruolo della radiazione solare nella formazione di grande masse vegetali - che poi fossilizzate hanno prodotto i carboni fossili - o nella formazione di sostanze organiche - che poi decomposte ad opera di batteri hanno prodotto idrocarburi come petrolio o gas metano.

L’energia solare resta a tutt’oggi una sorgente primaria di energia che, attraverso vari processi, viene impiegata direttamente, o immagazzinata, sempre nel rispetto del I Principio della Termodinamica: l’energia si conserva durante una trasformazione anche se può accadere che si suddivida in più forme, tra cui quasi onnipresente la produzione di calore.

Abbiamo così processi di natura biochimica come, ad esempio, quelli che avvengono negli impianti a gas da biomasse icona_glossario , o di carattere meccanico, come ad esempio, nei generatori di elettricità da energia eolica, o elettrico come ad esempio nelle celle fotovoltaiche per la conversione diretta di energia solare in energia elettrica o puramente termico come nei comuni impianti solari o nei progettati impianti che sfruttano la differenza di temperatura tra gli strati d’acqua superiori degli oceani riscaldati dal sole e quelli freddi più profondi. Se si considera tuttavia sia l’insieme dei fenomeni naturali che si svolgono sul nostro pianeta come il ciclo dell’acqua, la fotosintesi icona_glossario ..., sia il complesso dei processi tecnologici dovuti ad attività umana, si deve riconoscere che l’energia della radiazione solare contribuisce largamente, ma non unicamente, ad alimentare tali processi che coinvolgono anche altre forme di energia e comportano una conversione da una forma all’altra, con un’efficienza che dipende dalla trasformazione considerata. Le maree ad esempio, che l’uomo utilizza laddove è conveniente, per realizzare centrali elettriche, non dipendono dalla radiazione solare, ma sono provocate sul mare dall’azione gravitazionale della Luna e del Sole.

Nelle attività umane è comunque possibile qualunque conversione da una forma di energia ad un’altra anche se con diverse limitazioni più o meno importanti: per esempio, una stazione solare è molto meno compatta di una batteria di accumulatori anche se, a parità di potenza, il flusso di energia solare in watt/m2 icona_glossario è confrontabile con il flusso di energia da chimica a elettrica in un normale accumulatore.

La domanda del nostro web-nauta si presta però a una qualche ulteriore riflessione, di carattere generale, sul confronto tra energia gravitazionale, energia chimica ed energia associata alla radiazione solare.

Occorre ricordare che le leggi della Termodinamica icona_esperto impongono che ad ogni forma di energia utilizzata da un sistema fisico sia associato un “fattore di qualità“, a cui i fisici danno il nome di entropia icona_glossario . L’entropia icona_esperto può essere definita come un indicatore del grado di disordine che si accompagna all’utilizzo, a una certa temperatura, di una particolare forma di energia da parte del sistema. Possiamo classificare le varie forme di energia ponendo ai livelli di qualità più alti le forme di energia cui corrisponde una minore entropia (per unità di energia). L’energia in natura fluisce dai livelli più alti (cioè a più bassa entropia) verso quelli più bassi (a entropia più alta) e non viceversa. Ponendo arbitrariamente uguale a 1 il parametro e “entropia per unità di energia” associato alla luce solare possiamo fare una classificazione delle varie forme di energia:

forma di energia e = entropia per unità di energia

0

gravitazionale

0

rotazionale meccanica

0

nucleare

10-4 (diecimila volte minore di quella solare)

luce solare

1

chimica

1

radiazione cosmica

104 (diecimila volte superiore a quella solare)

Come si vede l’energia gravitazionale -che è anche la forma di energia più abbondante nell’Universo- è quella di più alta qualità e più facilmente utilizzabile; per questa ragione una centrale idroelettrica che converte l’energia gravitazionale (dovuta alla Terra) di una massa di acqua in energia cinetica e poi in energia elettrica può avere un rendimento che si avvicina anche al 100% cosa che non sarebbe possibile per una centrale nucleare o chimica.

La Natura favorisce, lentamente, ma inesorabilmente la degradazione dell’energia gravitazionale verso le altre forme di energia; anche l’energia nucleare è in definitiva il risultato della formazione degli atomi nel processo di condensazione della materia primordiale per effetto gravitazionale e così pure l’energia chimica che, se ha grande importanza nelle nostre attività sulla Terra, conta poco su larga scala, quella dell’Universo. L’energia a più alta entropia è il calore che si ricava da una sorgente a bassa temperatura; la famosa radiazione cosmica a 3 K (microonde) ne sembra l’ultima degradazione.

Armando Reale – Fisico


 

 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.