Tutte le risposte

0163. Esiste nel mondo animale un essere che non sia simmetrico?

espertomini

Esiste nel mondo animale un essere che non sia simmetrico, esisite un entità vivente (battero, dna etc etc ) non simmetrica? Perché la natura sembra essere simmetrica ? Chi ha ordinato la simmetria? (Mina)(2033)

 

sem_esperto_verdeIn natura, possedere un corpo apparentemente simmetrico sembra essere una strategia vincente, almeno nel mondo animale. I vegetali infatti non sono in genere molto simmetrici, sebbene spesso esista una simmetria nelle foglie o in altri organi. E non ha molto senso parlare di simmetria per organismi dai contorni “mobili”, come le amebe icona_glossario (le quali non sono animali bensì protozoi icona_glossario ). Anche nel regno animale però esistono eccezioni. Non è simmetrico ad esempio l’aspetto di molte conchiglie, le quali costituiscono lo scheletro esterno dei molluschi che le producono. Non sono simmetrici neppure i maschi del granchio violinista, dotati di una gigantesca chela che può rappresentare addirittura il 40% del loro peso.

ScienzaPerTutti_granchio_violinstaFOTO DI RICCARDO OGGIONI DA WWW.SIFC.IT

Questi animali la usano per eseguire una sorta di danza durante il corteggiamento e per tenere gli altri maschi lontano dalla loro tana. Per altro, la chela è tanto saporita da indurre gli abitanti del sud del Portogallo a una caccia così indiscriminata da mettere in difficoltà la specie. Perché gli animali tendono ad essere esteriormente simmetrici? Possiamo ipotizzare che sia una soluzione pratica. Gli animali infatti in genere sono mobili ed è difficile pensare di potere avere un buon equilibrio nello spostarsi se non si è simmetrici. In effetti, anche l’uomo quando ha costruito mezzi di trasporto come macchine, aerei o navi, ha creato strutture sostanzialmente simmetriche. Durante lo sviluppo embrionale, i viventi raggiungono un aspetto simmetrico grazie a meccanismi genetici molto accurati. Tramite questi ultimi, nella formazione di un organismo le cellule maggiormente sviluppate guidano nella giusta direzione la crescita delle “sorelle” più immature, mandando loro messaggi ormonali o segnali nervosi. Anche i fattori ambientali sono importanti. Negli animali di allevamento, si è notato che le condizioni di stress influiscono negativamente sul grado di simmetria della prole. Esemplare è il caso dei polli: alcuni studi dimostrano che i pulcini nati da animali tenuti in gabbie affollatissime e illuminate 24 ore al giorno, hanno spesso malformazioni nello sviluppo che li portano ad avere un aspetto asimmetrico. Un dato che fra l’altro fa riflettere sui vantaggi economici che porterebbe un migliore trattamento degli animali che cresciamo per l’alimentazione. Anche la selezione naturale sembra premiare la simmetria tra gli animali, dato che esemplari più simmetrici sono spesso quelli che hanno più facilità a trovare un compagno e a riprodursi, tramandando il loro aspetto alla prole. Ad esempio, sembra che tra le femmine di una gazzella africana chiamata Orice,

ScienzaPerTutti_orice

gli esemplari dotati di corna asimmetriche abbiano meno probabilità di dare alla luce piccoli. Mentre altre ricerche mostrano che la nostra specie trova generalmente i volti tanto più attraenti quanto più sono simmetrici.

Occorre però notare bene che questa celebrata simmetria è solo apparente, perché gli animali superiori al loro interno sono molto asimmetrici e ciò vale naturalmente anche per l’uomo. In realtà, nelle prime fasi del nostro sviluppo embrionale gli organi come cuore fegato e polmoni, iniziano a svilupparsi in posizione centrale. In seguito ognuno si localizza dove gli compete, il cuore a sinistra, il fegato verso destra e così via. In tal modo l'interno del corpo acquista un aspetto asimmetrico. Ma le cose non vanno sempre per il verso giusto e un nuovo nato ogni diecimila possiede una distribuzione di organi casuale (situs ambiguus) mentre altrettanti hanno un assetto interno speculare a quello normale (situs inversus). La prima condizione è molto grave mentre la seconda non è patologica. Per ora, sono stati identificati almeno tre geni responsabili della comparsa della corretta “asimmetria occulta”. Ma le ricerche continuano, perché lo studio dell’embriogenesi, cioè di come si sviluppano i diversi organismi, è uno degli argomenti più affascinati della scienza moderna.

Il tema della simmetria però va oltre e tocca anche altre discipline, come le neuroscienze icona_glossario . Nonostante il nostro cervello abbia sempre un aspetto sostanzialmente simmetrico, in realtà l’emisfero destro e l’emisfero sinistro nascondono profonde differenze. Il caso più famoso è forse quello del linguaggio, il quale sembra essere elaborato di preferenza nell’emisfero sinistro.

Barbara Gallavotti – Biologo


 

 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.