Tutte le risposte

0154. Un oggetto in un bagno a ultrasuoni si riscalda? e se si di quanto?

espertomini

Desiderei sapere se un oggetto posizionato in un bagno a ultrasuoni si riscalda e se si di quanto? Se io tolgo l'oggetto, l'acqua si riscalda? Insomma gli ultrasuoni riscaldano o no? (Andrea Pistoni)(2050)

 

sem_esperto_verdeInnanzi tutto stabiliamo il significato dei termini che usiamo: ultrasonico significa semplicemente che l'onda ha una frequenza superiore al limite di udibilità dall' orecchio umano , quindi è maggiore di 15 kHz icona_glossario Hz, cioè di 15000 cicli al secondo; evidentemente è un termine molto generico, che comprende i telecomandi a ultrasuoni che funzionano a circa 40 kHz, i dispositivi per la pulizia a ultrasuoni (tra 20 e 40 kHz) e i dispostivi per diagnostica medica o dei materiali, che utilizzano generalmente frequenze fra 1 e 10 MHz e anche oltre. Per questo motivo è preferibile parlare di onda acustica, che è una definizione applicabile alla propagazione delle deformazioni elastiche del mezzo fino a lunghezze d'onda comparabili alla distanza intermolecolare. Per la relazione tra frequenza, lunghezza d'onda e velocità di propagazione si veda il glossario SxT icona_glossario.

Il passaggio di un'onda in un solido, liquido o gas è dovuta alla successione di fasi di compressione e d’espansione che si propagano attraverso il materiale, quindi l'onda è sostanzialmente la trasmissione dell'energia associata alla compressione/espansione. Questo meccanismo idealmente non dovrebbe riscaldare il mezzo di propagazione, ma praticamente qualsiasi trasmissione di energia comporta una certa dissipazione che causa un innalzamento di temperatura. Dal punto di vista microscopico la dissipazione non è altro che la diffusione disordinata di una parte dell'onda in una direzione diversa da quella iniziale; i fenomeni di dissipazione sono quindi fortemente influenzati dalle disomogeneità e dai e difetti localizzati nel materiale attraversato dall' onda.

Nel caso di una lavatrice ad ultrasuoni, il liquido di lavaggio è certamente disomogeneo a livello microscopico, e comunque lo diventerebbe per il passaggio dell'onda che causa la formazione e il collasso di bolle di vapore, quindi gli ultrasuoni riscaldano l' acqua, ma è un effetto minimo; è proprio la formazione di queste bolle, come in un bagno schiuma, che renda efficace il lavaggio a ultrasuoni. Alla superficie dell'oggetto immerso nel liquido l'onda acustica è in parte riflessa, e in parte penetra nel solido mettendolo in vibrazione; ovviamente la frazione dell'energia acustica trasferita all'oggetto dipende moltissimo dal materiale di cui è composto e dalla sua forma, che determina la frequenza di risonanza icona_glossario, per cui nessuna generalizzazione è possibile. Una situazione perfettamente equivalente dal punto di vista fisico è "l' acuto di Enrico Caruso": si racconta che il grande tenore sapesse emettere un acuto in risonanza con i bicchieri che cominciavano a vibrare fino a rompersi; la differenza è solo che Caruso usava una sala da concerto piena di aria, invece di una lavatrice a ultrasuoni piena di acqua, e naturalmente sapeva trovare la nota giusta. Se il nostro web-nauta ha visto una lavatrice ad ultrasuoni con il liquido caldo è probabilmente perché sia l'acqua che la soluzione di NaOH (soda caustica) che spesso viene usata per un completo lavaggio dei contaminanti organici lavano meglio a caldo, quindi conviene scaldare...

I fenomeni di riscaldamento indotti dalla dissipazione di un'onda acustica hanno ricevuto maggior attenzione con il diffondersi delle tecniche diagnostiche ecografiche icona_glossario; le misure effettuare con un modello di tessuto in condizione sperimentali esasperate indicano che si può avere un limitato riscaldamento, ma prevalentemente nei tessuti ossei, e comunque di intensità tale da non costituire un problema nella normale pratica diagnostica. Nella diagnostica dei materiali invece la dissipazione concentrata intorno a un difetto può accrescere significativamente la temperatura locale, permettendo l'individuazione di microfratture e inclusioni ma richiede l'uso di tecniche termografiche molto avanzate.

Piero Patteri – Fisico


 

 
Tags: ,
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.