Tutte le risposte

0152. Ho sentito di teorie nuove su dove finisce l'universo, di cosa si tratta?

espertomini

Ho sentito di teorie nuove su dove finisce l'universo, di cosa si tratta? (Carlo Giacometto)(2032)


sem_esperto_verdeInnanzi tutto è bene precisare che un confine "naturale" all'universo esiste semplicemente perché ne possiamo osservare solo una regione finita. Questo avviene perché finita è la velocità della luce , e inoltre la maggior parte degli scienziati ritiene che sia passato un tempo finito (ancorché grande per la nostra misura umana) dal Big Bang icona_fumetto. Una conseguenza è che possono esistere regioni di universo da cui ancora non abbiamo ricevuto segnali luminosi e che diventeranno osservabili solo con il passare del tempo. La porzione di universo accessibile ad un osservatore in un dato istante viene detta bolla osservabile e il suo limite orizzonte dell'osservatore. Va da sé che questo tipo di confine riveste un'importanza fondamentale in fisica perché (vale la pena di ricordarlo) le nostre teorie vanno confrontate con i risultati osservativi. È però legittimo chiedersi se, nelle teorie cosmologiche, esistono o meno delle previsioni sull'esistenza di un confine, per così dire, "intrinseco". La risposta è che non solo tali previsioni esistono, ma sono anche in buon numero e ancora non sappiamo quali scartare.

Ma andiamo con ordine: La soluzioni cosmologiche delle equazioni della Teoria Generale della Relatività icona_glossario di Einstein icona_biografia, vecchia ormai di una novantina d'anni ma ancora ritenuta adatta a descrivere il comportamento della materia su distanze cosmologiche, descrivono un universo in espansione (o in contrazione, ma sappiamo dalle osservazioni che non è oggi questo il caso) e dotato di curvatura spaziale negativa, nulla o positiva, a seconda del valore di un parametro legato alla densità di energia (e, quindi, anche di materia) dell'universo. Siamo tutti familiari con uno spazio a curvatura nulla: è il classico spazio euclideo la cui versione a due dimensioni ("il piano") ha afflitto molti di noi alle scuole medie, mentre la versione tridimensionale è lo spazio in cui le persone dotate di senso pratico pensano di vivere (per intenderci: quello in cui vale il teorema di Pitagora ). Probabilmente a molti sarà anche familiare l'idea di uno spazio curvo, anche se, per evidenti ragioni, è difficile averne una visione intuitiva in un numero dimensioni maggiore di due. La Relatività Generale ci dice dunque che la sezione tridimensionale del nostro universo potrebbe benissimo essere curva. Questo fatto ha una conseguenza immediata sulla nostra domanda, se la curvatura è positiva: infatti, in questo caso, l'universo risulterebbe anche spazialmente chiuso, e quindi limitato, senza però che abbia ad esistere un confine. Per capire come questo sia possibile basta rammentare che l'analogo bidimensionale dell'universo positivamente curvo è una superficie sferica, che è in effetti finita, mentre un suo ipotetico abitante può esplorarla tutta senza incontrare colonne d'Ercole di sorta. Se invece la curvatura è nulla (universo piatto o euclideo) o negativa (l'analogo bidimensionale in questo caso è una superficie "a sella") i modelli cosmologici classici prevedono che lo spazio si estenda all'infinito. Ora, è un fatto noto che le ultime osservazioni sembrano suggerire in maniera consistente che l'universo sia spazialmente piatto.

Dobbiamo dunque rassegnarci a considerarlo infinito, al di là della precisazione sulla bolla osservabile fatta sopra? Non è necessariamente così in quanto nella breve esposizione sino a qui fatta manca un ingrediente fondamentale. In effetti, tutti i risultati forniti dalla Relatività Generale derivano dal postulare che la geometria locale dell'universo, rappresentata per mezzo della sua curvatura, è determinata dalla distribuzione di massa. Abbiamo evidenziato l’aggettivo locale perché qui sta il punto chiave dell'intera faccenda. La curvatura è, in sostanza, una quantità locale, e dunque la Relatività Generale non ci può dare informazioni sulle proprietà globali di uno spazio. Queste ultime sono studiate da una disciplina della Matematica moderna che prende il nome di topologia. Parlando rozzamente, la topologia ha a che fare con la forma dello spazio. Qualche esempio diretto può aiutarci a capire di che cosa stiamo parlando. Abbiamo parlato del piano euclideo.

Un altro spazio che ha la stessa geometria, cioè la stessa curvatura (nulla in questo caso), ma differente topologia, è il toro bidimensionale. Questo spazio può essere pensato come un quadrato (il "dominio fondamentale") tale che, se si attraversa un lato, si emerge da quello opposto, un po' come succedeva nei vecchi videogiochi stile Space Invaders o PacMan (l'analogia con un videogioco è più profonda di quanto possa sembrare a prima vista: in effetti, la nostra intuizione privilegia gli spazi a topologia semplice, come il piano euclideo, ma su un computer è più naturale, dato la struttura della sua memoria, introdurre spazi a topologia torica). Un modo equivalente di pensare a uno spazio torico di questo tipico è di pensare di ricoprire il piano infinito, con repliche identiche del dominio fondamentale. L'idea può essere naturalmente estesa a spazi tridimensionale: un esempio calzante è in questo caso, un cubo circondato da specchi. Per quel che riguarda la cosmologia, questi universi a topologia compatta (un termine per indicare che lo spazio si "chiude" su se stesso) sono oggetto di ricerca intensa da tempi relativamente recenti, anche se i dettagli sono leggermente più complessi del semplice toro descritto sopra, e contemplano domini fondamentali più complicati di un quadrato e curvature spaziali non nulle. Tuttavia il concetto di base dovrebbe essere chiaro: il dominio fondamentale costituisce una sorta di limite, attraversato il quale si naviga nelle sue repliche. Ma come si può scoprire se il nostro è un universo a topologia compatta? Semplicemente andando a cercare le "repliche" del dominio fondamentale. Questo è possibile soltanto se questo dominio entra nell'orizzonte dell'osservatore, cioè bisogna osservare oggetti lontani nello spazio e, dunque, dato che la velocità della luce è finita, lontani anche nel tempo.

Paolo Natoli - Fisico

 

 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2019 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

PRIVACY POLICY

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.