Tutte le risposte

0123. Cosa sono i dilatoni cosmici?

espertomini

Cosa sono I dilatoni cosmici ? Sono forse connessi con l’inflazione cosmica ? (Dario Binarelli)


sem_esperto_gialloI dilatoni cosmici sono particelle prodotte nell’universo primordiale durante la fase inflazionaria  icona_glossario , ed eventualmente sopravvissuti sino ad oggi come resto fossile di quelle ere remote. Se sono attualmente presenti essi dovrebbero costituire un fondo di radiazione distribuito in maniera pressoché omogenea ed isotropa su scala cosmica, simile in molti aspetti al fondo cosmico di onde gravitazionali, ma fondamentalmente diverso da quest’ultimo in quanto si tratterebbe di onde di tipo scalare (associate cioè a particelle prive di spin cioè momento angolare intrinseco).

L’interesse verso questo particolare tipo di radiazione fossile sta nel fatto che il dilatone non è una particella presente nel modello standard delle interazioni fondamentali, bensì è una particella tipica dei modelli di stringa: si può addirittura dire che la teoria delle stringhe non sarebbe consistente, nella sua versione quantistica, se non esistesse questa particella scalare. A livello classico, il dilatone genera un campo di forze di intensità simile a quella gravitazionale e che però, a differenza della forza gravitazionale, non agisce in modo universale su tutti i campi materiali. Si pensa infatti che il dilatone si accoppi a barioni  icona_glossario e leptoni con intensità diverse, rompendo quindi il principio di equivalenza della relatività generale, anche se la violazione prodotta è così piccola da sfuggire finora a tutte le osservazioni effettuate.

Una rivelazione, diretta o indiretta, di effetti fisici dilatonici fornirebbe dunque un’importantissima verifica delle teorie di stringa. A causa della debolezza dell’interazione dilatonica, però, gli effetti dilatonici diventano non trascurabili, rispetto alle altre interazioni, solo quando la scala di energia si avvicina alla massa di Planck  icona_glossario , MP ~ 1019 ( cioè 10 miliardi di miliardi di miliardi di) GeV  icona_glossario . Ci aspettiamo dunque che i dilatoni (se esistono) potrebbero essere stati prodotti in abbondanza nelle remote era cosmologiche durante le quali si pensa che tutte le interazioni fossero unificate e che la gravità giocasse un ruolo predominante. In quel regime, i modelli cosmologici basati sulla teoria delle stringhe prevedono infatti la formazione di un fondo cosmico di dilatoni, fondo che non è invece previsto dai modelli standard basati sulla relatività generale. Il meccanismo che produce dilatoni, amplificando le fluttuazioni quantistiche di tipo scalare grazie all’evoluzione accelerata dell’universo, è identico a quello che produce gravitoni e porta alla formazione di un fondo di radiazione gravitazionale .

È possibile che tale fondo sia sopravvissuto sino ai giorni nostri? Dipende dalla massa del dilatone (che purtroppo attualmente non conosciamo, anche se ci sono alcune plausibili congetture). Se il dilatone non ha massa allora è stabile, e si comporta a tutti gli effetti come un “gravitone scalare”: non appena l’energia dell’universo si abbassa al di sotto della massa di Planck il dilatone si disaccoppia dagli altri campi, ed il fondo diatonico si propaga indisturbato fino ai giorni nostri, recando impressa (nel suo spettro energetico) la “radiografia dilatonica” dell’universo risalente all’epoca della sua produzione. Se il dilatone ha massa, esso tende a decadere in radiazione elettromagnetica, e la sua vita media è inversamente proporzionale alla sua massa al cubo, e direttamente proporzionale alla massa di Planck al quadrato. Ne consegue, in particolare, che la vita media del dilatone è dell’ordine dell’età dell’universo attuale quando la massa del dilatone è dell’ordine del centinaio di MeV  icona_glossario , ossia circa duecento volte la massa di un elettrone, che pesa circa 10-27 grammi (ci vogliono un miliardo di miliardi di miliardi di elettroni per fare un grammo !). Se il dilatone è più pesante di questo valore limite allora la sua vita media è inferiore all’età dell’universo, tutti i dilatoni cosmici sono già decaduti, e non c’è più nessun fondo di dilatoni da osservare ai giorni nostri. Viceversa, se il dilatone è più leggero di tale limite, allora i dilatoni prodotti nell’universo iniziale sono ancora “vivi”, e possiamo sperare, prima o poi, di catturarne qualcuno.

La domanda che sorge spontanea, a questo punto, è come rivelare i dilatoni cosmici, ammesso che esistano e che siano abbastanza leggeri da vivere a lungo sino ai giorni nostri. Gli strumenti adatti a rivelare tale fondo, per fortuna, esistono già, e sono le cosiddette antenne gravitazionali, costruite per rivelare le onde gravitazionali di origine astrofisica o cosmologica. La risposta di queste antenne ad un fondo di dilatoni cosmici varia a seconda del fatto che si tratti di antenne “interferometriche” VIRGO icona_linkesterno , LIGO icona_linkesterno o di “masse risonanti” NAUTILUS icona_linkesterno, e a seconda del fatto che i dilatoni siano a massa nulla (o comunque ultraleggeri), oppure siano massivi e non-relativistici. Gli studi fatti sinora mostrano che la sensibilità delle antenne attuali non sembra sufficiente a rivelare il fondo dilatonico cosmico, neppure nelle stime più ottimistiche dell’intensità di tale fondo. Le antenne di seconda generazione, però, potrebbero raggiungere la sensibilità necessaria in un futuro non molto lontano. In conclusione, si può dire che un’eventuale futura scoperta di un fondo di dilatoni cosmici sarebbe di estrema importanza perché ci darebbe informazioni sperimentali dirette, da un lato di interesse astrofisico sull’universo primordiale e dall’altro lato di interesse puramente teorico sui modelli di stringa e sulla fisica delle altissime energie.

Maurizio Gasperini – Fisico

Nota redazionale SxT Per ulteriori informazioni, di carattere qualitativo, sui dilatoni cosmici si suggerisce la lettura del libro: “L’universo prima del big bang. Cosmologia e teoria delle stringhe”, M. Gasperini (Franco Muzzio Editore, Roma, Settembre 2002). Per approfondimenti, di tipo specialistico, si consiglia invece il seguente articolo di rassegna: “The pre-big bang scenario in string cosmology”, M. Gasperini and G. Veneziano, Phys. Rep. 373, 1 (2003).


 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.