Tutte le risposte

0114. Come si intraprende la carriera di astronauta?

espertomini

 Sono uno studente di Liceo scientifico e mi piacerebbe sapere quale tipo di studi bisogna affrontare per intraprendere la carriera di astronauta. (Damiano)



sem_esperto_verde

In linea di principio chiunque può diventare astronauta. Occorre tuttavia superare delle prove molto selettive che tendono a evidenziare l’attitudine fisica e psichica. La perfetta conoscenza della lingua inglese è un requisito fondamentale come pure conoscenze nei settori tecnico-scientifici. Le prove di selezione tipicamente si svolgono in più giorni. Il primo giorno si compilano questionari a tempo di tipo attitudinale, cultura generale, concentrazione e comprensione della lingua inglese. Un colloquio con insegnanti in madre lingua inglese conclude le prove del primo giorno. Di solito meno del 10% dei candidati viene accettato per le prove successive che sono di tipo fisico e medico. Anche in questo caso c’è un ulteriore sfoltimento del numero dei candidati. Le ultime prove consistono nella valutazione dei titoli e dell’esperienza dei candidati e in colloqui di tipo tecnico e scientifico. Il numero di candidati che si presenta alle selezioni in risposta ai bandi dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) è in genere elevatissimo nonostante i rischi della professione dell’astronauta che purtroppo abbiamo riscontrato in ben due occasioni con lo Space Shuttle (Challenger e Columbia). L’utilizzo più immediato degli astronauti italiani è prevedibile sulla stazione spaziale internazionale (ISS) dove il loro compito sarà fondamentalmente quello di controllare gli impianti di sopravvivenza della stazione, montare nuovi esperimenti spediti dalla terra e controllarne il regolare funzionamento. Sul sito dell’Agenzia Spaziale Italiana  icona_linkesterno sono rintracciabili le biografie degli astronauti italiani icona_linkesterno: i componenti attuali del corpo degli astronauti italiani sono Umberto Guidoni, Roberto Vittori e Paolo Angelo Nespoli. Altri astronauti italiani sono stati: Franco Malerba (primo astronauta italiano che volò nel 1992 con lo Space Shuttle) e Maurizio Cheli (pilota collaudatore) .

Riportiamo ora alcuni consigli estratti dal sito dell’Agenzia Spaziale Italiana dedicati appunto a chi volesse provare a diventare astronauta.

“In conseguenza dell'evoluzione nelle attività spaziali, la figura dell'astronauta va gradualmente evolvendo: non sono più richieste, come ai primordi dell'era spaziale, caratteristiche da superuomo ma si stanno ormai delineando delle classi particolari, come i piloti della navetta o gli specialisti nell'operare la strumentazione scientifica, i cosiddetti specialisti di missione, con caratterizzazione più scientifico-ingegneristica. Questa evoluzione proseguirà, anche se ancora per qualche tempo la permanenza nello spazio sarà ridotta a un ristretto numero di individui. Tipicamente, un ragazzo o una ragazza di 15 anni che volessero diventare astronauti dovrebbero intraprendere una carriera universitaria di tipo scientifico (scienze matematiche, ingegneria, medicina o anche chimica) ottenendo un buon curruiculum studi, possibilmente con ottimi voti, magari caratterizzando il loro percorso di studi inserendo alcuni esami su tematiche spaziali. Dopo il percorso universitario dovrebbero sviluppare esperienze lavorative in realtà pubbliche o private che operano in questo settore, nella ricerca o nelle attività produttive, in ambito nazionale o internazionale. Una alternativa è quella di possedere il titolo di pilota collaudatore, differente dal pilota civile. Non meno importante è il profilo attitudinale dei candidati, che dovranno superare prove psico-attitudinali, mediche e di conoscenza fluida della lingua inglese, parlata e scritta, a livello internazionale.”

Chi scrive in passato ha partecipato ad una selezione per diventare astronauta, ma purtroppo è stato eliminato per una distrazione nelle prove di comprensione di inglese. Al nostro web-nauta facciamo quindi i migliori auguri per una splendida carriera!

Antonio Paolozzi – Ingegnere Areonautico


 

 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.