Tutte le risposte

0108. Come avviene fisicamente l'oscillazione dei neutrini?

espertomini

 Come avviene fisicamente l'oscillazione dei neutrini? (Gianpaolo Mangia)


sem_esperto_verdePer capire come avviene l'oscillazione del neutrino   è utile fare un paragone utilizzando lo spettro visibile . Sappiamo che, se i recettori del nostro occhio sono colpiti allo stesso tempo da una luce blu e una luce gialla, noi vediamo una luce verde. Quello che noi osserviamo è il verde ma le luci originali sono il blu e il giallo. Se la percentuale di giallo è superiore a quella del blu noi vediamo un "verde pisello"; se viceversa la percentuale di blu è maggiore vediamo un "verde marcio". Chiameremo il "verde pisello" e il "verde marcio" OSSERVABILI, mentre il giallo e il blu originali li indichiamo come AUTOSTATI. Qualcosa di simile avviene, ovviamente in modo quantistico, nella cosiddetta oscillazione del neutrino, già ipotizzata dal fisico italiano Bruno Pontecorvo icona_biografia negli anni 50 dello secolo scorso. I neutrini sono dotati di un numero quantico icona_glossario , detto sapore icona_fumetto , del quale ci sono tre varietà: neutrino elettrone, neutrino mu, neutrino tau.

Fino a qualche anno fa tutte le evidenze sperimentali mostravano che, in nelle interazioni che coinvolgono il neutrino, il numero di neutrini aventi un certo sapore era sempre conservato. Recenti esperimenti hanno invece messo in evidenza un fenomeno concettualmente simile a quanto sopra descritto per la luce. Prendendo in considerazione per semplicità solo due sapori, cioè neutrino elettronico icona_glossario

scienzapertutti_leptoni

questi due neutrini sono gli OSSERVABILI. A monte di essi ci sono due neutrini originali, che corrispondono a due stati di massa diversi, chiamiamoli neutrino 1 e neutrino 2. Questi due stati di massa sono gli AUTOSTATI. Quindi una sovrapposizione di neutrino 1 e neutrino 2 con certe percentuali, diciamo per esempio pa e pb, genera l'osservabile neutrino elettronico, mentre la sovrapposizione degli stessi due stati di massa, ma con percentuali diverse, diciamo pc e pd, produce l'osservabile neutrino muonico.

Consideriamo ora i neutrini emessi dalle reazioni che avvengono nel nostro Sole. Immaginiamo che all’origine vengano emessi neutrini elettroni. Poiché il neutrino 1 e il neutrino 2 (che per sovrapposizione costituiscono il neutrino elettrone) hanno masse non nulle e diverse fra loro, essi hanno velocità diverse, quindi man mano che si avvicina alla Terra, nel flusso di neutrini emessi dal Sole aumenta la componente a massa più piccola, diciamo neutrino 1, e diminuisce quella a massa maggiore, diciamo neutrino 2. Le due percentuali di conseguenza cambiano: pa aumenta e pb diminuisce avvicinandosi ai valori di pc e pd. Il risultato è che il flusso di neutrini che vengono emessi dal Sole, che inizialmente è costituito da soli neutrini elettroni, ora diventa una miscela di neutrini elettronici e neutrini muonici. Questo ora descritto è il fenomeno noto come oscillazione del neutrino. Una sovrapposizione con percentuali diverse degli stati di massa porta ad un’alterazione della composizione del fascio del neutrino in funzione della distanza dalla sorgente.

scienzapertutti_oscillazioni_neutrino

Lo stesso fenomeno che abbiamo descritto in connessione al viaggio dei neutrini nel vuoto dell'Universo fra il Sole e la Terra (oscillazione nel vuoto), può avvenire anche nella materia solare prima che i neutrini abbandonino il Sole, a causa dei modi diversi con i quali il neutrino 1 e il neutrino 2 interagiscono con le particelle della materia (oscillazione nella materia). Quest'ultimo tipo di oscillazione porterebbe ad un'alterazione, seppur molto piccola del flusso anche fra il giorno e la notte, in quanto di notte i neutrini solari devono attraversare la Terra per raggiungere il rivelatore, cosa che di giorno non avviene e quindi subiscono un processo di oscillazione attraverso la materia terrestre (effetto giorno/notte).

Gianpaolo Bellini – Fisico

Nota redazionale SxT Molti esperimenti sono in corso e altri in preparazione in tutto il mondo per studiare questi processi. Nel laboratorio sotterraneo dell’INFN icona_linkesterno al Gran Sasso icona_linkesterno fisici di tutto il mondo stanno preparando tre nuovi enormi rivelatori dai nomi esotici: Borexino, OPERA icona_linkesterno , e Icarus che nei prossimi anni chiariranno i molti misteri che ancora circondano i neutrini. La foto mostra l’apparato da 300 tonnellate di liquido scintillatore visto da 2200 rivelatori fototubi dell’esperimento borexino.



 

 

Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.