Tutte le risposte

0146. Una massa posta in rotazione ha una riduzione del proprio peso?

espertomini

 È vero che una massa posta in rotazione ha una riduzione vera o apparente del proprio peso? Se è così, secondo quale sistema di riferimento? Se ciò non fosse vero per la normale meccanica tradizionale, potrebbe essere vero per una teoria non tradizionale p.e. quella della relatività? (Marcello Valpreda)(2029)


sem_esperto_verdeSecondo la meccanica Newtoniana il potenziale gravitazionale U prodotto, per esempio, da un corpo sferico di massa M è indipendente dallo stato di moto di quest'ultimo. Infatti, nella sua espressione matematica U=-GM/r compare soltanto la massa gravitazionale M del corpo, oltre alla costante universale di gravitazione di Newton G icona_esperto[102] e la distanza r del punto in cui si considera il campo dal centro del corpo. Non così per la Teoria Generale della Relatività icona_glossario (TGR), ossia la teoria del campo gravitazionale di Einstein icona_biografia che sostituisce quella di Newton icona_biografia nel caso di alte velocità v rispetto a quella della luce c (v/c poco minore a 1) e di potenziali gravitazionali U forti rispetto a c2 (U/c2 poco minore a 1). Infatti, secondo Einstein la rotazione di un corpo di massa M produce un'ulteriore componente del suo potenziale gravitazionale detta potenziale gravitomagnetico A. Nella sua espressione matematica A=(G J x r)/cr3 compare ora, oltre a c, anche il momento angolare icona_glossario J del corpo rotante che è proporzionale alla sua velocità angolare di rotazione. Esso produce una componente del campo gravitazionale, detta campo gravitomagnetico, che è analoga al noto campo magnetico prodotto da una calamita (*). Il campo gravitomagnetico produce tutta una serie di conseguenze sul moto di particelle di prova, sull'orientazione degli assi di un giroscopio e sul moto di raggi di luce nello spazio circostante il corpo centrale rotante. Essi sono molto piccoli e, attualmente, non sono ancora stati misurati con un' accuratezza soddisfacente per poter essere considerati prove affidabili della TGR. Circa il cambiamento dell'orientazione (precessione) dell'asse di un giroscopio in orbita, nell'Aprile 2004, dopo 40 anni di preparazione, è stata lanciata la missione Gravity Probe B (GP-B) icona_linkesterno che, dopo una anno di raccolta dati, ha misurato, fra l'altro, questo effetto gravitomagnetico prodotto dalla rotazione della Terra con una precisione dichiarata dell' 1% o migliore. L'effetto sulla traiettoria di un corpo di prova, o effetto Lense-Thirring, può, invece, essere misurato analizzando le orbite dei satelliti artificiali terrestri LAGEOS e LAGEOS II inseguiti via laser. I primi tentativi in tal senso risalgono alla fine degli anni 90 (*) e sono dovuti a Ignazio Ciufolini e ai suoi collaboratori (*). Recenti sviluppi lasciano prevedere che, nel prossimo futuro, si potrebbe pervenire ad una misura con un errore dell'ordine di pochi punti percentuali (*). Per quel che riguarda possibili effetti gravitazionali della rotazione terrestre su oggetti di piccola taglia eventualmente misurabili in esperimenti di laboratorio sulla superficie della Terra, essi sarebbero molto difficili da rivelare sia per la loro piccolezza sia a causa del gran numero di disturbi di tipo sismico e strumentale che sarebbero presenti in un contesto siffatto. Si è a lungo discusso circa i presunti effetti antigravitazionali che la rotazione di un corpo potrebbe produrre su corpi vicini, per esempio riducendo il loro peso. Da un punto di vista teorico, le condizioni alle quali tali effetti si manifesterebbero non sembra siano fisicamente realizzabili. Da un punto di vista sperimentale, qualche anno fa venne riportato un controverso esperimento condotto da uno scienziato russo i cui risultati, però, sembra non siano stati confermati quando altri gruppi hanno cercato di ripetere l'esperienza.

Lorenzo Iorio – Fisico

(*) I web-nauti più esperti e conoscitori della lingua inglese possono consultare

- sulle analogie fra elettromagnetismo e gravitazione: http://www.arxiv.org/abs/gr-qc/0211108

- sull’effetto Lense-Thirring: http://www.arxiv.org/abs/gr-qc/0210065

- sui limiti raggiungibili in futuro: http://www.arxiv.org/abs/gr-qc/0408031

- sul controverso esperimento russo: http://www.arxiv.org/abs/gr-qc/0311008

- altro interessante testo in merito a questo risultato http://www.arxiv.org/abs/gr-qc/0411024

Nota redazionale SxT  Sulla rivista Nature.com, prestigiosa rivista scientificha sul web, Ignazio Ciuffolini e Erricos Pavis hanno pubblicato il risultato di 11 anni di osservazioni su LAGEOS e LAGEOS II. È stato osservato uno spostamento di 2 metri per anno che sembra confermare la validità della teoria di A. Einstein. La Terra ruotando su se stessa, “arrotola” lo spazio che la circonda.


 

 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.