Tutte le risposte

0118. Quali sono i danni biologici delle radiazioni a livello cellulare e molecolare?

espertomini

 Quali sono i danni biologici delle radiazioni a livello cellulare e molecolare? (Delia Di Giannandrea)


sem_esperto_verde

Come è ben noto l'unità fondamentale dell'organismo vivente è la cellula icona_glossario il cui nucleo contiene l'informazione genetica codificata nel DNA icona_glossario, quest'ultimo è in grado di fornire istruzioni per la riproduzione e la sintesi proteica della cellula. Altre strutture cellulari (organelli icona_glossario) sono deputate alla produzione di proteine e di energia. Qualsiasi alterazione dei processi che avvengono all'interno della cellula possono minacciare l'esistenza della cellula stessa. La cellula peraltro ha sviluppato un elaborato sistema di riparazione cellulare con particolare riguardo al danneggiamento del DNA. Strutture biologiche importanti possono essere modificate direttamente dalla ionizzazione oppure indirettamente dai radicali liberi indotti dalle interazioni delle radiazioni ionizzanti icona_glossario con la materia vivente.

La distribuzione casuale degli eventi di assorbimento dell'energia radiante può danneggiare parti vitali della doppia elica del DNA o di altre macromolecole importanti per la vita e funzionalità della cellula. Gli effetti diretti si verificano nel DNA sotto forma di interruzioni di una sola o di ambedue le eliche della molecola. Altri effetti comprendono un gran numero di modificazioni, di ricombinazioni, di induzioni di legami spuri, di alterazioni degli zuccheri delle basi. Le aberrazioni cromosomiche sono il risultato del danno al DNA. Moltissimi dati sperimentali mostrano che il DNA è il principale bersaglio danneggiato in una cellula irradiata. Molti effetti acuti che si osservano in un organismo sono dovuti alla morte delle cellule quando tentano di dividersi, ma non riescono a moltiplicarsi ulteriormente: è la morte riproduttiva della cellula o “inattivazione” della cellula. Se in un organo o tessuto le cellule inattivate superano un certo numero, la funzione dell'organo e del tessuto viene compromessa. In casi estremi l'intero organismo vivente può soccombere. Un secondo processo che si verifica generalmente in tempi più lunghi è la modificazione della cellula normale, presumibilmente il risultato di lesioni molecolari specifiche del DNA mediante un fenomeno noto come trasformazione neoplastica. Queste modificazioni del DNA possono essere indotte da agenti diversi incluse le radiazioni.

Il loro risultato caratteristico consiste nell'acquisizione da parte della cellula della capacità potenziale di proliferare senza limiti, cosa che può portare in certe condizioni alla formazione di un tumore indotto da radiazioni.

Adolfo Esposito – Fisico

Nota redazionale SxT: I nostri web-nauti che volessero approfondire questo argomento possono leggere "Effetti biologici delle radiazioni" di J. E. Coggle, Edizioni Minerva Medica 1998. Altri visitatori ci chiedono come vengono fissate le norme di protezione verso le radiazioni in Italia : la ICRP ( International Commission on Radiological Protection) è l’organismo che fornisce le raccomandazioni in merito alla protezione radiologica che sono poi recepite dalle varie normative nazionali.)


 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.