Tutte le risposte

0060. Come fanno i fisici a dire che nell'universo non c’è antimateria?

espertomini

 Sul vostro sito avete scritto che, nell'universo, c'è più materia che antimateria. Come fanno i moderni fisici a provarlo? Non è forse possibile che l'antimateria sia presente nelle zone dello spazio ancora inesplorate da noi? Inoltre, se quando la materia e l'antimateria vengono in contatto si annichilano entrambe le sostanze, non dovrebbero essere presenti nelle stesse quantità nello spazio? (Luca Cernuschi)


sem_esperto_verdeinglese According to the theory of special relativity, any form of energy can become mass, but distributed over equal amounts of matter and antimatter. Of the total energy of the universe, maybe 4% is matter, as we understand it. And that is just barely enough for galaxies, stars and planets to be born. So if matter came from energy, there should be equal amounts of antimatter. If there was antimatter here, around us, it would annihilate with matter and we would see light coming out. But we don't... That is not the only evidence. Searches in space do not find antimatter, especially they do not find anti nuclei. Helium is very abundant in the universe but anti-helium is not found in our neighborhood. Hydrogen nuclei travel across the whole universe to make cosmic rays in the upper atmosphere of the earth. Anti helium does not. More experiments are needed and are under way, like AMS, with Italian participation. It is some times speculated that very early in the ‘big bang,’ matter and antimatter became segregated into ‘non-overlapping domains’, suggesting that there would be some domains of space totally composed of matter and others totally of antimatter. The laws of gravitation and relativity insure that at the boundary of the domains it would be impossible to avoid matter-antimatter annihilation: Cohen, De Rújula and Glashow . Thus we would necessarily see light. Searching the universe, astrophysicists fail to detect any signal. They conclude: ‘On general grounds, a matter-antimatter symmetric universe today is empirically excluded.’ The big remaining question is how did the universe change from a matter-antimatter symmetric state to a matter dominated condition. Particle physics is essential to many of the points above and even more directly becomes involved at this point. The matter asymmetry in the universe requires in particular violation of the CP symmetry, Andrei Sakharov. This refers to the fact that the natural laws for two systems which are mirror images of each other with in addition positive charge changed to negative, as well as another half dozen more esoteric charges. Fitch and Cronin , as an incredibly minute effect, first observed violation of this symmetry in the laboratory in 1964. CP is still being studied, among other places at the Laboratori Nazionali di Frascati of the Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. What has become clear in the last few years is that the observed violation of CP-symmetry is much too small to account for the Universe matter-antimatter asymmetry. Discrepancies like this are welcome, they indicate that we do not understand everything and we should study more deeply the problem.

Paolo Franzini - Fisico

sem_esperto_verde

italiano Traduzione a cura della redazione SxT.

La teoria della relatività speciale ci dice che ogni forma di energia si può trasformare in massa purché in eguali quantità di materia e antimateria. Sappiamo che circa il 4% dell’energia totale dell’universo è rappresentata da materia: galassie, stelle, pianeti. Se la materia deriva dall’energia dovrebbe esserci nell’Universo una quantità di antimateria pari a quella della materia. Materia e antimateria quando entrano in contatto si annichilano emettendo luce. Ma noi non osserviamo nello spazio alcun segnale di questo processo di annichilazione icona_glossario icona_esperto[5] .Questa non è l’unica evidenza di assenza dell’ antimateria. Ricerche nello spazio per cercare antimateria non hanno dato risultati positivi. Non sono stati trovati antinuclei. Mentre i nuclei di elio, ad esempio, sono molto abbondanti. Nello spazio non c’è traccia di nuclei di antielio nelle vicinanze della Terra. I nuclei di idrogeno arrivano dalle profondità dello spazio sulla Terra dando origine, con la loro interazione sui nuclei dell’atmosfera, ai raggi cosmici. Gli antinuclei se esistessero, anche molto lontani da noi, dovrebbero giungere nelle nostre vicinanze. Ma non cè alcuna traccia di nuclei di antielio. Molte ricerche sono in corso, anche con la partecipazione di fisici italiani icona_linkesterno, per cercare con sempre maggiore sensibilità l’antimateria. Si è anche ipotizzato che, subito dopo il “big bang”, materia e antimateria si siano separate in regioni distinte dell’universo: esisterebbe così una regione totalmente composta di materia e un’altra totalmente composta di antimateria. Questa ipotesi è stata studiata dai fisici Cohen icona_quantibio, De Rújula icona_quantibioe Glashow icona_biografia. Essi hanno dimostrato che le leggi della gravitazione e della relatività imporrebbero comunque l’avvenire di processi di annichilazione nelle regioni di confine con emissione di segnali luminosi che sarebbero facilmente rivelati dai nostri osservatori sulla terra o nello spazio. Essi concludono: “Allo stato di conoscenza attuale, un universo con simmetria materia-antimateria è escluso”. Resta la domanda di come l’universo, creato perfettamente simmetrico al momento del “big bang”, si sia evoluto verso la forma attuale in cui la materia domina totalmente. La fisica delle particelle gioca un ruolo decisivo nella comprensione di questo aspetto dell’evoluzione dell’Universo. I fisici hanno sempre ritenuto che le leggi della natura che governano le interazioni delle particelle elementari siano simmetriche quando si cambia una particella in una antiparticella. Ma, come affermava Andrei Sakharov icona_biografia, “L' asimmetria materia-antimateria nell’Universo richiede la esistenza di un processo che violi la simmetria di CP ”. Fitch icona_biografia a Cronin icona_biografia nel 1964 per primi osservarono un piccolissimo effetto che metteva in evidenza una violazione di questa simmetria. Ancora oggi gli studi su questo effetto impegnano gruppi di scienziati in molti laboratori di ricerca nel mondo, tra i quali i Laboratori Nazionali di Frascati icona_linkesterno dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Quello che le ricerche più recenti hanno fatto capire è che la variazione di simmetria osservata da Fitch e Cronin è troppo piccola per giustificare l’asimmetria materia-antimateria osservata nell’Universo. Questo ci indica che c’è ancora molto da capire e ci spinge a nuove, più avanzate, ricerche.

Paolo Franzini - Fisico

 

 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.