Tutte le risposte

0050. Come avviene la propagazione dei raggi infrarossi in acqua di mare?

espertomini

 Vorrei conoscere la direzione di propagazione, la distanza e la rifrazione dei raggi infrarossi di un telecomando immerso in acqua marina ad una profondità di 15 m? Grazie (Paolo Agnello)


sem_esperto_verdeA causa della grande mutevolezza delle condizioni ambientali in acqua marina (temperatura, salinità, presenza di inquinanti, microrganismi e particelle in sospensione), non è possibile eseguire calcoli precisi in assenza di un adeguato supporto sperimentale. Conoscendo però i fenomeni fisici che regolano la propagazione delle onde elettromagnetiche, è possibile farsi un’idea di cosa dobbiamo aspettarci che accada. I principali fenomeni che influenzano la propagazione dei raggi infrarossi in acqua sono la rifrazione icona_glossario , la diffusione icona_glossario e l’assorbimentoicona_glossario .

La rifrazione è un fenomeno che si verifica ogni volta che la luce passa da un mezzo a un altro di densità diversa. Ogni materiale è caratterizzato da un indice di rifrazione, indicato con n, che, salvo casi particolari, aumenta all'aumentare della densità del mezzo stesso; l'aria, per esempio, possiede un n poco superiore a 1 mentre quello dell' acqua è circa 1.33. La rifrazione è governata dalla legge di Snell icona_quantibio:

sin i / sin r = n2 / n1

ossia il rapporto tra il seno dell'angolo d'incidenza e quello dell'angolo rifratto è uguale al rapporto tra gli indici di rifrazione del secondo mezzo (n2) e del primo (n1). Quindi, passando da un mezzo meno denso (es. aria) a uno più denso (es. acqua) il raggio, come si evince dalla figura, si avvicina alla normale, ossia alla retta perpendicolare alla superficie di separazione tra i due mezzi.

scienzapertutti_schema_infrarossi

Nel caso specifico del telecomando, supponendo che il diodo emettitore di raggi infrarossi (IRED = InfraRed Emitting Diode) sia contenuto in un recipiente stagno contenente aria, possiamo aspettarci che l'effetto della rifrazione sia quello di avvicinare i raggi alla normale, ossia di concentrarli maggiormente "in avanti". In altre parole il telecomando aumenterebbe la sua "direttività" ossia la potenza irradiata in funzione dell' angolo risulterebbe maggiore a piccoli angoli (telecomando puntato in direzione del ricevitore) e minore a grandi angoli. Considerando che di solito un telecomando viene puntato in direzione del ricevitore, l'effetto apparente finale sarebbe quello di un aumento della portata massima.

La diffusione. Quando la luce attraversa un mezzo in cui sono sospese particelle di dimensioni molto maggiori della lunghezza d'onda della luce stessa, tali particelle si comportano come minuscoli specchi che riflettono in tutte le direzioni. La potenza luminosa viene quindi distribuita più uniformemente in funzione dell'angolo: diventa più facile ricevere il segnale quando il trasmettitore e il ricevitore non sono allineati, ma la portata massima diminuisce proprio perché l'energia viene distribuita su un angolo (solido) maggiore. Da questo punto di vista l' effetto è opposto a quello dovuto alla rifrazione.

L'assorbimento. Una radiazione elettromagnetica che attraversa un mezzo materiale può produrre alcuni fenomeni fisici che sottraggono energia alla radiazione stessa. La natura di questi fenomeni dipende fortemente dalla lunghezza d'onda. Nella regione spettrale delle microonde, ad esempio, la radiazione viene assorbita se è in grado di indurre moti rotatori nelle molecole del mezzo. A frequenze più alte, dall' infrarosso al visibile, l'assorbimento è dovuto ai moti di vibrazione delle molecole, mentre dal vicino ultravioletto fino ai raggi gamma prevalgono fenomeni di eccitazione elettronica e di ionizzazione. Ogni materiale è caratterizzato da un coefficiente di assorbimento che dipende quindi fortemente dalla lunghezza d'onda della radiazione: un materiale può essere fortemente assorbente a certe lunghezze d'onda ma completamente trasparente ad altre. L'attenuazione che un'onda elettromagnetica subisce nell'attraversare un mezzo materiale dipende dal coefficiente di assorbimento e dallo spessore di materia attraversato, secondo una legge di tipo esponenziale:

scienzapertutti_formula_assorbimentoOve I è l'intensità della radiazione che ha attraversato uno spessore L di materiale, I0 è l'intensità iniziale e a è il coefficiente di assorbimento. In questa notazione, esso ha le dimensioni fisiche di una lunghezza e in pratica indica lo spessore di materiale che deve essere attraversato affinché l'intensità risulti ridotta di un fattore 1/e, pari ad un'attenuazione di circa il 63%.

Nel caso specifico del telecomando, la radiazione impiegata è infrarossa (IR) e la lunghezza d'onda tipica si aggira intorno ai 900 nm.

L'assorbimento IR in aria è molto basso ed è prevalentemente dovuto al vapore acqueo presente in atmosfera; questo è il motivo per cui un telecomando IR in aria libera può avere una portata massima di qualche decina di metri sebbene la potenza irradiata sia irrisoria. L'assorbimento dell' acqua nella regione dell' infrarosso è invece molto forte: il coefficiente di assorbimento a 900 nm vale circa 15 cm. Utilizzando la formula data sopra ricaviamo quindi un risultato molto interessante: la potenza irradiata dal telecomando in acqua è attenuata del 63% dopo 15 cm e del 99.9% dopo solo un metro! Il calcolo è anche ottimistico poiché non abbiamo tenuto conto dell'assorbimento aggiuntivo dovuto ai microrganismi in sospensione nell'acqua marina. La portata massima del telecomando è quindi sicuramente inferiore al metro. Nel campo tecnico-scientifico capita spesso di dover risolvere problemi che coinvolgono fenomeni fisici di cui non conosciamo i dettagli o sui quali non è possibile eseguire calcoli esatti, come nel caso del nostro telecomando.

Tuttavia, alcune considerazioni di carattere generale e un'analisi approssimata sono spesso sufficienti per dare una risposta a problemi specifici. Nel nostro caso, pur non disponendo di dati sufficienti, la conoscenza del tipo e dell' ordine di grandezza dei fenomeni coinvolti ci ha permesso comunque di trovare una risposta, ossia che la portata massima di un telecomando IR (del tipo di quelli usati per comandare gli elettrodomestici) immerso in acqua marina è molto probabilmente inferiore al metro, cosa che lo rende inutilizzabile per la maggior parte delle applicazioni.

Fulvio Pompili - Ingegnere

 


 

 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.