Tutte le risposte

0463. Materia oscura ed Onde gravitazionali

ondew
La presenza di materia oscura non influisce sul moto delle onde gravitazionali? Se si, non avendo ancora una conoscenza precisa a riguardo, come è possibile fare calcoli su masse e distanze e posizione delle sorgenti di onde gravitazionali? (Ettore)

sem_esperto_giallo

Caro Webnauta, la tua è una domanda interessantissima. Al momento la risposta è no, ma forse in un futuro sarà possibile ottenere informazioni sulla materia oscura anche tramite questo fenomeno.

Secondo la teoria della gravitazione universale formulata da Newton, ogni oggetto crea un campo che attrae a sé altri corpi dotati di massa. La forza di gravità è molto debole, per cui sono necessari oggetti immensi come i corpi celesti per poterne vedere l’effetto.

La teoria della Relatività Generale (RG) di Einstein generalizza quella di Newton: tra le altre cose include particelle di pura energia come la luce. La RG fu verificata per la prima volta proprio osservando la luce emessa dalle stelle dell’ammasso stellare delle Iadi in occasione dell’eclissi solare del 1919. La stella si trovava geometricamente dietro il Sole, ma la RG prevedeva che i raggi di luce dovessero essere deviati dal campo gravitazionale del Sole. La stella fu vista come previsto e da allora vi sono state innumerevoli verifiche alla RG.

Alla base della teoria di Einstein c’è il principio di equivalenza, già scoperto da Galileo: tutti I corpi cadono alla stessa maniera, ossia con la medesima accelerazione. Questa è una proprietà unica della gravità che non è riscontrata nelle altre forze fondamentali come l’elettromagnetismo e quelle nucleari.

Nessuno ha idea del perché sia così: Einstein accettò l’evidenza sperimentale come assioma da cui sviluppò la sua teoria, studiandone le implicazioni. Una di queste afferma che ogni corpo distorce lo spazio-tempo in maniera proporzionale alla sua massa. La distorsione dello spazio tempo causata dal Sole fu quella che permise le osservazioni delle stelle in quel fatidico giorno del 1919.

Se il corpo è in movimento, la distorsione del campo gravitazionale sarà a sua volta dinamica e creerà a sua volta delle impercettibili perturbazioni nello spazio-tempo. Queste ‘onde’ gravitazionali sono enormemente più piccole di quelle che può causare un batterio che si muove sulla superficie del mare.

ligo20160211v2 Tn

 

Tuttavia (finalmente!) lo strumento LIGO negli Stati Uniti è stato in grado di rivelare il segnale proveniente da alcune coppie di buchi neri che cadono uno sull’altra. Anche l’interferometro Virgo si è unito nella misura delle onde gravitazionali. In futuro, con strumenti più sensibili, dovremmo poter rivelare collisioni stellari più piccole e fare astronomia con questi apparati.

La materia oscura è un mistero che ci sfida da quasi un secolo: i dati sperimentali e le teorie più accreditate affermano che dovrebbe essere costituita da particelle di massa molto piccola ma in quantità talmente enormi da ammontare a circa 25% della massa dell’Universo, 5 volte tutta la massa di stelle, pianeti e galassie.

Questo fluido è trasparente ad ogni tipo di radiazione elettromagnetica, ma permea sia la Via Lattea che le altre galassie. Localmente è stato rivelato tramite l’effetto di collante che ha sul moto di rotazione delle stelle nelle galassie. Su distanze cosmologiche se ne vede l’effetto attraverso l’ingrandimento che genera sulle immagini di galassie ancora più lontane. Queste ‘lenti’ gravitazionali distorcono la luce emessa dalle galassie ancora più distanti, ingrandendone l'immagine e spesso creandone immagini multiple. Dalla forma di questi miraggi spaziali si può rivelare la presenza e la quantità di materia oscura.

a2218c hst

Le particelle che la costituiscono si muovono però molto lentamente, più o meno alla stessa velocità delle galassie e non sono quindi in grado di generare onde gravitazionali data la loro eterea densità. È per lo stesso motivo che non dovrebbero essere in grado di distorcere o modificare le onde gravitazionali emesse dagli enormi buchi neri quando collassano tra loro.

Nei primi istanti dopo il Big Bang, tuttavia, la materia oscura era molto più densa (tutto era moooolto più denso) e potrebbe aver influenzato le perturbazioni della radiazione emessa quando si sono formati i primi atomi neutri. Qualche anno fa un esperimento aveva affermato di essere riuscito ad osservare questo segnale. Questa misura si è dimostrata essere errata, ma in un futuro dovrebbe esser possibile rivelare questo segnale e far finalmente luce sulla materia oscura.


Marco Casolino, fisico

ultimo aggiornamento luglio 2017

Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.