Tutte le risposte

0441. Le particelle negli acceleratori

Negli acceleratori di particelle vengono di solito utilizzati fasci di protoni/antiprotoni (acceleratori circolari), o fasci di elettroni/ positroni (acceleratori lineari). Come mai solo questi tipi di particelle vengono presi in considerazione e non per esempio i neutroni/antineutroni? Eventuali scontri tra protoni e neutroni o tra protoni ed elettroni sono possibili e cosa producono? Grazie
Nazario Menato

 

sem_esperto_verde

 Caro Nazario, esistono molti tipi di acceleratori icona_esperto[298] , cerchiamo di definirli e capire quando e perché di può preferire un tipo di acceleratore rispetto ad un altro. I collisori sono quegli acceleratori che fanno interagire particelle contro particelle. Tale particolare tecnica fu per la prima volta pensata e sviluppata presso i Laboratori Nazionali di Frascati dell’INFN icona_linkesterno tra la fine degli anni ’50 e l’inizio degli anni’60 sotto la guida del fisico Bruno Touschekicona_minibiografia . Si possono accelerare particelle elementari (p.es elettroni), particelle composte (p.es. protoni), particelle composte ed estese (p.es.icona_esperto[41] ioni). In generale l’interazione tra particelle elementari è più facilmente interpretabile e porta a risultati diretti senza avere sovrapposizioni di eventi di fondo, competitivi, che ne complicano l’interpretazione. Accelerare elettroni ha però un inconveniente: un corpo (particella) elettricamente carico emette radiazione elettromagnetica se accelerato. Di conseguenza, una particella, accelerata lungo la traiettoria circolare del collisore di particelle, emette una luce molto intensa e monocromatica (peraltro usata in molte applicazioni di biologia e fisica dei materiali) chiamata “Luce di Sincrotrone” icona_esperto[25] . L’emissione di tale radiazione è proporzionale a 1/m4 e 1/r2 dove m è la massa della particella accelerata e r il raggio di curvatura dell’acceleratore. Quello che accade in realtà è che più si cerca di accelerare le particelle, più tali particelle emettono radiazione di sincrotrone perdendo di conseguenza energia. Asintoticamente si arriva ad un punto in cui tutta l’energia fornita per accelerare m viene persa in radiazione. Per diminuire tale effetto occorre o aumentare il raggio di curvatura r o aumentare la massa delle particelle accelerate. Ecco allora perché per raggiungere energie sempre più elevate vi è la necessità di costruire grandi acceleratori oppure di usare particelle più pesanti. Ancora meglio se le due condizioni sono verificate simultaneamente, come nell’LHC nell’Large Hadron Collider (LHC) del CERN di Ginevra icona_linkesterno . Accelerando protoni, cioè particelle con una massa circa 2000 volte quella dell’elettrone, la luce di sincrotrone è molto soppressa (1/4000000) e quindi si possono raggiungere elevate energie di collisione. Purtroppo usare protoni anziché elettroni ha altri svantaggi, il maggiore dei quali è dovuto al fatto che il protone, non essendo elementare, da’ luogo alla interazione principale e, tramite tutti i suoi componenti, a molte altre simultanee interazioni di fondo. Si possono accelerare anche ioni per avere sistemi interagenti estesi. Ad esempio all’LHC o al RHIC icona_linkesterno si accelerano ioni piombo (nel primo) e ioni oro (nel secondo) per riprodurre e studiare il Quark Gluon Plasma che rappresenta lo stato della materia presente nell’Universo primordiale . Esistono poi acceleratori che permettono di far interagire particelle contro un bersaglio, composto quindi di atomi e/o molecole anche molto complesse e/o polarizzate per scopi ben specifici. Ogni acceleratore, proprio per la sua tecnica di base, può accelerare solo particelle elettricamente cariche. Esiste comunque il modo di avere interazioni di neutroni. Essendo però l’intensità di tali particelle molto bassa perchè prodotte da un fascio secondario o dal decadimento di altre particelle, e non potendo “gestire” magneticamente tali particelle perché elettricamente neutre, l’unico modo per usarle è farle collidere contro un bersaglio esteso. In particolare, i neutroni vengono usati a bassa energia (del resto non si riuscirebbe ad accelerarli ad alte energie) perchè è in tale regione cinematica che si comportano in modo interessante, ad alte energie si comporterebbero in maniera molto simile ad un protone.

 

Pasquale Di Nezza – Fisico

 

  

ultimo aggiornamento ottobre 2015

Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.