Tutte le risposte

0404. Il bang supersonico con un probabile "rinculo" ?

Sono una studentessa del Liceo Scientifico E. Fermi di Padova, al quarto anno. Con il nostro professore di fisica, in classe, stiamo studiando le onde, inizialmente come tema generale, poi in maniera approfondita le onde sonore, toccando argomenti come l'effetto dopler, il bang supersonico ecc. E' stato lo stesso professore a consigliarci alcuni siti, e a invogliarci a frequentarli e a porre domande. In particolare, in classe, parlando del bang supersonico non siamo riusciti a risponderci su cosa percepisca il pilota, e soprattutto se dopo aver superato la barriera del suono, e aver rallentato (come si vede in molti video, nei quali gli aerei superano più volte in un breve periodo di tempo il muro del suono) non riceva una sottospecie di "rinculo" causato dalla grande pcompressione di aria che egli ha appena creato. Mi spiego meglio: se il pilota supera questo "muro", crea dietro di se una zona di grande pressione d'aria, giusto? Se poi rallenta, l'aria ha già fatto in tempo a decomprimersi e lui non subisce alcun tipo di forza? perchè nei video appare così, ma sia agli studenti che al professore sembra strano...Forse lui la risposta la sa già, ma vuole che ci adoperiamo per scoprila da soli! Spero che siate in grado di soddisfare la nostra curiosità, grazie comunque per la disponibilità e complimenti per il sito, è piaciuto a tutti i miei compagni! (Lucia Zanetti)

sem_esperto_verdeIl suono è un'onda meccanica che si diffonde per sfere concentriche in un mezzo fluido. Nel nostro caso tale fluido è l'aria. A livello del mare, in condizioni standard (1 atm, 15 °C), la velocità di propagazione del suono è di circa 340 m/s. Prendiamo ora in esame il comportamento delle onde sonore nel caso di un velivolo in volo.

Un velivolo che sta volando a bassa velocità occupa approssimativamente il centro delle sfere di propagazione sonora. Man mano che aumenta la velocità di volo, il velivolo si troverà ad occupare sempre di più una posizione eccentrica avanzata rispetto il centro delle sfere di propagazione sonora, Fig.1a.

scienzapertutti_mach
Fig. 1a Fig. 1b Fig. 1c

Avvicinandosi alla velocità del suono, le sfere diventano tangenti davanti al muso del velivolo creando quello che viene definito il "muro del suono", Fig.1b. Il motivo per cui si forma questo "muro" si può spiegare elementarmente come se le molecole d'aria non riuscissero più a "scansarsi" per far passare l'aereo e quindi si addensano davanti ad esso. Inoltre l'aria, che è una miscela di gas e quindi comprimibile, a velocità prossime a quella del suono, a causa dell'aumento di densità causato dall'aumento di pressione, comincia a comportarsi come un liquido e quindi a diventare incomprimibile. A causa di questa incomprimibilità, come nel caso di una barca che si muove nell'acqua, si creano delle onde causate da differenti densità del fluido intorno al velivolo, tali onde vengono definite "onde d'urto" o, usando un termine inglese, "shock waves". Tali onde che si generano in regime transonico, provocano un drastico aumento della resistenza all'avanzamento, anche noto come fenomeno di "drag rise"; in questa fase del volo, oltre a richiedere una grande potenza motrice per superare il drag rise, sulle superfici del velivolo accadono fenomeni aerodinamici complessi dovuti alle onde d'urto, che interferiscono, ad esempio, con il centraggio aerodinamico dello stesso con forte momento a picchiare (tuck under) ed altri effetti sulle superfici di controllo. Superata questa fase critica, in cui si possono avvertire, stando a bordo, delle vibrazioni dovute allo spostamento delle onde d'urto lungo l'aereo, passando il velivolo da regime transonico a regime supersonico, non si avverte praticamente più rumore aerodinamico perchè l'aereo se lo è "lasciato indietro", Fig.1c. Il bang associato al superamento del muro del suono è dovuto appunto a queste onde d'urto che creano dei coni d'urto, uno sul muso ed uno sulla coda del velivolo, detti "coni di Mach", Fig.2,  dal nome dello scienziato austriaco icona_minibiografia che studiò i fenomeni transonici e supersonici. Anche la velocità del suono si computa in "numero di Mach" ; ad esempio un aereo che vola all'80% della velocità del suono si dice che viaggia a "punto 8 (0.8) di Mach", uno che viaggia ad una volta e mezzo a "Mach 1.5", ecc. La velocità espressa in Mach non corrisponde sempre alla stessa velocità espressa in Km/h dato che la velocità del suono varia a seconda della quota di volo e della temperatura dell'aria (icona_esperto[398]).

scienzapertutti_mach_aereo

Fig.2

Tornando ai nostri coni di Mach che si generano dal muso e dalla coda del velivolo, quando raggiungono il suolo, creano un'area d'impatto sonoro direttamente proporzionale alla quota di volo ed inversamente proporzionale alla stessa per l'ntensità sonora (più alto è l'aereo in supersonico, più vasta l'area al suolo interessata, ma minore è l'intensità sonora). Il bang si può dire che segua come un'ombra l'aereo che viaggia in regime supersonico. Il discorso sarebbe ancora lungo ed andremmo ad interessare la storia dell'aviazione, dai voli del Bell X-1 di Chuck Yeager a come fu risolto il problema del drag rise sul caccia Convair F-102 grazie al geniale aerodinamico Whitcomb, sua la famosa "regola delle aree di Whitcomb"; ma il discorso esonderebbe da questa piccola trattazione. Un interessante video divulgation dell'Americana USAF risalente agli anni '50 puoi essere trovato al link:icona_linkesterno. Se avete avuto qualche stimolo culturale da quanto vi ho esposto, vi esorto ad approfondirlo, l'aerodinamica è una scienza affascinante.



Franco Manini - Pilota

ultimo aggiornamento novembre 2013

Tags: ,
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.