Tutte le risposte

0393. Come viene prodotto il trifluorometil pentafluoruro di zolfo?

Pochi anni fa è stato scoperto un nuovo gas serra. Si tratta del trifluorometil pentafluoruro di zolfo. Come viene prodotto l'SF5CF3? Quali sono i suoi utilizzi? E’ forse connesso con la produzione di energia (eventualmente rinnovabile) ? Cioè per riparare un danno se ne causa forse un altro ? (Emanuele). (2325_3142_5532)(9300)

sem_esperto_verdeLe origini del gas tri-fluoro-metil-penta-fluoruro di zolfo (SF5CF3) icona_glossario sono a tutt’oggi avvolte da un mistero. Da quanto se ne è riscontrata la presenza, nell’aria intrappolata in profondità nelle nevi antartiche [1] e nella stratosfera[2] a 35.000 m non si sono fatti passi in avanti nello scoprire la fonte principale delle sue origini. Una cosa è certa: il gas SF5CF3 non è naturale. La sua apparizione tra i contaminanti dell’atmosfera risale al 1960 ma, solo recentemente nell’ambito del protocollo icona_glossario di Kyoto, si è scoperto essere oltre 17.500 volte più climalterante (o serricida) della anidride carbonica CO2; si è inoltre dimostrato molto stabile avendo una vita media icona_glossario di oltre 800 anni [2][3[, in atmosfera addirittura di 3500 anni secondo altre fonti [7].

Più di qualche ricercatore è convinto che il gas sia un sottoprodotto di alcuni processi che riguardano l’elettronica industriale e in particolare dei trasformatori e parti elettroniche. Tracce di SF5CF3 sono state riscontrate nella produzione di alcuni prodotti fluorati [4] Alcuni ricercatori affermano in particolare che il nuovo gas si generi per effetto di scariche elettriche nell’esa-floruro di zolfo SF6 o nella produzione dell’alluminio in cui si liberano vapori di floruro di carbonio CF4.[3]

Attualmente la presenza nell’atmosfera di SF5CF3 è di 0,12 ppt (parti per trilione), meno di una molecola su un trilione icona_glossario di molecole d’aria. Siamo molto distanti dal riscontrare un impatto rilevante sul clima: ad esempio, la CO2 è presente oggi nell’atmosfera in circa 400 ppm (parti per milione) e il metano è presente in 1.750 ppb (parti per miliardo). Ma non per questo bisogna trascurarne la presenza minimizzandone le conseguenze. La presenza di nuovi gas e nuovi composti nell’atmosfera [3] rappresenta un indicatore importante della sua antropicità icona_glossario . In futuro sembra che il nuovo gas SF5CF3 possa trovare utilizzo come tracciante per studiare i fenomeni di mescolamento nelle masse oceaniche e nella zone dell’atmosfera nella troposferaicona_glossario e nella mesosfera icona_glossario. E’ utile sapere che il nuovo gas SF5CF3 ha molte affinità con un altro gas serra, il già citato esa-floruro di zolfo, SF6.

ScienzaPerTutti_concentrazioni_SF6_SF5CF3

A conferma di questo legame si evidenzia che le quantità rilevata nell’atmosfera di SF5CF3 nel tempo hanno andamenti simili a quelle rilevata per il CF6: nel grafico seguente si nota che i due gas sono entrambi apparsi nel 1960 e la loro crescita è stata esponenziale fino al 1999 in cui sono arrivati a 0,12 e 4,0 ppt (parti per trilione icona_glossario ) [3][6].

L’esaflururo di zolfo SF6, proprio perchè molto stabile anche ad alte temperature, è utilizzato come annichilente di scariche elettriche nei dispositivi ed interruttori ad alta tensione oppure per prevenire l’ossidazione in bagni di fusione di magnesio [3]. L’exa-floruro di zolfo è tutt’ora utilizzato anche nelle palle da tennis, nelle calzature sportive e come gas isolante nei doppi e tripli vetri in virtù delle sue favorevoli proprietà termiche e radiative. Chi progetta e utilizza prodotti industriali affermando che sono ambientalmente sostenibili perché riducono il consumo di energia, come nei vetri doppi e tripli, dovrebbe mostrare cautela e tenere presente i gas impiegati. E’ incombente il rischio, come evidenzia il nostro web-nauta Emanuele, di migliorare da una parte facendo dei danni da altre parti. Certamente si quindi, al risparmio energetico ma cercando di utilizzare gas rigorosamente senza effetto serra.

Gianfranco Padovan - Ingegnere Presidente EnergoClub

Nota Redazionale SxT (bibliografia,webgrafia: trifluorometil pentafluoruro di zolfo)

[1] Sturges, W.T., T.J. Wallington, M.D. Hurley, K.P. Shine, K. Sihra, A. Engel, D.E. Oram, S.A. Penkett, R. Mulvaney, and C.A.M. Brenninkmeijer - A potent greenhouse gas identified in the atmosphere: SF5CF3, Science, 289, 611-613, (2000) http://cdiac.ornl.gov/trends/otheratg/sturges/sturges.html

[2] Nielsen, Ole J., Flemming Nicolaisen, Camilla Bacher, Michael D. Hurley, Timothy J. Wallington, Keith P. Shine - Infrared Spectrum and Global Warming Potential of SF5CF3 - Atmospheric Environment 36, 1237-1240, (2002)

[3] Scientific Assessment Of Ozone Depletion: 2002 - World Meteorological Organization - Global Ozone Research and Monitoring Project - Report No. 47 http://www.iup.uni-bremen.de/~weber/WMO2002/06-Chapter1.pdf

[4] Santoro, M.A. - Clarifying the SF5CF3 record - Science, 290, 935 (2000).

[5] Smethie, W.M., Ledwell, J.R., Ho, D.T. - Trifluoromethyl Sulfur Pentafloride (SF5CF3), a Gas With Potential for Tracer Release Experiments - American Geophysical Union, Fall Meeting 2004, (12/2004)

[6] http://www.mala.bc.ca/~earles/sf5cf3-jul00.htm

[7] http://www.lennetech.com/italiano/Effetto-serra/gas-serra-htm

Fonti di approfondimento generale:

Brasseur G., et al. - Atmospheric Chemistry and Global Change - Oxford University Press, Oxford, 1999

Seinfeld, J. H., Pandis, S. N. - Atmospheric Chemistry and Physics - From Air Pollution to Climate Change - John Wiley & Sons, New York, 1998

Wayne, R. P. - Chemistry of Atmospheres - 3rd Ed., Clarendon Press, Oxford, 2003

Brasseur, G., and Solomon, S. - Aeronomy of the Middle Atmosphere - 3rd ed., Springer, Dordrecht, 2005

Sul sito della lennetech:effetto serra: http://www.lenntech.com/search/search.cgi?VTI-GROUP=0&zoom_query=effetto+serra


ultimo aggiornamento maggio 2013

 

Tags:
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.