Tutte le risposte

0381. Quali sono gli elementi quantitativi che portano a valutare il fattore d'espansione, dell'universo visibile?

Quali sono gli elementi quantitativi che portano a valutare il fattore d'espansione, ad oggi, dell'universo visibile? Quale è il valore aggiornato alle ultime teorie di questa espansione che questi elementi determinano? (Gaetano Briganti) (2277_3212_5609).

sem_esperto_verdeIl fattore di espansione dell'Universo o parametro di Hubble icona_biografia H (t), è una delle quantità fondamentali nella formulazione di qualsiasi teoria di evoluzione dell'Universo. Da un punto di vista teorico, la definizione del parametro di Hubble è legata alla necessità di descrivere le proprietà di un universo omogeneo e isotropo in maniera generale e coerente con la formulazione della teoria della relatività di Albert Einstein icona_biografia (del quale si è festeggiato nel 2005, anno mondiale della fisica icona_wy2005 , il centenario dell’annus mirabilis). Questo corrisponde a descrivere la distanza tra due oggetti del nostro universo come dovuta a due fattori:

- le posizioni dei due oggetti in una griglia di riferimento a-dimensionale che non varia nel tempo,

- un fattore di scala, variabile nel tempo, che causa l'espansione delle dimensioni della griglia .

ScienzaPerTutti_espansione_universo_griglia_t1_t2

Nelle due figure che precedono, i punti p1 e p2 sono sempre nelle stesse posizioni rispetto al sistema di riferimento a-dimensionale costituito dalla griglia ( sistema comovente ), ma agli istanti t=T1 e t=T2 le dimensioni di ciascun quadrato della griglia sono diverse a causa della variazione del fattore di scala. Questo causa di fatto un allontanamento dei due punti nello spazio.

Indichiamo con D(T1) la distanza tra i due punti nelle unità della griglia di riferimento al tempoT1, la distanza effettiva D(t) ad un generico tempo t (t>T1) sarà descritta dalla relazione: D(t) = D(T1)*[a(t)/ a(T1)]. La funzione a(t), il fattore di scala, descrive l’espansione del sistema di griglie dall’istante T1 al passare del tempo. Analogamente per le velocità possiamo scrivere :

Vp1-p2 (t) = (δD(t)/δt) = [D(T1)/ a(T1)]δa(t)/δt = D(t) [a’(t)/a(t)](1)

La velocità a cui si allontanano i due punti è dunque proporzionale alla loro distanza D(t) e ad una costante di proporzionalità ( al tempo t ) che prende il nome di fattore di espansione di Hubble H(t) = [a’(t)/a(t)]. Questa espressione ci mostra che in un universo in espansione come descritto, la velocità relativa tra due oggetti dovuta all'espansione del fattore di scala è direttamente proporzionale alla loro distanza r e al fattore di Hubble. ( V= DH ). Per la velocità di allontanamento è valida la relazione V(t) = [D(T1)/ a(T1)].icona_esperto[143] al tempo dell’osservazione. Non è possibile misurare direttamente il fattore di scala a(t), ma mediante la misura di velocità in funzione della distanza di due oggetti è possibile ricavare il fattore che viene indicato come fattore di espansione di Hubble H(t) = [a’(t)/a(t)].

Da un punto di vista sperimentale, la prima evidenza per l'esistenza dell'espansione dell'universo è stata ottenuta nel 1929 dall'astronomo Edwin P. Hubble icona_biografia proprio la misura delle velocità di sorgenti astronomiche in funzione della loro distanza dalla terra. In questo tipo di osservazioni, la velocità viene stimata in base allo spostamento verso basse frequenze , ovvero maggiori lunghezze d'onda, della radiazione elettromagnetica emessa dalla sorgente, in tutto e per tutto simile all’ effetto Doppler icona_biografia e .

La misura diretta più accurata del parametro di Hubble viene oggi dall'analisi delle osservazioni del telescopio di Hubble icona_linkesterno effettuata dalla collaborazione Hubble Space Telescope Key Project icona_linkesterno e corrisponde ad un valore odierno di H = 72 +/-3 +/- 7 Km/(s Mpc), dove Mpc indica una misura di distanza, il MegaParsec . La prima incertezza è legata alla statistica, ovvero il numero di punti utilizzati nella misura, la seconda incertezza è legata a fattori di errore sistematico icona_pdf nella misura della distanza quando si considerano distanze di 400-600 MegaParsec. Tenendo conto che 1 MegaParsec è equivalente a 3milioni di anni luce , questo significa che la velocità con cui si muove rispetto a noi un corpo distante 1 Km a causa dell'espansione dell'universo è di circa 7.2 milionesimi di metro all'ora!!! Questo è il motivo per cui l'evidenza diretta dell'espansione dell'universo può essere cercata e misurata con accuratezza solo andando a guardare l'effetto su distanze astronomiche.

Il valore del parametro di Hubble icona_biografia e la sua evoluzione nel tempo sono in generale legati al bilancio energetico dell'Universo. Nella teoria della relatività generale icona_glossario , infatti, la geometria dell'universo ed il tasso a cui esso si espande sono strettamente connessi alla quantità di energia in esso presente ed alle diverse forme che essa può assumere (ad esempio luce o materia). Nel corso dei circa 13-14 miliardi di anni di vita del nostro universo, il parametro di Hubble si è quindi evoluto con una storia che è strettamente connessa al tipo ed alla densità di energia presente nel nostro universo. Il parametro H ha quindi assunto diversi valori, raggiungendo quello attuale con comportamenti ipotizzati che rispecchiano le diverse teorie utilizzate per descrivere la composizione e l'evoluzione dell'universo nel suo complesso.

Una valutazione indiretta del valore odierno del parametro di Hubble è quindi possibile in base a queste teorie considerando le proprietà dell'universo nel suo complesso mediante lo studio delle caratteristiche della radiazione cosmica icona_glossario di fondo ; e delle proprietà statistiche della distribuzione a grande scala delle galassie.

ScienzaPerTutti_galassia-vela_SNR

La cosa sorprendente è che, confrontando queste distribuzioni sperimentali con le teorie più recenti, basate sul modello del Big-Bang con un periodo iniziale di inflazione icona_esperto[116] ,icona_esperto[123] ,icona_esperto[216] otteniamo un valore del parametro di Hubble H in ottimo accordo con quello ottenuto dalle osservazioni dirette delle velocità di regressione delle galassie... ma solo a patto di affermare che l'universo è composto in massima parte da energia in forme sconosciute: l'energia oscura icona_glossario icona_esperto[188] icona_esperto[191] , (energia del vuoto? icona_esperto[353] , icona_esperto[176] ) e la materia oscura icona_glossario (materia costituita da particelle che non abbiamo mai visto!).

Bruna Bertucci – Fisico

Nota Redazionale SxT

bibliografia: evoluzione universo – SxT_ esp_378 icona_esperto[378]

Per una lettura interessante, a livello divulgativo, sull'evoluzione dell'universo, le teorie più recenti e misure sperimentali su cui esse sono basate, vi segnaliamo :

- Rivista Le Scienze: Speciale L'Universo Nuovo, Marzo 2004

- Rivista Le Scienze: Speciale Nuova Cosmologia, Marzo 2001

- Rivista Le Scienze: Le Scienze, Quaderni, Numero 117- Dicembre 2000


 

Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.