Tutte le risposte

0391. Come funziona lo scaldamani?

Sono molto incuriosita dal funzionamento di un oggetto - peraltro davvero utile - che in questi ultimi tempi sta avendo molto successo: lo scaldamani. Si tratta di un sacchetto (involucro di plastica) il quale contiene semplicemente una soluzione - che a temperatura ambiente risulta liquida e limpida - ed un dischetto di metallo leggermente concavo. Ebbene, esercitando una piccola pressione su questo dischetto, tanto da farlo scattare, il liquido comincia a solidificarsi (sembra una cristallizzazione) velocemente rilasciando una grande quantità di calore. Inizialmente il contenuto risulta malleabile poi, con la fine del calore (una ventina di minuti), si solidifica. Ma basta porlo in acqua bollente perchè torni liquido e nuovamente utilizzabile. Quello che volevo chiederle era, oltre al funzionamento che non riesco a ricondurre a nessuna legge, se la quantità di calore data con l'acqua calda (in relazione insomma alla temperatura dell'acqua e alla durata) influisce sull'effettivo calore rilasciato poi dallo scaldamani, se ci sono metodi per migliorare l'effetto e come mai c'è un numero di volte massimo di funzionamento (cento volte sul mio) pur rimanendo il contenuto del sacchetto inalterato. (Elisa) (2316_3302_5318)_(9000)

sem_esperto_verde

Il funzionamento dello scaldamani - che interessa la nostra web-nauta - è un fenomeno ben noto in termodinamica icona_glossario , in chimica, ma anche in climatologia ed è relativo alle soluzioni supersature icona_glossario. Prendiamo in considerazione un caso molto semplice, cioè proviamo a congelare lentamente dell'acqua molto pura senza indurre vibrazioni. Quello che accade è che l'acqua, che dovrebbe congelare a zero gradi centigradi della scala Celsius icona_biografia scende a temperature minori restando liquida. Basta dare un piccolo scossone al contenitore che molto velocemente l'acqua si trasforma in ghiaccio. Lo scaldamani usa lo stesso principio ma con una soluzione molto più stabile dell'acqua e con caratteristiche fisiche diverse. In particolare il liquido consiste in una soluzione di acqua e un sale sodio-acetato. Come l'acqua può scendere sotto gli 0 oC, così tale soluzione scende tranquillamente sotto i 54 oC (la sua temperatura di solidificazione) pur rimanendo liquida.

Attivando il disco di metallo si ha un rapido movimento delle molecole icona_glossario , che innescano una reazione solidificando il fluido. La temperatura del fluido raggiungerà i 54 oC e rimarrà costante a fino a quando tutte le molecole si saranno “congelate”. Tale processo può durare da pochi minuti a diverse ore, dipende dal tipo di soluzione usata e dalla grandezza del contenitore. Come in tutti i casi di solidificazione, si ha cessione di calore all'ambiente . Per ritornare allo stato liquido, la soluzione dello scaldamani deve recuperare il calore ceduto solidificandosi, e quindi bisogna portarla ad una temperatura superiore ai 54 oC fino a quando tutte le molecole sono di nuovo nello stato liquido. È sufficiente che anche poche molecole rimangano nello stato solido per riportare l’intero scaldamani nello stato solido senza nessuna azione esterna. Non è importante che l'acqua dove lo scaldamani è immerso sia bollente, l'importante è che abbia una temperatura superiore ai 54 oC. Ovviamente quanto maggiore la temperatura dell'acqua, tanto minore il tempo necessario a liquefare la soluzione dello scaldamani.

Inoltre, così come non c'è un limite sul numero di volte che si può congelare e liquefare l'acqua, anche lo scaldamani non ha limiti, in principio. Il problema è che l'involucro di plastica, dopo alcune centinaia di volte, incomincia a deteriorarsi, può rompersi o comunque far traspirare l'acqua dall'interno della soluzione all'esterno alterando le caratteristiche fisico-chimiche della soluzione e rendendola inservibile. È importante chiarire che una soluzione di questo tipo non è tossica. Simpatico è anche notare che lo scaldamani può essere usato al contrario, cioè messo in frigo (non in freezer!) diventa un buon refrigerante per una borsa termica.

Pasquale Di Nezza – Fisico


ultimo aggiornamento maggio 2013 

 

Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.