Tutte le risposte

0356. Con quale meccanismo le piante distinguono i “cibi” opportuni e quelli non “opportuni” ?

Con quale meccanismo le piante distinguono i “cibi” opportuni e quelli non “opportuni”? Le piante non si muovono (non esiste alcuna pianta che si possa muovere spontaneamente , non voglio dire dirigersi verso la luce o altro ma proprio muoversi, non trasportata dal vento o da correnti, ma veramente animata da moto proprio eseguito con impegno di energia bio-chimica? neppure in mare o in ambiente acquatico?), le piante non hanno volontà, cioè non eseguono scelte, dunque la selezione di cosa assorbire come avviene? Cosa “filtra” le sostanze buone dalle cattive un filtro molecolare, un rigetto condizionato (esiste nelle piante?)? Lo stesso filtro o meccanismo per tutte le piante? E come filtrano sostanze buone e cattive per il loro sviluppo? Insomma, cosa fa delle piante esseri “attivi”? Non un cervello non la volontà e allora cosa? (Luigi Landi) (2247_3228_5634)


sem_esperto_verdeGià nel 1880, nel libro "Il potere del movimento nelle piante", Charles Darwin icona_biografia (del quale si festeggerà, nel 2009 il Darwin Day icona_linkesterno, a 200 anni dalla sua nascita e 150 dalla pubblicazione del libro "L'evoluzione della specie" ) - impressionato dalla capacità delle radici di percepire molti stimoli diversi, come ad esempio il tatto, l'umidità, la luce, la gravità, e di prendere decisioni in merito - aveva proposto che l'apice radicale potesse rappresentare un cervello diffuso delle piante ed agire come il cervello degli animali inferiori. Come egli stesso ammetteva "ovviamente le piante non possiedono nervi o un sistema nervoso centrale", tuttavia ebbe questa incredibile idea che "le radici possiedono un cervello".

ScienzaPerTutti_copertina_plants_movementscharles_darwin

The Movement and Habit of Climbing plants venne pubblicato da Charles Darwin nel 1880

In questa visione, le radici hanno una funzione in più rispetto a quella a cui si fa riferimento tradizionalmente, cioè quella di rappresentare degli organi di assorbimento di nutrienti minerali dal suolo, fondamentali per la nutrizione delle piante. Dunque si può parlare di cervello delle piante o di intelligenza delle piante? Tutto dipende dalla definizione che ne diamo. Un altro grande scienziato, il premio Nobel Barbara Mc Clintock icona_quantibio, per esempio, percepiva le piante allo stesso modo di Darwin icona_biografia e con altre parole nel 1983 scriveva "le piante usano la conoscenza in una maniera intelligente quando sono stimolate": dunque per la McClintock “intelligenza” delle piante è la capacità di elaborare informazione.

ScienzaPerTutti_piante_acquatiche

Struttura delle piante acquatiche icona_arte

Forse il modo più corretto di esprimersi, rispetto alle conoscenze che oggi abbiamo di questo argomento, è quello di parlare di “plant behaviour”, cioè di comportamento, capacità di rispondere a dei segnali ambientali. Oggi sappiamo che le piante sono capaci di discriminare non solo i segnali ma anche la durata di essi, la loro intensità, lunghezza, direzione, di integrare queste informazioni, di elaborarle e di rispondere in modo adattativo. Cioè di prendere delle decisioni informate. Secondo alcuni autori, gli apici radicali sono il vero centro di comando della pianta e le auxine icona_glossario, ormoni vegetali, sono considerate degli specifici neurotrasmettitori vegetali, capaci di integrare e elaborare i segnali e di regolare tutti i processi di sviluppo nelle piante. Altri scienziati hanno lavorato sui geni presenti nel sistema nervoso centrale degli animali e che si ritrovano anche nelle piante, nei funghi e nei protozoi icona_glossario; sul senso del tatto, che alcune piante carnivore usano per catturare le loro prede; sulla difesa delle piante dagli attacchi di insetti predatori attraverso la produzione di sostanze volatili che segnalano la presenza dei parassiti alle piante vicine. Nella nostra visione antropocentrica noi assumiamo sempre che l'intelligenza sia unicamente appannaggio nostro: in realtà anche i più piccoli tra gli esseri viventi come i batteri, che sono invisibili all'occhio umano, sono "intelligenti", capaci cioè di elaborare l'informazione che arriva loro dall'ambiente esterno e, come le piante, di rispondere in modo da "risolvere i problemi".

Manuela Giovannetti – Microbiologa


 

 

Tags:
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.