Tutte le risposte

0341. Esiste un ruolo della alimentazione anche nelle attività cerebrali?

 

espertomini

Per ogni parte del corpo umano si è soliti identificare elementi della alimentazione che sono più o meno necessari. Esiste un ruolo della alimentazione anche nelle attività cerebrali ? (Silvana Pisani) 2215_3141_5320

 

sem_esperto_verdeUno slogan pubblicitario dice: "il cervello ha bisogno di zucchero" icona_glossario. E' più corretto invece affermare che il cervello ha bisogno di glucosio icona_glossario . Infatti lo zucchero comune è un alimento costituito da saccarosio icona_glossario ( disaccaride icona_glossario di glucosio e fruttosio icona_glossario ) mentre ai neuroni icona_glossario serve il glucosio che è un nutriente che il nostro organismo ricava dalla digestione sia degli zuccheri "semplici" icona_glossario (saccarosio, lattosio e altri mono e disaccaridi della frutta) che degli zuccheri "complessi" icona_glossario ( icona_smile amido dei cereali e delle leguminose).

ScienzaPerTutti_sugarRation

Un poster (1917) del governo degli Stati Uniti edito dalla The Carey Printing Company (New York) durante la Prima Guerra Mondiale. Razionamento di zucchero negli Stati Uniti per assicurare il rifonimento del preziosio alimento a Inghilterra, Francia e Italia. Da notare la gradazione di razionamento tra US e Italia.

Il nostro organismo ha scarse riserve di glucosio (sotto forma di glicogeno icona_glossario ) pertanto, soprattutto al mattino, per avviare il metabolismo cerebrale abbiamo bisogno di glucosio; quindi la colazione con latte (lattosio, disaccaride di glucosio e galattosio), zucchero (saccarosio), prodotti da forno (amido, polimero di glucosio), marmellata (saccarosio e altri zuccheri semplici) è l'ideale per iniziare bene la giornata!

 

sem_esperto_rosso Pertanto il cervello ricava energia per le funzioni vitali prevalentemente dal metabolismo del glucosio. Degli altri nutrienti energetici: acidi grassi icona_glossario e aminoacidiicona_glossario , il cervello utilizza meglio gli aminoacidi perchè il sangue che arriva al cervello viene "depurato" delle lipoproteineicona_glossario . Il neurone utilizza a scopo energetico gli aminoacidi come ripiego per ottenere glucosio o metaboliti per il Ciclo di Krebs . Gli aminoacidi mediante la reazione di transaminazione icona_glossario vengono trasformati in chetoacidi e il gruppo aminico viene trasferito sul chetoglutarato con produzione di glutamato. Il chetoacido, come abbiamo precedentemente accennato, viene utilizzato per rimpiazzare le scorte di glucosio, mediante gluconeogenesi, oppure per fornire metaboliti al Ciclo di Krebs icona_biografia icona_glossario e quindi produrre energia. In caso di eccessivo metabolismo aminoacidico avvengono anche reazioni di deaminazione icona_glossario con liberazione di ammoniaca che è un metabolita tossico perchè alcalinizza il pH icona_glossario e sottrae chetoglutarato al ciclo di Krebs. Infatti per eliminare rapidamente l'ammoniaca icona_glossario intervengono enzimi icona_glossario specifici: prima la glutamicodeidrogenasi che agisce sul chetoglutarato trasformandolo in glutamato e poi la glutamminasintetasi che lega un'altra molecola di ammoniaca sul glutamato con produzione di glutammina. Il glutamato e la glutammina derivano perciò dalla reazione del chetoglutarato con l'ammoniaca e sono le forme di escrezione di questo catabolita prodotto dal metabolismo cerebrale degli aminoacidi. E' questo un meccanismo di depurazione del sangue dall'ammoniaca prodotta dal metabolismo cerebrale che viene attuato in difesa dalla tossicità di questo metabolita per la cui eliminazione in alternativa si dovrebbe aspettare che il sangue arrivi nel fegato ove l'ammoniaca viene trasformata in urea.

 

sem_esperto_verdeIl cervello può utilizzare a scopo energetico anche gli acidi grassiicona_glossario a catena corta, che sono veicolati nel sangue senza dover ricorrere alle lipoproteineicona_glossario , e in caso di digiuno perfino i corpi chetonici. In effetti questi composti possono essere ossidati mediante il ciclo di Krebs purchè ci sia la disponibilità di una piccola quantità di glucosio per innescare il ciclo. Ecco perchè è importante che ci sia sempre glucosio per mantenere attivo il metabolismo energetico del tessuto nervoso; il glucosio può provenire dalle riserve epatiche (limitate a circa 100 g di glicogeno) o prodotto per gluconeogenesi dagli aminoacidi. Tra gli aminoacidi utilizzati per questa via biosintetica ci sono gli aminoacidi essenziali: metionina, valina, treonina e istidina; pertanto le proteine ad elevato valore biologico (carni, pesce, uova, latte e derivati) sono importanti per il metabolismo del cervello. Uno dei pochi alimenti che contiene acidi grassi a catena corta e proteine ad elevato valore biologico è il latte intero ed il burro in particolare per gli acidi grassi a catena corta, ecco perchè questi alimenti sono particolarmente indicati per gli studenti, per gli sportivi e per gli organismi in accrescimento.

Carlo Cannella - Biochimico

Nota redazionale SxT “Nutrire la mente in cucina” questo il titolo del libro di Carlo Cannella e Roberto Cancangiu pubblicato da Cast Alimenti-Brescia.


 

 
Tags: ,
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.