Tutte le risposte

0330. La natura è impassibile, non cambia, e non si muove. Questa è un'affermazione vera o falsa?

espertomini

Recentemente ho letto un libro, intitolato "La natura intorno a noi"; in questo libro si parla appunto della natura, ma la cosa che mi è sembrata strana, è che dice che la natura è impassibile, non cambia, e non si muove. Questa è un'affermazione vera o falsa? Ho fatto delle ricerche in internet , ed è venuto fuori tutto il contrario! Allora, a chi devo credere? ( Martina Ferma) 330_(2194_3187_5551)

 

sem_esperto_verdeSe ci basiamo sulla nostra esperienza, e ci limitiamo ad osservare semplicemente la realtà che ci circonda, siamo indotti in modo inequivocabile alla considerazione che gli oggetti, gli esseri viventi e qualsiasi scenario che osserviamo muta di continuo (panta rei diceva Eraclito icona_minibiografia 500 a.c.). Notiamo anche che in ogni fenomeno naturale avvengono dei cambiamenti, piccoli o grandi che siano, comunque irreversibili. Irreversibili nel senso che non si potrà mai più verificare un processo spontaneo che riporti un sistema nelle condizioni precedenti. Sono sufficienti delle semplici esperienze per verificarlo. Osserviamo, ad esempio, un campo di grano o un bosco durante le stagioni o anche per periodi di tempo più corti come i giorni o le ore. Se consideriamo l'azione del vento, il passaggio degli animali o dell'uomo, possiamo dire che non sia mutato nulla? Si potrà mai riportare la terra, i granelli delle zolle, le foglie nella posizione che avevano anche solo un secondo prima? Che la realtà che ci circonda sia soggetta ad una continua inesorabile trasformazione, sia essa lenta, impercettibile, ovvero veloce, stravolgente all’istante, non è solo la considerazione conseguente da semplici osservazioni del quotidiano. Questa, in verità, è il frutto di secoli di studi. “Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma”. È la legge che individuò Lavoisiericona_biografia, uno scienziato del ‘700, iniziatore della chimica moderna. Questo è il principio che regola i fenomeni reali da sempre, ed attraverso il quale Lavoisier stabilì anche la legge della conservazione della massa. Infatti, il “tutto”, il soggetto della frase, va inteso proprio come la massa icona_glossario totale di un sistema fisico o chimico che si mantiene costante in qualsiasi processo. In realtà, nei sistemi sub-nucleari la legge è ancora valida se si considera l’equivalenza tra massa ed energia stabilita da Albert Einstein icona_biografia (del quale si è celebrato nel 2005 il centenario dell’annus mirabilis icona_wy2005) con la famosa formula E=mc2 icona_esperto[144]icona_esperto[317]. Esiste anche un altro principio fisico che esprime l’ineluttabilità della trasformazione irreversibile di ogni cosa nell’universo e dell’universo stesso, ed è il principio dell’aumento dell’entropiaicona_glossario. L’entropia icona_esperto[100] è una grandezza che esprime il grado di “disordine” di un sistema, disordine inteso giusto come numero di cambiamenti avvenuti. Riportiamo una similitudine tratta dalla vita quotidiana che ben si adatta ad esprimere il concetto di disordine e quindi di entropia. Supponiamo di osservare un ragazzo per dieci minuti nella sua stanza: noteremo subito “segni” della sua presenza dal momento che alcuni oggetti (a cominciare dalle scarpe) perderanno presto la loro posizione originaria. Se il tempo trascorso dall’adolescente in camera aumenta, aumenteranno inevitabilmente il numero di oggetti fuori posto, cambierà lo stato dei cassetti, della libreria e dei letti, in una parola, al passar del tempo, aumenta il grado di disordine. L’entropia, il grado di disordine aumenta: mai accade l’inverso. Nella vita familiare fortunatamente altri interventi rimetteranno l’ordine perduto. La crescita del disordine, l’aumento dell’entropia icona_esperto[100] è una legge universale. In un sistema isolato l’entropia aumenta sempre. Secondo studi rigorosi è stato dimostrato che lo stato delle cose cambia continuamente, che l’entropia dell’universo aumenta, e che il concetto dell’irreversibilità del tempo è profondamente legato a tale legge. Il legame tra la crescita dell’entropia e l'irreversibilità del tempo venne studiato in termini probabilistici dal fisico Ludwing Boltzmann icona_biografia alla fine del 1800. Alla luce di quanto detto, è difficile interpretare la frase riportata dal nostro web-nauta se non in senso di metafora. Probabilmente l’autore del libro citato si riferisce alle leggi della natura piuttosto che alla natura. In questo caso, è assolutamente giusto dire che le leggi sono immutabili e che sono le stesse in ogni parte dell’universo. Anche questo principio è frutto di studi approfonditi nel corso dei secoli ed ai quali hanno dato un contributo rilevante scienziati del calibro di Galilei icona_biografia e Newton icona_biografia, ma sul quale comunque si continua ad indagare adesso più che mai dati i mezzi tecnologici recentemente acquisiti che permettono di fare misure nell’infinitamente piccolo con le macchine che accelerano particelle , e di osservare con telescopi terrestri e satellitari, lo spazio nel più profondo dell’universo .

Giuseppina Modestino - Fisico


 

 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.