Tutte le risposte

0300. Le particelle elementari sono state tutte osservate sperimentalmente?


>> QUESTA RISPOSTA NON È STATA ANCORA SOTTOPOSTA ALL'AGGIORNAMENTO  2011 DEL SITO <<

espertomini

Ho seguito il percorso divulgativo di SxT sulle particelle elementari, e mi chiedevo se le particelle mediatrici di forza siano state tutte osservate sperimentalmente o siano state soltanto dedotte da esperimenti dedicati ad altro o solo ipotizzate, e come si sia riuscito a determinarne la carica elettrica (positiva, negativa o neutra). (Francesco) ( 2181)



sem_esperto_verde

La forza che si esercita fra protoni icona_glossario e neutroni icona_glossario all’interno del nucleo icona_glossario è denominata interazione forte . Nel 1935 Il fisico giapponese Yukawa icona_biografia premio Nobel per la Fisica nel 1949, ipotizzò che tale forza fosse mediata icona_glossario tramite una particella di massa diversa da zero, denominata pione π icona_glossario. In genere la massa della particella mediatrice è correlata alla zona nell quale la forza si estende (range) Ad esempio le forze elettromagnetiche , che hanno range infinito, sono mediate dai fotoni γ icona_glossario , particelle di massa a riposo nulla che possono muoversi solo alla velocità della luce .

La relazione che lega il range dell’interazione alla massa della particella che viene scambiata è di proporzionalità inversa:

R = k/m

dove k = h/2πc

h è una costante fondamentale della fisica (costante icona_glossario di Plank ) c è la velocità della luce.

ScienzaPerTutti_12autobus_costanti_small

Poster del progetto “Fisica in autobus” icona_linkesterno per il WYP2005 dedicato alle “Costanti della fisica : succo dell’Universo”.

Le interazioni forti hanno un range limitato alla dimensione del nucleo dell’atomo ( circa 10-15 metri cioè un milionesimo di un miliardesimo di metro) e questo determina la massa del pione, che è di circa 150 Mev. Le masse delle particelle subatomiche si esprimono in genere in MeV icona_glossario multipli dell’electronvolt (Mev = 106 electronvolt icona_glossario ), dove 1 electronvolt = 1,6 10-19 joule icona_glossario.Questa in effetti è una misura di energia e non di massa! Tuttavia, sulla base della famosa relazione E = mc2 di Albert Einstein icona_biografia (del quale nel 2005 - Anno Mondiale della Fisica icona_wy2005 - si è celebrato l’annus mirabilis ) che lega massa ed energia icona_chimica è consuetudine nello studio del mondo subatomico utilizzare, invece che la massa, l’energia equivalente. Nel caso delle interazioni forti il pione deve esisterein tre stati di carica icona_glossario (positivo, negativo, neutro) per permettere tutte le possibili interazioni. Ad esempio un protone si può trasformare in un neutrone emettendo un pione carico positivamente come mostrato in figura 1.

ScienzaPerTutti_pp-dpai

Oppure due protoni interagiscono fra di loro scambiandosi un π0, come mostrato in figura 2.

ScienzaPerTutti_pp-pp

Il pione carico fu scoperto nel 1947 da Cecil Frank Powel icona_biografia, Cesare Lattes icona_biografia Giuseppe Occhialini icona_biografia in un esperimento con lastre fotografiche in alta quota. Più tardi, nel 1950, venne scoperto il pione neutro in un esperimento con fasci di protoni accelerati. In generale la carica positiva o negativa di una particella viene determinata facendola passare in una zona di campo magnetico B. Fissata la direzione del campo B, la forza di Lorentz icona_biografia icona_miniapprofondimento F =± q (V x B) (in assenza di campo elettrico) determina uno spostamento della particella di carica q e velocità V perpendicolarmente al campo magnetico, a destra o a sinistra a secondo del segno della carica, come mostrato in figura 3.

ScienzaPerTutti_coppia_in_cmLe particelle neutre non possono essere rivelate direttamente, ma vengono identificate ricostruendo a ritroso la storia delle loro interazioni. Ad esempio, un pione neutro si trasforma decade icona_esperto in due fotoni, che a loro volta producono una coppia elettrone-positrone (il positrone icona_glossario è un elettrone carico positivamente, l’antiparticella icona_glossario dell’elettrone). Sarà possibile vedere solo le particelle cariche, utilizzando le quali bisognerà poi decidere se esse sono il prodotto finale dell’interazione di un pione neutro. Un esempio è riportato in Figura 4.

ScienzaPerTutti_p0-gg-eee-e-

Altre particelle , come ad esempio muoni μ icona_glossario e neutrini ν icona_glossario interagiscono più debolmente Si parla allora di interazioni deboli. Anche le interazioni deboli fra muoni e neutrini sono mediate da bosoni icona_glossario mediatori, ma diversamente dall' interazione elettromagnetica la loro massa non è nulla faq1 sono le particelle cariche W+ e W- icona_glossario  e da una particella neutra Z0 icona_glossario  . Le interazioni deboli sono quasi puntiformi, il loro range di interazione è molto corto. Le particelle che mediano l’interazione debole hanno quindi una massa molto grande. Alcuni esempi di interazioni deboli sono mostrati in Figura 5.

ScienzaPerTutti_W_Z0L’esistenza delle particelle W+ e W+ e Z0 fu predetta da Glashow icona_biografia, Weinberg icona_biografia e Salam icona_biografia nel 1970. Nel 1973 ci fu una conferma indiretta della loro esistenza attraverso esperimenti che utilizzavano fasci di neutrini. Ma la conferma definitiva si ebbe nel 1983 facendo urtare fasci di protoni e antiprotoni al Cern, esperimento per cui Carlo Rubbia icona_biografia fu insignito del premio Nobel .

La massa di queste particelle è molto grande:

Mw ~83 Gev icona_glossario, MZ ~ 93 Gev (Gev = 109 electronvolt )

In questo caso le particelle W+ e W-, anche se cariche, vivono troppo poco icona_esperto per poter essere rivelate direttamente. Così come descritto nel caso della particella π0, esse devono venire ricostruite studiando i prodotti di decadimento.

Ad esempio:

W +→μ++ vμ

W -→μ -+ -vμ

Z 0→μ++ μ-

Per finire, va ricordato che nella moderna teoria delle interazioni forti , i protoni icona_glossario e neutroni icona_glossario sono costituiti da particelle ancora più fondamentali denominate quark icona_glossario icona_esperto . La teoria denominata Quantum Cromo Dynamics (QCD) prevede che le forze fra quark siano mediate da particelle neutre e senza massa denominate gluoni icona_glossario . Tuttavia, la teoria prevede anche che questi gluoni siano confinati icona_glossario all’interno del protone (o neutrone) e non possano essere osservati.

Giuseppe Iaselli – Fisico


 

 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.