Tutte le risposte

0279. Come avviene la fusione nucleare?

 

espertomini

Potete chiarirmi come avviene la fusione nucleare, e quali sono le differenze con la fissione. Come avviene il processo di fusione nel Sole? (Martina Piersantelli) (2160)

 

sem_esperto_gialloLa possibilità di due nuclei atomici di fondere originando un nucleo più pesante è una caratteristica che posseggono quasi tutti gli elementi (con poche eccezioni tra cui, ad es., il nucleo del ferro icona_chimica ). La massa del nucleo prodotto dopo la reazione di fusione icona_esperto[79] è minore dei nuclei di partenza, e tale difetto di massa (Δm) è trasformato in energia secondo l’equazione di Einstein : E=Δmc2 icona_esperto[276]. L’elemento della materia ordinaria che è largamente più diffuso nell’Universo è l’idrogenoicona_chimica nello stato di plasma icona_esperto[4], cioè di un fluido costituito da protoni icona_glossario ed elettroni icona_glossario che presenta complessivamente carica elettrica nulla. La fusione nucleare dell’idrogeno è l’attività più diffusa fuori della terra per produrre energia, come avviene sulle stelle ed in particolare sul nostro Sole. Perché si produca la fusione bisogna che i nuclei vengano a trovarsi a distanze molto piccole. In tali condizioni, la forza di attrazione denominata interazione forte , che opera solo su protoni icona_glossario e neutroni icona_glossario che si trovano a distanze dell’ordine del raggio del nucleo supera la forza di repulsione elettrica . La forza elettrica è – diversamente dall’interazione forte presente solo a distanze sub-nucleari - un’interazione efficace anche su grandi distanze, ed è di tipo repulsivo perché i nuclei hanno carica dello stesso segno. L’interazione forte è una delle quattro forze fondamentali della natura, assieme alle forze gravitazionale , elettromagnetica e debole . Ciò che consente di realizzare la condizione di fusione nucleare sul Sole (vedi Figura 1) è la compressione prodotta dalla forza gravitazionale a causa dell’enorme massa del plasma icona_glossario icona_esperto[4] di idrogeno che costituisce la stella.

ScienzaPerTutti_fusione_sul_sole

Fig1. La reazione di fusione sul Sole . Credito: R. Cesario

Tuttavia, la reazione fondamentale che si verifica, non è quella di due nuclei d’idrogeno, cioè due protoni (che hanno massa 1), che formano un nucleo di elio con massa pari a 2. Infatti il nucleo di elio con massa 2 è instabile e non esiste in natura. Ciò che avviene sul Sole è invece la trasformazione dei due protoni in un nucleo di deuterio icona_glossario (isotopo icona_glossario di idrogeno icona_chimica con massa 2). Tale reazione è resa possibile dall’interazione debole , forza che non ci è familiare perché ha un raggio di azione molto piccolo e si esaurisce nelle dimensioni sub-atomiche. La fusione sul Sole avviene proprio grazie alla compressione gravitazionale e a questa forza fondamentale della natura. Questo processo di fusione del combustibile solare è molto lento (miliardi di anni). Se fosse ammessa la semplice fusione di due protoni per formare un nucleo di elio2, la vita del sole sarebbe stata ridotta ad una frazione di secondo. Dunque possiamo dire che dobbiamo la nostra vita all’interazione debole (oltre che alle altre tre forze fondamentali della natura). La fusione nucleare sulla terra non è un processo che può avvenire spontaneamente e non può essere utilizzato in modo relativamente semplice come invece avviene nei comuni processi impiegati per produrre l’energia elettrica di cui ha bisogno la società industriale, come ad esempio la combustione petrolio (energia termoelettrica icona_glossario), o la caduta di masse d’acqua (energia idroelettrica icona_glossario) o la fissione icona_glossario nucleare. Sono questi appunto tutti i processi che possono avvenire spontaneamente sulla Terra. In particolare, la produzione di energia dalla fissione nucleare utilizza il processo spontaneo del decadimento radioattivo di nuclei di elementi pesanti (ad es. uranio icona_chimica ) in nuclei più leggeri. Si tratta del processo inverso alla fusione nucleare, con l’importante differenza che quest’ultimo non può avvenire spontaneamente sulla Terra. Anche nella fissione nucleare si ha una forte produzione di energia, prodotta dall’interazione forte (nucleare). Anche in questo caso la massa dei prodotti della trasformazione è inferiore alla massa dei nuclei di partenza e il difetto di massa corrisponde a produzione di un’enorme energia. Tuttavia la fissione nucleare non può rappresentare una soluzione al problema dello sviluppo sostenibile della società moderna sia perché utilizza riserve non rinnovabili del pianeta, sia perché lo smaltimento delle pericolose scorie radioattive rappresenta un problema dal costo incalcolabile. La fissione nucleare non può essere considerata come una vera fonte di energia che possa risolvere il problema del fabbisogno energetico e della conservazione della biosfera. Solo la fusione nucleare darà all’uomo la vera energia nucleare, come fanno le stelle. Produrre energia dalla fusione nucleare di plasmi di deuterio icona_glossario (isotopo icona_glossario di idrogeno icona_chimica con massa 2) rappresenta il progetto più ambizioso che l’uomo abbia mai concepito. La principale difficoltà consiste nel riscaldare (a 100 milioni di gradi) il plasma icona_esperto[4] per consentire ai nuclei di urtare tra di loro vincendo così la repulsione elettrica. Per tale motivo parliamo di fusione icona_glossario termonucleare. Il plasma ad elevate temperature è tenuto assieme per mezzo di campi magnetici prodotti all’interno di opportune macchine sperimentali denominate tokamak icona_glossario. Nei laboratori dell’ENEA icona_linkesterno a Frascati opera il tokamak denominato FTU .

ScienzaPerTutti_FTU

2. La sala FTU nei Laboratori dell’Enea a Frascati L’esperimento tokamak più grande del mondo è quello
della Comunità Europea che è denominato JET, con sede in Inghilterra (vedi Figura 3).

ScienzaPerTutti_JET

Fig 3. Joint European Torus (JET)

Le future centrali elettriche utilizzanti la fusione nucleare potrebbero soddisfare il fabbisogno del nostro paese per mille anni prelevando il combustibile necessario esclusivamente dall’acqua di un piccolo lago.

Roberto Cesario -Ingegnere Nucleare


   
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.