Tutte le risposte

0274. Sulla luna l'accelerazione è minore. Si può calcolare la velocità di caduta di un'astronauta?

espertomini

Ci sono persone che mettono in dubbio che gli americani siano andati sulla luna. Io ho visto il filmato e ho notato un'astronauta che ha fatto un salto scendendo dalla scaletta. Dato che sulla luna l'accelerazione di gravità è minore, non si potrebbe calcolare la velocità di caduta dell'astronauta e così verificare a che accelerazione è soggetto e quindi sapere dove si trova? (Giovanni Alberti) (2150)

 

sem_esperto_verdeBasta un semplice motore di ricerca per trovare siti in ogni angolo della terra i cui autori, sospettando che le missioni Apollo siano state la più grande montatura della storia dei viaggi spaziali, sostengono la teoria della mistificazione con l’utilizzo di sceneggiature speciali. Come abbiamo già fatto in altre occasioni ricordiamo ai nostri web-nauti di essere molto cauti nei confronti di notizie reperite sulla rete in siti dei quali non si conosca l'affidabilità icona_esperto[53] icona_esperto[251] icona_esperto[249]. Affrontiamo ora il tema dello sbarco sulla Luna partendo da considerazioni via via più scientifiche. Innanzitutto, come tutti i fan di Star Trek, di tutte le serie, sanno, Gene Roddenberry inventò il teletrasporto dell’ equipaggio della prima serie perchè il produttore, non convinto del successo dei telefilm, mise a disposizione un budget limitato con il quale non era possibile pensare di simulare basi di atterraggio sufficientemente attrezzate. Questo dimostra che la NASA avrebbe dovuto avere a disposizione una quantità enorme di mezzi economici che consentissero, all’ epoca, la simulazione di 6 sbarchi sulla Luna, più, naturalmente, gli effetti speciali per il danneggiamento dell’Apollo 13. Non è un caso che solo nel 1995 sia stato realizzato il film con Tom Hanks. Nella letteratura di fantascienza, è possibile trovare, a mia conoscenza, almeno due racconti di “finti” viaggi sulla Luna e su Marte. Nel primo dei due, di cui non ricordo più nè titolo nè autore (ma o si trattava di Isaac Asimov o di Arthur Clarke), nemmeno l’ astronauta era consapevole che la sua missione era fasulla, per cui impazzisce alla fine del racconto quando si rende conto di non aver mai abbandonato la superficie terrestre. La diffusione e la credibilità della fantascienza di autore possono quindi aver dato un forte contributo agli scettici. Ma le argomentazioni più serie e scientificamente significative vengono dal fatto che tutte le missioni Apollo hanno lasciato sulla superficie lunare dei veri e propri laboratori di ricerca. Sul sito icona_linkesterno della NASA è possibile consultare l’archivio di tutte le missioni dall’Apollo 8 all’Apollo 17, delle missioni precedenti senza equipaggio e dei razzi vettori sviluppati. Di ogni singola missione sono poi disponibili i dati sperimentali. L’Apollo 15 ha inoltre lasciato sul suolo lunare un’apparecchiatura capace di riflettere la luce di un laser dalla Terra, che, essendo completamente passiva, permette ancora oggi studi sul moto della Luna: rotazione, rivoluzione, nutazione.

ScienzaPerTutti_strumenti_sulla_luna

Le apparecchiature lasciate sulla Luna (1969-1977)

Alcune di esse sono ancora funzionanti facilmente controllabili sono i dati presi sui raggi cosmici , che sono stati il primo studio della loro comosizione al di fuori dell’ atmosfera terrestre. Ad essi si aggiungono i dati disponibili sulla geologia lunare, etc. A questo indirizzo icona_pdf è disponibile un’esauriente descrizione redatta dalla NASA icona_linkesterno già esistente che descrive la complessa strumentazione lasciata sulla Luna nei vari siti di sbarco.

Maria Pia De Pascale – Fisico


 

 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.