Tutte le risposte

0271. Mi spiegate la relazione periodo-luminosità delle variabili cefeidi?

espertomini

Da tempo mi interesso attivamente di astronomia e fisica e, studiando i metodi con cui si è arrivati alla determinazione delle distanze stellari, sto incontrando qualche difficoltà nel risalire ai passaggi matematici che portarono la Leavitt alla redazione della formula che dimostra la relazione periodo-luminosità delle variabili cefeidi (stelle importantissime per le misure astronomiche), ovvero M=A+BlogP, sui significati dei termini A e B e su come sono stati determinati. (Andrea Casel) (2149)


sem_esperto_verdeLa determinazione delle distanze dei corpi celesti è certamente uno dei problemi piu interessanti e più significativi dell'astronomia. Di metodi per il calcolo della distanza ne esistono numerosi tipi e si distinguono sostanzialmente per la "profondità" che riescono a raggiungere . Per le distanze relativamente prossime a noi, quindi nel sistema solare o per le stelle più vicine, si possono utilizzare metodi geometrici quale quello della parallasse icona_miniapprofondimento. Per distanze superiori esistono sistemi che sfruttano le proprietà fisiche delle stelle e dei sistemi stellari, andando a individuare la cosiddetta "candela standard" icona_esperto[64]. Uno dei metodi che si utilizzano è quello basato sulla relazione luminosità-tempo delle stelle cefeidi: un tipo di stelle variabili icona_glossario che prendono il nome dalla stella delta della costellazione del Cefeo la cui luminosità varia del 50% in cinque giorni.

ScienzaPerTutti_delta_cefeo

Delta Cephei

(grafico dal sito http://skyandtelescope.com)

Negli anni a cavallo tra ‘800 e ‘900 l’astronoma americana Henrietta Swan Leavitt icona_minibiografia si dedicò alle osservazioni delle stelle variabili cefeidi della Grande e della Piccola Nube di Magellano , in qualità di capo del dipartimento di fotometria fotografica dell’Harvard College Observatory.

ScienzaPerTutti_magellano_grande_nube

Nel corso della sua carriera la Leavitt scoprì oltre 2.400 stelle variabili, circa la metà di quelle conosciute a quell’epoca. I risultati delle sue osservazioni, pubblicati nel 1912, mostrarono che stelle cefeidi le cui variazioni di luminosità avevano un periodo diverso, avevano anche una diversa magnitudine (cioè erano più o meno luminose). icona_linkesterno Appartenendo tutta alla stessa struttura (una delle Nubi di Magellano) ed essendo quindi tutte alla stessa distanza, la maggiore o minore magnitudine poteva essere legata soltanto alla diversa lunghezza del periodo di variabilità delle diverse stelle. In particolare, costruendo un grafico che riportasse su un asse (asse x, delle ascisse) la magnitudine assoluta (calcolata a partire dalla magnitudine apparente osservata e dalla distanza delle Nubi di Magellano, all’epoca già nota) e sull’altro (asse y, asse delle ordinate) il logaritmo del periodo di variabilità, la Leavitt osservò che le stelle si disponevano, con buona approssimazione, lungo una linea retta.

scienzapertutti_grafico_stelle_disposizione

Ecco dunque l’origine della formula M = A + B log P, dove B è il coefficiente angolare della retta individuata sul grafico e A è il valore di ordinata (quindi di magnitudine) al quale la retta interseca l’asse verticale del grafico: i valori esatti furono all’epoca ricavati proprio dal grafico stesso, attraverso l’analisi della retta lungo cui si disponevano i punti che rappresentavano le stelle. Non è facile trovare dei precisi riferimenti su quali furono le intuizioni che portarono la Leavitt a correlare la magnitudine e il periodo di variabilità delle cefeidi; ma d’altra parte anche la genesi del famoso diagramma H-R , dovuto agli astronomi Hertzsprung icona_biografia e Russell icona_biografia, che, mettendo in relazione temperatura e luminosità, è diventato uno dei capisaldi di riferimento per l’evoluzione stellare, è ammantata di una certa dose di casualità. Probabilmente, in entrambi venne effettuata una lunga serie di tentativi prima di arrivare al risultato. La formula ricavata dalla Leavitt è stata poi accuratamente calibrata e attraverso di essa, una volta calcolato con le osservazioni il periodo di variabilità, si può ricostruire la magnitudine assoluta di una cefeide; confrontando quest’ultima con la magnitudine apparente osservata, si può calcolare la distanza della stella. Prima dei calcoli della Leavitt, si potevano calcolare le distanze stellari fino a circa 100 anni-luce : grazie al lavoro dell’astronoma americana si aprì la strada per calcolare distanze fino a 10 milioni di anni-luce, cioè 100.000 volte più lontano.

Paolo Ferretti – Astrofilo


 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.