Tutte le risposte

0254. Vorrei sapere perchè alcuni motori elettrici hanno un basso assorbimento

espertomini

Vorrei sapere perché alcuni motori elettrici sia monofase che trifase a vuoto alcuni hanno un basso assorbimento invece altri si avvicinano ai valori di targa grazie. ( Filippo Iacaccia) (2132)


sem_esperto_verdePresumo che il nostro web-nauta si riferisca a motori asincroni icona_esperto[70] e icona_esperto[48]. La corrente a vuoto ( per condizioni a vuoto si intende avere i circuiti del rotore aperti, o avere frequenza di rotazione del rotore sincrona con la frequenza di alimentazione; in queste condizioni si ha corrente rotorica nulla) in un motore asincrono icona_esperto[48] dipende dal rapporto tra il modulo della tensione di alimentazione ed il modulo della impedenza dei circuiti statorici. L'impedenza è data dalla somma vettoriale della resistenza e dalla reattanza di tali circuiti.

La resistenza statorica ha percentualmente valori bassi pertanto può anche essere trascurata, mentre la parte restante della impedenza, la reattanza, dipende essenzialmente dalla induttanza associata agli avvolgimenti statorici (Reattanza=prodotto della pulsazione per l'induttanza). L'induttanza dipende, in maniera direttamente proporzionale, dal flusso magnetico concatenato con le spire degli avvolgimenti icona_esperto[83]. Il flusso magnetico a sua volta dipende in maniera inversamente proporzionale dalla riluttanza del circuito magnetico: maggiore è la riluttanza minore è l'intensità di flusso magnetico a parità di corrente circolante nelle spire e quindi minore è l'induttanza e minore è la reattanza; con minore reattanza si avrà minore impedenza e con minore impedenza si avrà maggiore corrente a vuoto. La riluttanza di un circuito magnetico si riduce con la presenza di materiali ferromagnetici icona_glossario ed aumenta notevolmente all'aumentare dello spessore del traferro icona_glossario .

Da quanto detto si capisce che nei motori asincroni a seconda di come vengono realizzati gli avvolgimenti statorici ed i nuclei ferromagnetici, e a seconda dello spessore del traferro rispetto al resto del motore (statore icona_glossario e rotore) si può avere percentualmente una reattanza diversa; In genere la reattanza varia dal 20% al 40% dell'impedenza nominale del motore (l'impedenza nominale è l'impedenza che, se alimentata con tensione nominale, determina un assorbimento di corrente uguale a quella nominale del motore ). Ne consegue che la corrente a vuoto dei motori asincroni in genere, può appunto variare dal 20% al 40% della corrente nominale.

Per riassumere possiamo dire che il valore della corrente di assorbimento a vuoto, rispetto a quello nominale, nei motori asincroni icona_esperto[128] segue approssimativamente il rapporto fra lo spessore del traferro e la lunghezza totale del circuito magnetico.

Giuseppe Rossi - Ingegnere Elettrotecnico


 

 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo