Tutte le risposte

0236. Che cosa sono le tempeste magnetiche?

espertomini

Ho sentito spesso parlare di tempeste magnetiche provenienti dal sole che, soprattutto negli ultimi anni, si sono abbattute dal sole sul nostro pianeta. Cosa sono le tempeste magnetiche? Come si generano? Cosa "abbattono" sulla terra ? Come si manifestano a noi ? Le vediamo come una aurora boreale oppure hanno ripercussioni solo a livello di trasmissioni terrestri o di strumenti? E ancora è possibile ricreare queste tempeste magnetiche "in provetta"? L'argomento mi affascina e vorrei conoscerlo fin nei minimi particolari. (Mirko) (2114)

Come si sviluppa il fenomeno delle aurore boreali? (Serena Picchioli) (2014)


sem_esperto_verdeQuando sul Sole si verificano fenomeni di attività improvvisa e violenta, come i brillamenti, vengono emesse grandi quantità di raggi X che disturbano la ionosfera (quella parte dell'alta atmosfera dove ioni ed elettroni icona_glossario sono presenti in quantità sufficiente da modificare la propagazione delle onde radio ad alta frequenza che la attraversano) aumentando di molto il numero di atomi ionizzati e di particelle ad alta energia che viaggiano velocemente nello spazio verso la Terra. Questa corrente di particelle viene frenata e deviata dal campo terrestre, che a sua volta ne viene disturbato e distorto. Quando avvengono queste esplosioni ("tempeste magnetiche") la magnetosfera terrestre (la regione attorno alla Terra pervasa dall’azione del suo campo magnetico) subisce un forte contraccolpo che può causare black out temporanei nelle reti elettriche o nei sistemi satellitari di comunicazioni.

Inoltre, alle tempeste magnetiche è associato lo spettacolare fenomeno delle aurore polari (boreali e australi, figura 1).

ScienzaPerTutti_aurore_polari

Quest'ultime sono causate dal fatto che elettroni icona_glossario e protoni icona_glossario del “vento solare” (il flusso di particelle che, a causa dell’altissima temperatura dovuta ai processi di fusione icona_glossario all’interno del Sole, sfuggono alla sua attrazione gravitazionale) immessi nella magnetosfera durante un brillamento solare sono incanalati dalle linee di forza e, in vicinanza dei poli magnetici, urtano gli strati superiori dell'atmosfera provocando l'emissione di luce da parte degli atomi alle frequenze loro caratteristiche. I brillamenti solari (figura 2) possono essere considerati le più colossali esplosioni che si possono ammirare nell’intero sistema solare.

ScienzaPerTutti_brillamento_solareUn brillamento è causato da una immane quantità di energia magnetica, generata nell’atmosfera solare, improvvisamente rilasciata verso lo spazio aperto. La radiazione emessa abbraccia tutto lo spettro elettromagnetico icona_glossario , dalle onde radio ai raggi X e gamma.

E’ erroneo credere che le tempeste magnetiche, e quindi i brillamenti solari, siano aumentati negli ultimi anni. La frequenza dei brillamenti, infatti, coincide con il ciclo undecennale del Sole il quale è conseguenza del peculiare comportamento del campo magnetico solare.

Il campo magnetico solare è estremamente debole. Caratteristica importante di questo campo è che il suo asse non è fisso. Esso, infatti, migra dai poli verso l'equatore, procedendo poi verso i poli, ma con un'orientazione opposta a quella iniziale, e di nuovo verso l'equatore fino ad assumere la posizione iniziale. La rotazione completa dell'asse magnetico avviene con un periodo di circa 22 anni e la manifestazione più apparente di questa variabilità è nel numero di macchie solari visibili sulla fotosfera icona_glossario . Le macchie (figura 3) sono probabilmente generate da intensi flussi magnetici che fuoriescono dalla superficie solare una volta che, a causa della rotazione differenziale, i flussi magnetici si raggomitolano gli uni sugli altri.

ScienzaPerTutti_macchie_solaritif

Il numero delle macchie aumenta quando l'asse magnetico è orientato nella direzione dei poli, mentre diminuisce quando questo è orientato lungo l'equatore. Dall'alternarsi di periodi di massima e minima attività solare è stato definito un periodo, detto ciclo solare, appunto di 11 anni. Quando il numero delle macchie è elevato, l'intensità dei campi magnetici è assai forte e aumenta di conseguenza anche la frequenza dei brillamenti. Quando le zone attive sono poche e piccole, vengono rilevati pochi brillamenti di scarsa rilevanza. L’argomento delle tempeste magnetiche, e più in generale dell’influenza del Sole sulla magnetosfera terrestre, è molto vasto e complesso e c’è una vastissima letteratura in proposito, che invito a consultare. Per concludere, da questa breve risposta, il nostro web-nauta potrà facilmente immaginare che riprodurre una tempesta magnetica in provetta è impresa assai ardua!

Roberta Sparvoli – Fisico


 

 
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.