Tutte le risposte

0234. Esiste una branca della matematica che dimostra che 1+1=3?

espertomini

Ho sentito che esiste una branca della matematica che riesce a dimostrare che 1+1=3: Mi hanno detto che si chiama matematica del caos? E' vero? (Leo) (2112)


sem_esperto_verdeIl cosiddetto Caos è un fenomeno che ha attirato grande attenzione da parte dei matematici e dei fisici nel secolo scorso, a partire dal famoso matematico francese Henri Poincarè icona_biografia  ed è tuttora oggetto di studi approfonditi. Esso è propriamente un capitolo della cosiddetta dinamica non-lineare, e cioè essenzialmente della Meccanica Classica fondata da Newton icona_biografia . Nonostante i suoi storici successi nella descrizione dei movimenti celesti, alle soglie del secolo scorso, questa dottrina presentava ancora grandi problemi matematici insoluti. Per quanto forse messi un poco in ombra dalla grande rivoluzione che avveniva in altri campi della fisica, progressi straordinari sono stati ottenuti anche in questo campo, la cui importanza non è sfuggita ai fisici, e lo stesso Enrico Fermi vi ha portato contributi.

Questi studi hanno messo in evidenza, fra l’altro, il fenomeno del Caos.

Questo fenomeno ha aspetti che colpiscono l’immaginazione e così se ne sono trovate illustrazioni pittoresche, che nonostante qualche inevitabile sovra-semplificazione rendono abbastanza bene l’idea di base. La più popolare è probabilmente il “paradosso della farfalla”: se oggi una farfalla sbatte le ali a Pechino, domani si scatena un uragano nei Caraibi. Con ciò si vuol dare l’idea della complessità di un sistema come quello atmosferico il cui comportamento, pur essendo retto da equazioni matematiche esatte, esibisce un’estrema instabilità che lo rende ultrasensibile alle più minute variazioni e dunque essenzialmente imprevedibile a medio e a lungo termine. Questo è il caos; esistono molti sistemi fisici macroscopici che si comportano in maniera apparentemente imprevedibile e sembrano dunque sfidare la descrizione matematica a meno di non volerci introdurre il Caso. Eppure, al contrario, questi sistemi sono descritti da regole matematiche semplici che non hanno niente di casuale. Questa apparente contraddizione è stata risolta dalla scoperta che regole semplici non implicano necessariamente comportamenti semplici, al contrario sono perfettamente compatibili con comportamenti che sono imprevedibili a tutti gli effetti pratici. La descrizione di questi comportamenti ha appunto richiesto lo sviluppo di strumenti matematici che possono essere chiamati la matematica del Caos. Questa non rappresenta una sovversione della matematica tradizionale e in particolare 1+1 fa sempre 2; semplicemente, ha introdotto strumenti nuovi e innovativi. Alcuni dei relativi termini hanno addirittura trovato la via della letteratura di evasione, per esempio quello di Attrattore Strano, strettamente connesso a quello di Frattale icona_glossario e icona_esperto[34] . Si veda per esempio il bestseller “Jurassic Park” di M. Crichton. Una forma notissima, ma certo non la più sorprendente, di Caos è esibita da sistemi che consistono di un grandissimo numero di elementi. Per esempio, una bottiglia di gas contiene un grandissimo numero di molecole che si urtano continuamente e, seppure le leggi che regolano ciascuno di questi urti siano esatte e tutto sommato semplici, la descrizione matematica del comportamento individuale delle molecole è impossibile. Ciò non sembra sorprendente quando si pensa che, essendo molecole del gas in numero smisurato, occorrerebbe risolvere un numero impensabile di equazioni. Tuttavia c’è sotto molto di più. Il fisico Michael Berry icona_quantibio ha calcolato che, se si eliminasse l’ infinitesimale attrazione gravitazionale icona_esperto[102] che un elettrone posto ai limiti estremi icona_esperto[152] dell’Universo esercita sulle molecole del gas nella bottiglia, allora dopo un tempo piccolissimo (quello in cui, in media, avvengono 50 collisioni molecolari) una delle collisioni che avrebbero avuto luogo in presenza di quel lontanissimo elettrone non si verificherebbe più! Ciò significa che la complessità del moto molecolare non è solo dovuta al grande numero di molecole, ma anche alla natura stessa delle regole del moto molecolare, che sono tali da renderlo incredibilmente instabile. In effetti, se il gas fosse così rarefatto da contenere solo due molecole, ebbene il suo moto rimarrebbe ancora caotico solo che il tempo necessario perché questo fatto si traducesse in imprevedibilità sarebbe estremamente più lungo. Di nuovo, il caos qui è dovuto alla instabilità del moto e ciò si può capire assimilando le due molecole a due palle da biliardo. Se il biliardo è un gioco difficile che richiede grande abilità ed estrema precisione nella esecuzione dei colpi, è proprio perché la dinamica delle palle è estremamente instabile; variazioni piccolissime nella esecuzione del colpo producono esiti totalmente diversi già dopo uno o due rimbalzi o urti fra le palle. Se poi il numero di rimbalzi fosse aumentato, diminuendo l’attrito della tavola da biliardo, la difficoltà aumenterebbe in maniera esponenziale e l’abilità, cioè il calcolo, non potrebbe che cedere il posto alla fortuna, cioè al caso. E questo anche assumendo di potere eliminare totalmente ognuno dei minuti e incontrollabili fattori esterni di disturbo che sono sempre presenti. Perfino in quella situazione ideale nemmeno il computer più sofisticato potrebbe prevedere ciò che succede delle palle dopo un alto numero di rimbalzi. E questo è proprio ciò che avviene in un gas anche se composto di poche molecole. Un altro esempio fisico di dinamica caotica, noto da molto prima che si sviluppasse lo studio del caos, è la turbolenza nei fluidi icona_glossario , fenomeno osservabile quotidianamente e la cui comprensione matematica ha nondimeno a lungo sfidato gli sforzi dei fisici, ad onta delle grandi scoperte che si venivano realizzando in altri campi. Proprio in connessione a questo fenomeno ha fatto il suo ingresso il concetto di Attrattore Strano.

La letteratura divulgativa sul Caos è vasta. Trovo particolarmente riuscito il Quaderno de "Le Scienze - Il caos : le leggi del disordine” (1991), cui hanno contribuito scienziati di grande fama nel campo.

Italo Guarneri – Matematico


 

 
Tags:
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.