Tutte le risposte

0192. Qual è il principio di azione del forno a microonde?

espertomini

Ho voluto verificare che il microonde agisce solo sulle molecole d'acqua, lasciando quindi freddi i recipienti. Invece ho visto che anche i piatti di vetro o altro materiale diventano bollenti e ho messo nel forno un termometro sia di plastica che di vetro: quello di plastica è diventato bollente e in quello di vetro si è frantumato il mercurio all'interno. Come si spiega? Ciò non è contrario al principio di azione del forno a microonde? (Francesco Frontera) (2045)

 

sem_esperto_rossoIntanto ci complimentiamo con il nostro web-nauta che ha “voluto verificare” quanto avevamo spiegato in una nostra precedete risposta. La verifica di quanto crediamo di sapere (o di quanto ci è stato tramandato come noto) è alla base dei progressi della scienza.

In effetti in una delle risposte dei nostri esperti icona_esperto[31] sul funzionamento del forno a microonde, viene spiegato come le microonde agiscano prevalentemente sulla molecola dell’acqua a causa della sua natura dipolare icona_esperto[183]. In particolare per frequenze che vanno da 10 MHz icona_glossario a 10 GHz icona_glossario l’energia delle microonde viene assorbita prevalentemente per il rapido movimento oscillatorio di ioni e molecole. Il movimento rapido, a causa dell’attrito, viene convertito in calore che riscalda quindi le sostanze in cui si trovano. (La molecola dell’acqua rappresentata in figura, sbatte le ali (atomi di idrogeno) 2.45 miliardi di volte al secondo quando viene messa in un forno a microonde).

ScienzaPerTutti_molecola_H2O_hot

Il calore si trasmette secondo i tre meccanismi classici: conduzione icona_glossario , convezione icona_glossario e irraggiamento icona_glossario . Tutti e tre i meccanismi di trasmissione sopra detti richiedono tempo ossia possiamo dire che i processi di trasmissione del calore sono processi lenti. Invece il processo di cessione dell’energia dalle microonde alle molecole di acqua è molto rapido, il risultato allora è che in un forno a microonde i cibi che contengono acqua si riscaldano molto velocemente, mentre il piatto in ceramica che li contiene non assorbe affatto l’energia delle microonde e quindi si riscalderà per trasmissione del calore (conduzione, convezione e irraggiamento) dal cibo. Questa è la ragione per cui quando si riscalda una pietanza nel microonde (30-60 secondi) il piatto rimane freddo o tiepido e il cibo diventa bollente, ma dopo dieci minuti anche il piatto diventa bollente se lasciato a contatto con il cibo.

Le microonde, essendo dei campi elettromagnetici oscillanti ad alta frequenza, agiscono anche sui materiali metallici inducendo in essi (per la legge dell’induzione elettromagnetica) delle correnti di uguale frequenza che si chiamano indotte. La profondità di penetrazione di un campo elettromagnetico in un materiale conduttore investito dipende prevalentemente dalla frequenza icona_glossario  e più è alta quest’ultima meno esso penetra nel materiale. Si vengono a formare nel materiale conduttore degli strati di spessore molto sottile percorsi da correnti di intensità elevate. Il passaggio di una corrente in un conduttore ne determina il riscaldamento più o meno accentuato a seconda della resistenza elettrica che oppone al passaggio della corrente stessa. Quindi un recipiente di vetro che abbia parecchio piombo come additivo (i cristalli contengono piombo e non vanno messi nel microonde) tende a riscaldarsi in un forno a microonde anche se non contiene nulla al suo interno. Oppure un foglio di alluminio usato per coprire i cibi può raggiungere temperature elevatissime per effetto delle correnti indotte e schermare il suo interno dalle microonde.

Il termometro classico a mercurio, se messo in un forno a microonde scoppia perché la colonnina di mercurio si comporta come una antenna, in altri termini le microonde mettono in oscillazione gli elettroni liberi del mercurio lungo la colonnina che si comporta come un conduttore percorso da corrente di sezione piccolissima riscaldandosi per effetto Joule icona_glossario icona_biografia oltre la temperatura massima ammessa dal termometro. Per esempio le lampade ad incandescenza posizionate all’interno di un forno a microonde, siccome sono costituite da un filamento di tungsteno molto sottile, vengono montate esternamente alla schermatura altrimenti il fascio di microonde danneggerebbe il filamento.

Per il termometro di plastica si possono verificare molte situazioni che determinano lo scoppio: la plastica ha degli additivi per renderla conduttrice elettricamente e termicamente e quindi risente dell’effetto induttivo delle microonde (come per il cristallo), Il termometro può essere stato riscaldato dal supporto metallico su cui poggiava (esempio la griglia classica che si trova nei forni), e molte altre ancora .

Sandro Tomassini - Ingegnere


 

 
Tags: ,
Utilizza il filtro dei tags anche digitando le lettere della parola che stai cercando

© 2002 - 2018 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.