Uno sguardo alla luce

9. Lo spettro delle onde elettromagnetiche

di Vincenzo Lucherini

I colori della luce che vediamo sono solo una piccola parte dello spettro delle onde e.m. . In realtà esistono onde di così differente lunghezza d’onda che quelle che vediamo coi nostri occhi sono solo una frazione veramente piccola di esse. Se ordiniamo i tipi di onde e.m. secondo la loro lunghezza d’onda (o frequenza, tanto sappiamo sono legate), troviamo onde di caratteristiche completamente diverse. Partendo dalle onde e.m. della luce visibile, se andiamo verso lunghezze d’onda crescenti troviamo, nell’ordine, i raggi infrarossi, poi le microonde, infine le onde radio. Andando in direzione opposta, verso piccole lunghezze d’onda, incontriamo i raggi ultravioletti, i raggi X, infine i raggi Gamma. Oggi sappiamo che minore è la lunghezza d’onda di un’onda - quindi maggiore la sua frequenza - maggiore è la sua energia.; cioè maggiore è l’energia del suo fotone. Perciò le onde gamma hanno i fotoni più energetici, mentre le onde radio i meno energetici .

scienzapertutti_spettro_elettromagnetico

NOTA. Il campo di variazione della lunghezza d’onda nelle onde elettro-magnetiche è così vasto che occorre usare particolari prefissi avanti al simbolo di metro (m), m (milli)=0.001 m; ? (micro)=0.000001 m; n (nano)=0.000000001 m; p (pico)=0.000000000001 m. Per la stessa ragione, per le frequenze insieme all'unità base, l' Hertz (Hz) cioè un ciclo al secondo, si usano i prefissi k (chilo = 1000); G (Giga = 1000000000 = 109) e persino P (Peta = 1000000000000000 = 1015).

© 2002 - 2017 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo