Relatività Generale

7. Le verifiche classiche della Relatività Generale

percorso di Giancarlo Cella

Come accennato precedentemente, Albert Einstein elaborò la Relatività Generale sulla base di considerazioni di consistenza, nel tentativo di costruire una teoria della gravitazione che fosse in accordo con la relatività speciale. Non esisteva all'epoca un evidente risultato sperimentale in disaccordo con la teoria di Newton. Fu lo stesso Einstein a proporre tre possibili test.

Precessione del perielio di Mercurio

Secondo la teoria di Newton, un pianeta dovrebbe orbitare attorno al Sole su un'orbita chiusa di forma ellittica, con il Sole (considerato di massa molto maggiore del pianeta) in uno dei due fuochi. Questa è una caratteristica peculiare del moto in un campo di forze proporzionali all'inverso del quadrato della distanza da un punto.

Se si applicano le equazioni della Relatività Generale allo studio di questo problema, si scopre che questo risultato è vero solo approssimativamente. Se l'orbita del pianeta è a grande distanza dal Sole le correzioni sono molto piccole, ma diventano non trascurabili man mano che l'orbita è più stretta.

L'effetto è il seguente: l'orbita non è più chiusa, ma può essere descritta da una ellisse con un asse maggiore che ruota molto lentamente (precede). Si tratta di un effetto comunque molto piccolo, ma d'altra parte le osservazioni astronomiche a disposizione sono molte e molto precise. Il pianeta più promettente da studiare è Mercurio, il più vicino al Sole, ed è noto che la sua orbita precede di 574.10 ± 0.65 secondi d'arco per secolo.

In realtà questa precessione può essere causata da altri effetti. Il più importante è dovuto alle interazioni con gli altri pianeti, che produce una precessione di 532.3035 secondi d'arco per secolo.

Tolto questo contributo, ed altri meno importanti (dovuti ad esempio alla forma non completamente sferica del Sole) rimane una precessione non spiegata di circa 43 secondi d'arco per secolo, che risulta in accordo con le predizioni della Relatività Generale.

Deviazione della luce

Abbiamo già discusso gli effetti della gravitazione sui raggi luminosi, concludendo che anche questi risultano deflessi da un campo gravitazionale. In realtà è possibile derivare una predizione simile anche dalla teoria di Newton, ma l'angolo di deflessione risulta essere la metà di quello predetto dalla Relatività Generale.

Sperimentalmente questa deflessione si può verificare confrontando la posizione di una stella nota con quella osservata quando il raggio luminoso proveniente da essa arriva a noi passando rasente al Sole. Chiaramente è necessario attendere una eclissi, in modo da non essere “accecati” dalla luce solare.

Arthur Eddington eseguì l'osservazione nel 1919, e il risultato, nonostante la bassa accuratezza confermò la predizione di Einstein. Notare che quest'ultimo aveva inizialmente predetto, basandosi solo sul principio di equivalenza, un risultato identico a quello della teoria di Newton, e solo successivamente lo aveva corretto basandosi sulla teoria completa.

figura6 gravitationa lensing figura7 meccanismo del gravitational lensing
Figura 7-a: Un esempio di gravitational lensing. Figura 7-b: Il meccanismo del gravitational lensing

Grandi concentrazioni di masse possono dare luogo a effetti affascinanti come il gravitational lensing. Osservando regioni opportune del cielo con telescopi abbastanza potenti si possono trovare situazioni come quelle rappresentate nella Figura 7-a. Nella foto appaiono diverse galassie o/e quasar (oggetti estremamente luminosi visibili a grandissime distanze, dell'ordine dei miliardi di anni luce). Sorprendentemente, le cinque immagini dei quasar corrispondono allo stesso oggetto. Analogamente appaiono tre diverse immagini della stessa galassia.

Questo può accadere, come mostrato in Figura 7-b, perché la luce dell'oggetto lontano può essere deflessa da una grande concentrazione di massa presente nella regione intermedia: quindi i raggi luminosi emessi possono arrivare a noi facendo diversi percorsi. Dato che ogni “strada” alternativa può richiedere un tempo differente per essere percorsa, non solo vediamo immagini multiple dello stesso oggetto, ma ogni immagine ci mostra la galassia o il quasar ad un'epoca differente.

Spostamento verso il rosso

Abbiamo già accennato alla verifica sperimentale dello spostamento verso il rosso gravitazionale fatta da Pound e Rebka nel 1959. Prima di questo, a partire dalle predizioni di Einstein si cercò di osservare l'effetto misurando la luce emessa da una stella compatta (una nana bianca), caratterizzata da un valore molto grande del campo gravitazionale. L’idea è la seguente: il gas della stella emette luce a frequenze ben definite e note. Ma se l'emissione avviene alla superficie della stella, le frequenze osservate, in una regione dove il campo gravitazionale è molto meno intenso, saranno inferiori. I primi tentativi di misura sono del 1925, ma per avere risultati accurati si dovette attendere il 1954.

© 2002 - 2019 ScienzaPerTutti - Grafica Francesca Cuicchio Ufficio Comunicazione INFN - powered by mspweb

PRIVACY POLICY

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa sulla Privacy e Cookie Policy

Ultima modifica: 28 maggio 2018

IL TITOLARE

L’INFN si articola sul territorio italiano in 20 Sezioni, che hanno sede in dipartimenti universitari e realizzano il collegamento diretto tra l'Istituto e le Università, 4 Laboratori Nazionali, con sede a Catania, Frascati, Legnaro e Gran Sasso, che ospitano grandi apparecchiature e infrastrutture messe a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale e 3 Centri Nazionali dedicati, rispettivamente, alla ricerca di tecnologie digitali innovative (CNAF), all’alta formazione internazionale (GSSI) ed agli studi nel campo della fisica teorica (GGI). Il personale dell'Infn conta circa 1800 dipendenti propri e quasi 2000 dipendenti universitari coinvolti nelle attività dell'Istituto e 1300 giovani tra laureandi, borsisti e dottorandi.

L’INFN con sede legale in Frascati, Roma, via E. Fermi n. 40, Roma, email: presidenza@presid.infn.it, PEC: amm.ne.centrale@pec.infn.it in qualità di titolare tratterà i dati personali eventualmente conferiti da coloro che interagiscono con i servizi web INFN

IL RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELL’INFN

Ai sensi degli artt. 37 e ss. del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati, l’INFN con deliberazione del Consiglio Direttivo n. 14734 del 27 aprile 2018 ha designato il Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD o DPO).

Il DPO è contattabile presso il seguente indirizzo e.mail: dpo@infn.it

Riferimenti del Garante per la protezione dei dati personali: www.garanteprivacy.it

Il TRATTAMENTO DEI DATI VIA WEB

L'informativa è resa solo per i siti dell'INFN e non anche per altri siti web eventualmente raggiunti dall'utente tramite link.

Alcune pagine possono richiedere dati personali: si informa che il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di raggiungere le finalità cui il trattamento è connesso

Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679, si informano coloro che interagiscono con i servizi web dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, accessibili per via telematica sul dominio infn.it, che il trattamento dei dati personali effettuato dall'INFN tramite web attiene esclusivamente ai dati personali acquisiti dall'Istituto in relazione al raggiungimento dei propri fini istituzionali o comunque connessi all’esercizio dei compiti di interesse pubblico e all’esercizio di pubblici poteri cui è chiamato, incluse le finalità ricerca scientifica ed analisi per scopi statistici.

In conformità a quanto stabilito nelle Norme per il trattamento dei dati personali dell’INFN e nel Disciplinare per l’uso delle risorse informatiche nell’INFN, i dati personali sono trattati in modo lecito, corretto, pertinente, limitato a quanto necessario al raggiungimento delle finalità del trattamento, per il solo tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti e comunque in conformità ai principi indicati nell’art. 5 del Regolamento UE 2016/679.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

L’INFN tratta dati di navigazione perché i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati la cui trasmissione è prevista dai protocolli di comunicazione impiegati. Questi dati - che per loro natura potrebbero consentire l'identificazione degli utenti - vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento. Gli stessi potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di compimento di reati informatici o di atti di danneggiamento del sito; salva questa eventualità, non sono conservati oltre il tempo necessario all'esecuzione delle verifiche volte a garantire la sicurezza del sistema.

UTILIZZO DI COOKIE

Questo sito utilizza esclusivamente cookie “tecnici” (o di sessione) e non utilizza nessun sistema per il tracciamento degli utenti.

L'uso di cookie di sessione è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito. Il loro uso evita il ricorso ad altre tecniche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione e non prevede l'acquisizione di dati personali dell'utente.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento secondo quanto previsto dagli art. 15 e ss. del Regolamento UE 2016/679. L'apposita istanza è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso l’indirizzo email: dpo@infn.it.

Agli interessati, ricorrendone i presupposti, è riconosciuto altresì il diritto di proporre reclamo al Garante quale autorità di controllo.

Il presente documento, pubblicato all'indirizzo: http://www.infn.it/privacy costituisce la privacy policy di questo sito, che sarà soggetta ad aggiornamenti.